Martedì , 17 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ Çlirim Muça. “Identità minerali” di Lorella De Bon
25 Aprile 2021
 

Lorella De Bon è una scrittrice versatile, che riesce a carpire l’emozione del lettore sia con la sua prosa che con i suoi versi.

La sua sensibilità parla al lettore di oggi come a quello di domani.

Se il Tempo è giudice spietato con i mediocri, è invece molto generoso con i veri talenti, dei quali valorizza l’opera.

La poesia di Lorella infatti appartiene sicuramente al futuro.

Nell’era dei social, la poesia sta soffrendo una vera crisi; la modernità sta cercando di ucciderla, con un mi piace e un finto sorriso, dando credito a scritti estemporanei, rendendo la vita difficile al vero talento; che non ha grande successo sui social, dove persino Ungaretti e Montale non sarebbero stati notati, pur essendo due giganti.

Ma nella lotta contro il tempo, pur se si difende a mani nude, la vera poesia sopravvive, arriva al lettore del futuro, nonostante gli algoritmi che esaltano la mediocrità.

Lorella De Bon è poetessa come nella letteratura italiana se ne sono viste nel passato e come se ne vedono ben poche nel presente.

È un felice connubio tra Giuseppe Ungaretti e Alda Merini, entrambi a lei cari, con i quali ha affinità e dai quali si distingue allo stesso tempo, esprimendo la sua vera e autentica voce.

Il suo mondo è popolato di ricordi che rimbalzano all’improvviso:

I ricordi hanno bordi affilati

e non risparmiano nessuno,

nemmeno i morti.

Come poetessa è un esiliato d’eccellenza, seduto sul bordo di un pozzo interiore a pescare i suoi versi, così universali, che parlano a tutti perché usano il linguaggio dell’anima.

Mai come adesso desidero

un esilio perpetuo sopra

una spiaggia di luce.

Lei sente il suo corpo come prigione dell’anima. È questo condizione naturale del poeta, prigioniero pronto alla fuga.

Sopravvivo a questo corpo

dentro una prigione senza sbarre.

La sua poesia è costellata di cicatrici, un nuovo firmamento nel cielo dell’anima.

Siamo variazioni sul tema unico della vita, esseri fragili che spiano fuori dalle proprie ferite”

Il suo è un continuo tentativo di tradurre le voci della realtà che la circonda:

Capire la forma d’una conchiglia

mi farà comprendere la voce

delle stelle.

Nella sua poesia il silenzio nasconde un altro silenzio, come una matrioska che in ultimo nasconde il dolore, lacerante, dell’essere.

La poesia è quel poco che tiene in vita il poeta, il quale ci ricambia con l’abbondanza delle emozioni.

L’inciampo, il singhiozzo, il silenzio, una crepa nel muro sono le stigmate del poeta che ci invita a toccare con mano il mistero della parola che si fa verso.

E poi l’autunno che si trasforma nell’autunno della vita.

È una sola foglia che cade

a imbastire l’autunno.

Nella stagione del taglio

anche gli alberi abbandonano

la speranza.

La sua poesia è però anche illuminata dalla luce in tutte le sue inclinazioni. Un sole basso illumina la vita che volge al termine.

È al crepuscolo che si aprono le porte del mistero, è allora che si proietta più lunga l’ombra del nulla che ci accompagna.

L’inclinazione della luce in autunno è la stessa del mio corpo adesso...

Indolore il taglio

Con la sua poesia Lorella ci invita a guardare il futuro, a scorgere le stelle

Il cielo non ha clemenza

per chi guarda a terra.

Ancora ci invita ad osservare le stelle cadenti nei cieli della sera, ad ammirare i sogni del poeta per comprendere meglio la linea della vita.

Le linee della mano,

forse, sono iscrizioni neolitiche...

Forse, anche loro mi vedono...

nella mia larga attesa di pace

Con la sua poesia ci ricorda la sostanza di fango con cui è fatto l’uomo, ma anche la materia sentimentale usata da un dio poeta.

Esprime la consapevolezza di essere polvere oppure un granello di sabbia nella clessidra della vita.

Ai granelli di sabbia

non è ammesso barare

saltare la coda nella clessidra

Non rimane altro che ringraziare il poeta per il suo generoso dono.

 

Çlirim Muça

 

 

Lorella De Bon, Identità minerali

Place Book, 2021, pp. 76


Articoli correlati

  In libreria/ Alberto Figliolia. “Il sospetto di vivere” di Lorella De Bon
  Albalibri dedica una nuova collana agli haiku
  Gordiano Lupi. L’apatia di Satana di Çlirim Muça
  NNI 25. Çlirim Muça. Un poeta albanese che scrive in italiano
  In libreria/ Alberto Figliolia, Çlirim Muça. Anka, una ballerina di Danzica
  Simona Borgatti. Çlirim Muça, il poeta dell’Est
  In libreria/ Çlirim Muça. Grazie, Viera, della bellezza e della speranza
  Paola Mara De Maestri, Patrick Sammut. Alla Valletta Alberto Figliolia e Çlirim Muҫa, ospiti dei “Poeti Maltesi”
  Gordiano Lupi. Tre libri per Natale
  In libreria/ Çlirim Muça. Sonetti
  Due, anzi tre, appuntamenti con Gordiano Lupi
  Iniziative/ Poeti e pittori valtellinesi protagonisti a “Malta capitale europea della cultura 2018”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy