Domenica , 26 Settembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Ida Travi: "la terra è inferocita". Note di regia
Ida Travi
Ida Travi 
29 Aprile 2008
 

Gentile Di Scalzo,… accetto l'invito a pubblicare un mio scritto inedito su Tellusfolio. In realtà quello che allego è un testo particolare: un estratto dalle note di regia che ho scritto 'a mio
esclusivo uso' per la messa in scena di La corsa dei fuochi opera senza cornice, tratta dal libro + CD edito da Moretti &Vitali.

È un testo che prosegue la mia poetica, quasi una dichiarazione... ma mi è servito anche a trovare un modo di metterla in pratica.

Ho riportato in calce i nomi delle interpreti e i dati che servono a contestualizzare lo scritto.

Contiamo ora di riprendere lo spettacolo e portarlo in giro a partire dall'autunno, forse anche prima.

In fondo al testo ho inserito anche il rinvio al blog di Poetica&Uqbar che ha prodotto lo spettacolo e nel blog ne descrive l'intento e la poetica. Se andrai a vedere troverai anche il MANIFESTO PER UN TEATRO POETICO dove riconoscerai gli stessi elementi di riflessione che ho portato avanti in l'ASPETTO ORALE DELLA POESIA (di cui a suo tempo hai già riferito): il re-citare, il luogo ricreato dalla voce, il poco o niente che resta, l'abito.

Ti ringrazio per l'attenzione e ti invio un saluto cordiale.

 

Ida Travi

 

 

 

dalle note di regia

La terra è inferocita

appunti per un disegno luci

di Ida Travi


La corsa dei fuochi - opera senza cornice - è un’opera di Teatropoesia per voce musica e coreografia. Si configura in un andare ritmico (scansioni, interruzioni, riprese) (Entrata e uscita dal marmo, come il movimento della mani che spostano la tendina). Circolarità e ritorni, fissità e movimento, riprese da una sequenza all’altra in una corsa statica. Nei miei appunti di regia e di messa in scena, per indicare tecnicamente i toni di luce, ho ripreso direttamente alcuni versi dal libro.

Importante per me la conversazione con Guido Barbieri a Radio Tre Suite.

La conversazione mi ha reso consapevole d’una poetica chiaramente legata ad alcuni colori, poetica da me praticata in totale distrazione, come in una rimozione: l’immagine cioè, prima viene caricata d’un massimo di senso e poi viene spostata, pur senza averne il minimo intento.

 

La terra è inferocita, non parla più alla stirpe millenaria

La stirpe è millenaria, ed è in disfacimento: è l’antica stirpe dei mortali.

La scena si apre su una piccola altura: i mortali cominciano a strisciare sul fondo, anzi, scendono più sotto, sotto il punto stesso su cui poggiano i piedi. Si incuneano, quasi fossero invertebrati, sotto gli occhi di una sentinella.

 

Il tragico e il vittorioso

Per questo la terra è nera e inferocita: quella stirpe mortale che siamo, quella stirpe che dovrebbe stare eretta nella luce della coscienza, è scesa più sotto, sembra agitarsi al di sotto, non sa stare in silenzio e da un pezzo, ormai, ha raggiunto la chiacchiera tragica. La chiacchiera porta con sé una lunga catena di morti: il tragico e il vittorioso si saldano, fanno del mondo una tragedia perenne, uno spettacolo senza fine, un vero e proprio sproloquio, un luogo infernale.

 

L’azzurro

L’azzurro della foglia caduta è l’azzurro livido di questa stirpe in disfacimento.

Sul sangue e sulla notte c’è questo azzurro livido, non frutto dello spirituale ma segno del tremendo, l’ultimo cielo disabitato dopo il trasloco degli dei.

 

Il rosso

I fuochi si accendono e intorno tutto è nero: I fuochi rossi rompono il buio. Sono piccole esplosioni di sangue nella notte.

 

Il bianco

Il bianco è l’immensa distesa di neve, intatta, da qualche parte. Sopra la nostra testa. Da qualche parte, ignorata, c’è una purificazione in atto. L’immensa distesa di neve è il contrario dell’immensa notte. Qui le macchioline di sangue sono i segni d’un dolore che è rinascita: fa piangere tutti i nascenti ancora sollevati per i piedi/ la spina nel cuore ha macchiato di sangue/ l’immensa coltre di neve’.

 

L’albero

Mentre il mondo dorme sotto la neve, il verde dell’albero si staglia nella veglia, frondoso rifugio, seconda sentinella muta e senza casa.

 

Il silenzio

Il libro è pieno di silenzio. Ci sono poesie, ma conta di più il silenzio.

 

(Verona, dicembre 2007)

 

 

La corsa dei fuochi opera senza cornice poesia e regia di Ida Travi - azione scenica Daria Anfelli - coreografia Giuliana Urciuoli - musiche Andrea Mannucci - voce cantante Patrizia Simone - disegno luci Vittoria Coccia/Francesco Suppi – Produzione Poetica&Uqbar

(tratto da La corsa dei fuochi poesie per la musica, Moretti&Vitali, 2006, libro + CD audio)

www.poetica-uqbar.blogspot.com

L’opera è andata in scena con replica al Teatro “Camploy” di Verona il 26/27febbraio 2008 con il sostegno del Comune di Verona - Commissione Cultura 1ª Circoscrizione Centro Storico.


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy