Venerdì , 01 Luglio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gordiano Lupi. Yoani Sánchez dal Messico sulla censura a Cuba
10 Ottobre 2013
   

Yoani afferma che vive in un paese che rappresenta una sfida costante per la creatività e per l'ingegno, dice che soltanto l'inventiva permette di aprire un varco e di far sentire la propria voce. Yoani critica la censura, dice che a Cuba c'è Internet senza Internet, come quando ai tempi del periodo speciale c'era il macinato di carne senza la carne e le donne cubane lo preparavano usando la buccia della banana verde. La blogger aggiunge che Internet è carissimo, non alla portata di tutte le tasche, e che le vere informazioni non circolano tra la gente. A suo parere la sfida è quella di formare un popolo più colto, perché soltanto disponendo di maggiore cultura i cubani potranno capire quanto sia importante lottare per il cambiamento.

 

Abbiamo riportato – in estrema sintesi – le parole della Sánchez (vedi El Nuevo Herald e Martinoticias), che non ha detto niente di nuovo o di eclatante, rispetto a quanto dice e scrive da almeno sei anni. Aggiungiamo che questa dichiarazione non è stata rilasciata da un bunker sorvegliato dalle Forze Armate cubane o dalla polizia segreta di Raúl Castro, ma dal palcoscenico messicano dell'Universal Thinking Forum, nel quale la blogger era stata chiamata a parlare. Yoani è uscita da Cuba – come ha fatto innumerevoli volte – e sta rientrando a casa, senza subire per le sue dichiarazioni (non certo tenere sul governo cubano) particolari problemi e/o repressioni. Yoani parla di mancanza di cultura a Cuba e non mi sento di condividerla, ma non sono con lei neppure quando afferma che il suo paese rappresenta una sfida continua per la creatività, perché mi basta dare un'occhiata agli ultimi prodotti della cinematografia e della letteratura cubana per rendermi conto che sono di gran lunga superiori ai nostri. Un regista come Daniel Díaz Torres (La pelicula de Ana), ma anche un Alejandro Brugues (Juan de los muertos), narratori come Leonardo Padura Fuentes (L'uomo che amava i cani), non sono stati certo limitati nella loro creatività!

Viene da chiedersi: Yoani vive una Cuba reale o quella che le dicono di raccontare?

È da un po' di tempo che vorrei capirlo. Tralasciando il fatto che Radio TV Martì e El Nuevo Herald sembrano essersi trasformati nei periodici di Yoani Sánchez... Non amiamo il Granma, ma neppure i quotidiani che sono l'esatto contrario, ma con identici problemi di obiettività.

 

Gordiano Lupi


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 5 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.1%
NO
 24.9%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy