Martedì , 09 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Arte e dintorni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Alessandra Borsetti Venier. Enzo Minarelli con Morgana Edizioni ad Artelibro
21 Settembre 2012
 

Si inaugura oggi, 21 settembre, alle ore 17 in occasione di “Artelibro” 2012 la mostra Nembrot di Enzo Minarelli nella piazza coperta della Biblioteca Salaborsa di Bologna.

La mostra promossa da 3ViTre Archivio di Polipoesia in collaborazione con I Parchi Letterari Franco Antonicelli Villa Cernigliaro dimora storica, l’Associazione MultiMedia91 e La Barbagianna: una casa per l’arte contemporanea, presenta il gigantesco libro&oggetto Nembrot (un metro per settanta centimetri), disposto su un leggio creato per l’occasione, per consentire al lettore-spettatore di sfogliarlo. Un libro da leggere ma soprattutto da vedere, osservando centimetro dopo centimetro i collage visivi fatti di disegni, francobolli, lettere, fotografie, fonemi, spartiti, etichette, oggetti di plastica, interventi di scrittura e simboli alchemici. L’autore per quasi trent’anni 1983-2008, non ha fatto altro che “costruire anzi decostruire” come scrive nel catalogo omonimo Renato Barilli, gli ingredienti della comunicazione visiva, rendendo un vero omaggio alla figura mitica di Nembrot che secondo Dante è il maggior responsabile della costruzione della Torre di Babele, da cui derivò la confusione dei linguaggi.

Accanto a Nembrot verranno esposti alcuni suoi libri&oggetto anch’essi prodotti nell’arco della sua lunga carriera di poeta visuale.

 

Per l’occasione Morgana Edizioni ha pubblicato Enzo Minarelli/Nembrot e Carneade o Primo Carnera? nella Collana di videocataloghi d’arte “Risguardi”, 2012, con testi di Renato Barilli e Enzo Minarelli, a cura di Alessandra Borsetti Venier, e realizzato in collaborazione con l’Archivio della Voce dei Poeti. Nella prima parte del DVD viene presentata la performance di Enzo Minarelli che illustra il libro&oggetto Nembrot, esposto presso la Barbagianna: una casa per l’arte contemporanea, a Pontassieve (FI), mentre Carneade o Primo Carnera? La carne del poeta, di/con Enzo Minarelli è un documento audio che ha tutti i crismi dell’eccezionalità, in quanto presenta la performance di circa 40 minuti che l’autore ha svolto nello stesso luogo, il 25 giungo del 2011, davanti a un folto pubblico, in un contesto umorale e naturale forse irripetibile.

Scrive nella presentazione al videocatalogo Renato Barilli:

«Nembrot è il gigante che ha presieduto all’edificazione della Torre di Babele, intesa come luogo malefico di confusione delle lingue, e come tale esecrata da Dante, che ne relega il colpevole nel profondo dell’Inferno. Ma al giorno d’oggi questa funzione di sbriciolamento della portata comunicativa della lingua non viene più accompagnata da un connotato di dannazione, anzi, se ne ha un totale capovolgimento di segno. […] Effetti come quelli di una babelizzazione dei mezzi espressivi sono saliti alti nella stima, o quanto meno così è che Enzo Minarelli li addita, facendo suo il nome stesso di Nembrot e intitolandogli un libro-oggetto che si presenta come condensatore di una quarantina di precedenti libri-oggetto elaborati dalla sua infaticabile officina. Ovvero, si potrebbe dire, egli ambisce di costruire, anzi, pardon, di de-costruire un immenso parco di rovine. Per questa ragione non c’è termine più efficace di quello di poli-poesia con cui egli denomina la sua pratica incessante, ma a patto di mettere tra parentesi il prefisso di sapore dotto, il “poli” multiuso; molto meglio andare un po’ più in là nella lettura e afferrare il “polipo” che si affaccia, insinuante, attraente. […] Il polipo si agita, lancia in ogni direzione i suoi tentacoli, investiti anche di un doppio compito, per un verso contribuiscono alla distruzione di ogni ordine faticosamente costruito, in quanto si insinuano nelle pieghe, negli interstizi, sgretolando, sconnettendo, separando. Ma per altro verso, data proprio la loro natura prensile, afferrano pure i brani, i frammenti che hanno contribuito a produrre, e li vanno accumulando nell’anfratto in cui hanno eletto il loro domicilio. Nembrot che distrugge e accumula nello stesso tempo, è dunque una edificazione condotta compiaciutamente con la mano sinistra, in contropelo, per la quale vale il noto verso eliotiano posto a conclusione della Waste Land: Questi frammenti ho raccolto contro le mie rovine».

 

Invece Carneade o Primo Carnera? È una storia di normale follia, quella di Enzo Minarelli di dedicarsi a Lei (la poesia) tra umori padani e sapori mondani internazionali, nella convinzione che Lei sia la cosa più innocente di questo mondo (Hölderlin). Tuttavia aveva ragione Alfredino Giuliani quando diceva che moltissimi fanno poesia, pochissimi la scrivono, anche perché la vera poesia è “escrevivir” (scrivivere). Alla luce di queste considerazioni Enzo Minarelli intreccia il suo percorso poetico partendo dalle origini, mescolandolo le sue più riuscite performance sonore dentro una cornice teatrale, con un copione dove il suo vissuto si rapporta a quello critico ed esistenziale.


 

Orari da martedì a venerdì dalle 10 alle 20, il sabato dalle 10 alle 19

 

 

Enzo Minarelli, nato nel 1951 (laureato con tesi di psicolinguistica all’Università di Venezia), si occupa di poesia e delle sue praticabili aperture verso il suono, la scrittura, il video e lo spettacolo, sin dagli anni Settanta.

Ha pubblicato diversi titoli di poesia lineare, tra cui O’ grande ventre dell’onda (Lecce, 2007), seiperunosei (Lecce, 2000), Poesie Doccaso (Reggio Emilia, 1993), Meccanografie (Udine, 1991), Poemi Cognomi (Roma, 1988), El Poemméxico (Città del Messico, 1988), Commediarcom (Napoli, 1983), Multipoesie Melogrammatiche (Mulino di Bazzano, 1981), Obscuritas Obscenitas (Mulino di Bazzano, 1979).

Nel 2005 è uscito il suo romanzo, Polipoesia Mon Amour con un Cd allegato Nelsensodinonsentire, (Udine). Di recente pubblicazione presso l’editore Campanotto, L’Absolu ou rien, frammenti al margine del silenzio (2010) e il racconto Amo (2012).

Numerose sono le pubblicazioni sonore in dischi, audio-cassette a livello internazionale e le collaborazioni radio-televisive. Nel 1983 ha fondato 3ViTre Pair, dischi di polipoesia. “Il Manifesto della Polipoesia” pubblicato nel 1987 è il tentativo di teorizzare lo spettacolo della poesia sonora. Per la Rivista Baobab ha curato vari audio-fascicoli; esce nel 1995, Vocalità & Poesia (Elytra Edizioni, Reggio Emilia), libro di riferimento per il settore, WHENWORDIES (polipoemi 1983-‘97); conclude la serie di “Baobab”, con l’audio-cassetta n. 30.

Ha prodotto per la rivista americana Visible Language (Chicago, 2001), il numero monografico “VoicImage” sui rapporti tra la voce e la performance e la Polipoesia. Polipoetry Maastricht è un catalogo-libro con 6 CD, (Amburgo, 2003) documentazione sia critica che visiva del festival omonimo tenuto nel 2001. Per la rivista brasiliana, Sibila (San Paolo, 2005), ha pubblicato il saggio “La voce come strumento di creazione: dai futuristi alla poesia sonora”, con un CD allegato dal titolo “La voce è principessa”. La Voce Regina poesia sonora in pubblico esce nel 2006 mentre nel 2008 pubblica lo studio critico La Voce della Poesia, vocoralità del Novecento, con CD allegato, tradotto in portoghese col titolo “Polipoesia” Eduel, Londrina, Brasile. Nel 2010 ha curato per le Edizioni Alma Mater Studiorum, Università di Bologna, il volume Le Voci dei Poeti, Parole, Performance, Suoni, con CD di poesie lette dal vivo.

Ha donato parte del suo Archivio a Istituzioni universitarie e bibliotecarie bolognesi e al Lincoln Center di New York perché sia consultabile in permanenza attraverso speciali installazioni telematiche.

I suoi interventi polipoetici (che l’Autore denomina con la sigla Polipoesia 1, 2, 3, 4, 5, 6…) sono stati eseguiti in Europa, Canada, U.S.A., Messico, Cuba, Giappone, Colombia, Brasile e Israele. È coordinatore del Festival di “Poesia Sonora, eventi di polipoesia”, che annualmente si tiene a Bologna.

Enzo Minarelli C.P. 152 44042 CENTO info@3vitre.it


Articoli correlati

  Alessandra Borsetti Venier. L’Archivio della Voce dei Poeti si apre al pubblico
  Archivio della voce dei poeti/ Alessandra Borsetti Venier. Prima rassegna nazionale
  Alessandra Borsetti Venier. RESET - retroguardie in festival
  Alessandra Borsetti Venier. Mostra di Jean-François Bory, poesia visiva e libri d’artista
  La Barbagianna: XXV Rassegna “Incontri d’Arte” - seconda parte
  XXIV Rassegna “Incontri d’Arte” – terza parte
  Alessandra Borsetti Venier: Griseldascrittura a Certaldo poesia-musica
  Alessandra Borsetti Venier: XVIII Rassegna “Incontri d’Arte” alla Barbagianna: una casa per l’arte contemporanea
  Alessandra Borsetti Venier. 25 anni di Morgana Edizioni
  Anna Lanzetta: Visita alla Barbagianna di Alessandra Borsetti Venier
  La Barbagianna. XIX rassegna Incontri d’Arte dall’11 settembre al 30 novembre 2010
  Firenze. “Fare arte” è una Festa
  Alessandra Borsetti Venier: XXIII Rassegna “Incontri d’Arte”
  XXIII Rassegna “Incontri d’Arte” seconda parte
  Alessandra Borsetti Venier: XXII Rassegna “Incontri d’Arte”
  Istituzioni/ Alessandra Borsetti Venier. La Barbagianna partecipa alla Giornata del Contemporaneo
  Alessandra Borsetti Venier: SCARPE ROSSE 1 5 2 2
  Alessandra Borsetti Venier: XXIII Rassegna “Incontri d’Arte” terza parte
  Gey Pin Ang: Il canto del cammino, winter never came spring already arrived
  XXIV Rassegna “Incontri d’Arte” – seconda parte
  Firenze. Al via la XXVI Rassegna internazionale “Incontri d’Arte”
  La Barbagianna: XXV Rassegna internazionale “Incontri d’Arte” - prima parte
  Anna Lanzetta. “Febbre d'amore” alla Barbagianna
  Alessandra Borsetti Venier: La Barbagianna inaugura la XVII Rassegna “Incontri d’Arte”
  Anna Lanzetta: Alla “Barbagianna” con l’arte contemporanea
  Alessandra Borsetti Venier: “ABBECEDARI per il 2000” alla Barbagianna
  Alessandra Borsetti Venier. XXI Rassegna “Incontri d’Arte” alla Barbagianna
  Alessandra Borsetti Venier: La Corrispondenza del Tutto
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy