Martedì , 27 Settembre 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Carlo Forin: Carme sul cambio di Archetipo (1)
22 Aprile 2007
 

Abbiamo introdotto, in marzo, un’idea forse insolita (che può parere astratta) con ‘Archetipo’. Possiamo scendere nel concreto vivo del carme 63 ad Attis di Catullo. Ricordiamo il suo distico famoso:

 

Odi et amo. Quare id faciam, fortasse requiris?

Nescio, sed fieri sentio, et excrucior.               Carme 85

 

Così ha tradotto Silvano Piccoli – pubblicando in marzo Le Poesie di Gaio Valerio Catullo tradotte in dialetto trevigiano –:

 

Quant odio inte l me amor: Ti forse l parchè te domanda.

No lo so, ma sucède, e so che la è na crose.

 

Catullo nacque nel 84 a.C. e visse 30 anni a Verona, XXI secoli dopo l’inizio di Antares (2270 a.C.) e XXI secoli prima di oggi. Dal punto di vista temporale è in un punto di sintesi, se osserviamo il tempo in modo circolare [Questa è la visione antica del tempo].

Ricordiamo che la parola cercare viene dal latino circare, andare in circolo; dunque, dovremo cercare in un processo circolare per avvicinarci al punto di vista antico.

Nel circolo della vita A DE A, l’anno sumero inizia con l’amore della dea della vita (DEA) e finisce con l’odio del dio della morte (ADE).

A Capodanno avveniva il miracoloso evento delle nuptziae, del matrimonio della morte con la vita e la nascita di AN TAR ISH, la vita nuova, uno scatenamento di forza vitale.

Era il KAR MUR, la ‘forza della vita-morte’.

KAR ME, ‘forza del ME’ era il potere creativo che vi si apriva (carmina sono le poesie di Catullo).

Carme è ciò che qui riferiamo.

 

Nota da opporre alla favola dell’indoeuropeo.

In concreto, alle ore 7,06 del 11 novembre del 2270 (nello Scorpione), poco dopo il sorgere del sole, appariva in Mesopotamia la stella Antares e dopo mezzo minuto spariva. Era il LU GH US, ‘soggetto Luce morte’. In greco diventerà il Logos, il Tutto, dal momento che questa luce-Dio è tutto. Fu il Capodanno sumero-accado, che i Celti nel 501 a.C. fissavano il 31.10-1.11 [con uno slittamento temporale da precessione degli equinozi] con lo stesso metodo [come abbiamo già visto], con Lugh indicativo della luce e Taranis nome del Capodanno.

La jerogamia, il matrimonio sacro, veniva celebrato con feste pazze, che anche la Bibbia ricorda col rito del ‘vitello d’oro’. In terra veniva simulato l’amplesso divino col connubio di una giovane col massimo sacerdote, che veniva imitato dai presenti in tutte le forme.

Sarebbe dispersivo e forse noioso [oltreché molto impegnativo in poco spazio] fare il giro di tutte le culture per millenni per descrivere questo fenomeno rituale che allora era ‘follìa sacra’, ZE RU [non il numero, ma la parola zero radica nelle sillabe sumere ZE, follia, RU, sacra].

È essenziale alla nostra ricostruzione ricordare che in questa folle festa il TAR era il taglio della vita dalla morte.

Il TAR è sopravvissuto nella allegra tarantella dal tarantismo, che era un fenomeno di indeizzazione della tarantata –cioè della possessione divino-diabolica di un’umana, osservata sociologicamente negli effetti-, che risale a questi riti pazzi pregreci.

Questo fenomeno scatenato, di cui abbiamo memoria labile nel dionisismo delle Baccanti, ha resti in pietra che sintetizzano il DA DUE UNO, che abbiamo visto in Archetipo, ben rappresentato in Turchia nel corteo divino di Yazilikaya:

www.atamanhotel.com/whc/hattusa-yazilikaya-relief.html

 

ZEN E (scritto EZEN) è la festa pazza che riassume l’archetipo della vita precedente nei secoli il carme catulliano ad Attis, che, invece, è un taglio della morte dalla vita.

Leggiamolo nella versione trevigiana di Piccoli.

 

Portà da na barca lidiera par mar scuri e fondi,

Attis al riva de corsa, smanioso te l bosc

de la Frigia, te i pra de la Dea che l bosc tut atorno

incorona de onbria; là, fòra de lu, spirità

co na scàia de pièra al se ràga(1) via nèti i afari picadi.

E quan che l à vist che là in mèdo no l era pi mas-cio,

e le mace de l sangue soo fresco par tèra, esaltada

la vea par la man color late n tamburo, quel pizhol

che i sona, Dea Madre Cibèle, co i fà le to sacre funzhion,

e batendo co i so dedin bei la pèl vòda de toro,

tra grìsui e tremazh cusì la cantea a le compagne:

Su, Galle, vegnè co mi insieme, te i bosc de Cibele pi fisi,

su, fede remenghe de nostra Signora del Dindimo,

che, come in esilio, ndé in zherca de tère foreste,

che driome vé fat la me strada, e i perìcui, sorelle,

la furia de l mar vé frontà e l vostro corpo de mas-ci

da n odio perpetuo par Venere vé rovinà,

su, svelte, saltè, feghe festa a la nostra Parona.

Leveghe la fiaca a i pensieri, vigneme drio tute

a l santuario de Frigia, te i bosc de la frigia Cibele;

là i cinbali i sona, i sacri tamburi i rinbonba,

la cana domada de i Frigi la manda na musica scura,

le Mènadi l’èrola in testa le sgorla da osèse,

le canta, le zhiga, le dis su razhion sbaregando,

là come farfalle va atorno l corteo de Cibele,

e corér fin là val la pena, tra bai scalmanadi”.

Fenì de cantar sta novena Attis, né mas-cio né fémena,

eco, la so compagnia co vozhe che trema la ciapa

sù un zhigo, i tamburi lidieri i taca a mular,

i cinbali i introna, e i verdi coston su par l Ida

insieme le fronta de corsa le Galle. Furiosa, sfinìda,

co l’anda che segna l tamburo, Attis la va co l fià longo

par bosc fisi e scuri, rabiosa vedela che scampa da l dof;

pa tégner al pas infogà de la capa cor via nca le Galle.

Le è pena rivade, sfinide, nte l bosc da Cibele

e, a stòmego vòdo, ghe vien na gran sòn da masa fadighe:

le è là a pisocar, se sèra i ocet lori soi,

e basta un sonet a calmarghe la furia te l cuor.

Ma quando che i ragi, che i òci del sol che ne indora

al cèlo i sciarise e la tèra de sas e l salvarègo mar,

e scanpa la nòt scaturida da i zhòcui de i freschi cavai,

Attis l è bel desmisià, al Dio de la sòn al cor via

e incòntreghe riva, e la sfiada, Pasìtea, la sposa.

Cusì bel riposà, senza pi quela furia rabiosa,

Attis al proa ricordarse tut quel che l à fat, in che posti

che l’è capità e quel che l’ha pèrs al capise pulito,

e da novo, te l cuor na bufera, al va do su la spiaja.          47

Là l varda tra le àgreme l mar infinito, a la patria,

co vozhe ingropada da far compasion, al ghe dis:

O patria mea, madre di vita, patria mea genitrice,

asada par desperazhion, cusì come i servi par solito

i ghe scampa a i paroni, e tut par rivar inte i bosc

de l Ida, co n metro de neve, tra tane ingelade de bestie,

e fòra de mi ndar a sconderme là te quei bus,

da che banda etu mai, onde mai, patria, pòse pensarte?

I ocet i te smira, i va in zherca de ti lori soi,

adès che o un fià libero l cuor da la rabia furiosa.

E lora, distante da casa, vario da ndar par i bosc?

No ver pi na patria, la roba, né amighi, né mare né pare?

Lontan da palestra e ginasi, da l stadio, da piazhe e marcà?

Ah cuor, pore cuor, chisà quant che te tocarà piànder!

Che aspetto o figura elo ncora che mi no apiè vu?

Mi fémena, dòven, fiolet, tosatèl, e mi fior

del ginnasio, mi gloria, mi onor de palestre; par mi

tut un vèrder le porte, par mi sempre caldi i scalin,

de corone de fior par mi vee la casa inbelida

de prima matina ogni dì, co tochea levar su.

E adès, che son ndata a servir i Dei e Cibele dirali?

Mi Mènade, senzha na part de mi steso, mi sterilo

me tòchelo star qua su l Ida, te i prà sote un metro

de neve, mi far la me vita qua a i piè de ste zhime de Frigia,

divider al bosc co le cerve o i cinghiai ch’i é de casa?

Adès sì che me jol quel che ò fat, che me ciame pentida!”

La ghe era sbrinsada la vozhe da i bei lavri rosa,

portandoghe a i Dèi che i scoltea la notizia improvvisa;

subito lora Cibele la sliga da l dof un leon,

teror de le fede, cusì la ghe parla e lo indèrega:

Va, bestia, va senza pietà, fa che l olte via mat,

che i tiri da osèso i lo pare da novo inte l bosc,

lu che l varie tant a caro da no ubidir pi a i me comandi.

Su, mena la coda, su, segna i galon de scuriade, e soporta;

fà in modo che treme nca l’aria a sentirte rognar

e sgorla cativo la rosa criniera su l col cusì forte”.

Cusì la minacia Cibale, e l dof la ghe sliga ela sola;

la bestia, tant pi inderegada, co l cuor infogà da la rabia

la parte, la rogna, le zhate le crèpa le frasche.

E quan che la riva a la sabia sbiancada de l’umida spiaja

e l tenero Attis la vet là su l marmo de l mar,

adòs la ghe salta; lu, scaturì, in medo a i bosc

salvàreghi l scanpa e là l fa la serva, par tuta la vita.

Dea granda, Cibèle, Signora del Dìndimo, tegni

lontàn la to furia, parona, da mi e la me casa;

ti spireghe a i altri sti tiri, a i altri sta rabia.

 

Ci proponiamo di commentarlo la prossima volta.

 

Carlo Forin

 

 

(1) Ragàr, recidere, Emilio Zanette, Dizionario del dialetto di Vittorio Veneto, V.V., De Bastioni ed., 1980.


Articoli correlati

  Carlo Forin: Maroni contro l’Europa e contro i pellegrini.
  Carlo Forin: A cena con Dio
  Carlo Forin: Coito
  Carlo Forin. Il doppio circolo della Resistenza
  Carlo Forin: Italia: al 55° posto in Diritto! Bigliettino per il ministro Alfano
  Carlo Forin. San Francesco
  Carlo Forin, Semerano. Archeologia linguistica.
  Carlo Forin. La favola dell’indoeuropeo
  Carlo Forin: Aprire al ME
  Carlo Forin: Confesso oggi la mia fedeltà alla tradizione cristiana
  Carlo Forin: Halloween - Antares
  Carlo Forin: Il Gran Giocattolaio
  Carlo Forin: Gli albori di Milano
  Rappresentazione falsa del mondo: Ideologia.
  Carlo Forin, Proteo e Cerere corrotta.
  Carlo Forin: Dimensione della parola ‘dimensione’. Archeologia del linguaggio
  Carlo Forin. Che nessun Duce di ritorno tocchi la Costituzione!
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (3)
  Carlo Forin: Quoad, fino a quando, la libertà sarà in pericolo? (Lodo Alfano bocciato).
  Carlo Forin: Un 2010 sgannato
  Carlo Forin: la luce che viene
  Carlo Forin: Tutto quello che ci dice "Gallare". Vulva. Dal sumero. Omaggio alla sumerica Paola Senatore.
  Carlo Forin. Il periodo del lustro
  Carlo Forin. La trasformazione ecologica
  Carlo Forin. 25 aprile 2021 < 25 aprile 1945
  Carlo Forin: Antares.
  Carlo Forin: Calamaro.
  Carlo Forin: Tempi da lupi mannari per la Costituzione italiana
  Carlo Forin: A Zeneda c’è stata una festa. La Rosa.
  Carlo Forin. Mario Draghi, dieci anni dopo
  Carlo Forin: Storia del ME con lettera a Claudio Di Scalzo detto Accio
  Carlo Forin: Chi impersòno io?
  Carlo Forin. Distanziamento
  Carlo Forin. San Francesco 2021
  Carlo Forin: Viaggiare nel pensiero nel tempo. Con sito turco
  Carlo Forin: La struttura del doppio circolo del Cielo e della Terra nella Bibbia (1)
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario: 19 ottobre (1)
  Carlo Forin: La lingua è un fiume sporco
  Carlo Forin: Diario del 24 e 25 dicembre 2008
  Carlo Forin: Gnosis.
  A Gino (dal primo figlio) 
  Carlo Forin: Vogliamo confrontarci con gli altri del Terzo Mondo signora Emma Marcegaglia?
  Carlo Forin: Anche Gesù era abbronzato come Obama
  Carlo Forin. Provvidenziale 8 settembre
  Carlo Forin: Riflessioni su me, Me, ME.
  Carlo Forin. Seconda dose oggi a Vidor di Treviso
  Carlo Forin: Noi, Italiane ed Italiani, maschi della màntide religiosa
  Carlo Forin, Saturnia Tellus.
  Carl Forin: "Onesimo" con allegata storia di collaborazione e amicizia
  Carlo Forin: Il mediarca Berlusconi non è un capitalista come tanti al mondo
  Carlo Forin, Dizionario delle parole basilari: Ideologia
  Carlo Forin. Circoncisione
  Carlo Forin: Risposta a Bruna Spagnuolo e sugli alati
  Carlo Forin: Belem, notte di Natale
  Carlo Forin, Sei forse sorella di Febo?
  Carlo Forin, Veneris... nefandae.
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (4)
  Carlo Forin. Covid 19 virus intelligente
  Carlo Forin: La mia lettura di Bernart de Ventadorn in "Canzone di Primavera"
  Carlo Forin: Autobiografia come giocattolaio piccino
  Carlo Forin: Nel Mondo glocale narrando con l’amiloidosi mia compagna
  Carlo Forin: RAGA'R, tagliare. Catullo e Piccoli (2)
  Carlo Forin: Il trasmutatore della merda in violetta Carlo Costantini. Risposta dell'Onorevole
  Carlo Forin. Alitalia o non Alitalia? Con Richard Gere di Pretty Woman come esempio
  Racconto di un vecchietto del ’68.
  Carlo Forin: Ricordando Wojtyla e la mia conversione
  Carlo Forin: Sessanta: un numero che falsifica l’indoeuropeismo
  Carlo Forin: Il fiume della lingua scorra. Auguri per il 2009
  Carlo Forin. Analisi dei 38 ‘lustr’ dell’Eneide. L’ultimo: perlustra.
  Carlo Forin, Dizionario delle parole basilari: Amore. Con postilla necessaria.
  Carlo Forin: Rosa
  Piero Cappelli: D’Alema e Veltroni battuti a Firenze. È l’inizio di una nuova politica?
  Carlo Forin: Amen.
  La lingua fu dingua in Tellusfolio
  Carlo Forin, Cerei regni.
  Carlo Forin
  Carlo Forin: Rosa (mistica)
  Carlo Forin. La vita è proprio bella!
  Carlo Forin: Meo. Vita-Morte. Archeologia linguistica
  Bruna Spagnuolo: Carlo Forin e la stirpe degli uomini alati
  Carlo Forin: Recuperar la pausa per tornar cittadini. Primarie e PD
  Carlo Forin: Caro Mutui. Tellusfolio raccolga testimonianze e proteste!
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (5) Ultima parte col sorriso.
  Carlo Forin: Alla Rosa nel fango.
  Carlo Forin. La Corte dei Conti boccia il Governo
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (2)
  Carlo Forin, dizionario delle parole basilari: Rosa
  Carlo Forin, Dio Sovrano. Con lettera antiaccademica.
  Carlo Forin: Lettera a Prodi sui punti di Lamberto Dini
  Carlo Forin: Che cosa nasce a Natale 2008 ?
  Carlo Forin, Dizionario delle parole basilari: Archetipo
  Carlo Forin: Ricordare Srebrenitza. Sito e fotoalbum 9
  Carlo Forin. Ordine di farfalla
  Carlo Forin. La chiave sumera dei nomi degli Dei
  Carlo Forin: Lettera a SS. Benedetto XVI
  Carlo Forin: Amore e Psiche. Archeologia linguistica 1.
  Carlo Forin: Vittorio Veneto e coriandoli
  Carlo Forin: Il pinguino Mattia Ze
 
 
Immagini correlate

 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 65.3%
NO
 34.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy