Domenica , 22 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Nuovi incontri/ Stefano Ciapponi e la sua “Tensione” 
di Paola Mara De Maestri
15 Gennaio 2021
 

Conosco Stefano da alcuni anni, da quando è entrato a far pare del Laboratorio Poetico di E’Valtellina. Insieme abbiamo partecipato a diverse iniziative sul territorio di musica e poesia ed è stato inserito nel video Voci dalla quarantena e nella pubblicazione Morbegno con lo sguardo della pittura e la voce della poesia, progetti sviluppati come Associazione nell’ottica dello scambio culturale con gli artisti maltesi. È fresca di stampe la sua raccolta di poesie, illustrate con immagini fotografiche, dal titolo Tensione e quindi ho voluto proporgli una breve intervista, per approfondire il suo percorso artistico e in particolare per presentare il suo libro.

 

Come nasce la tua passione per la poesia?

Penso che ognuno di noi abbia dentro di sé uno stato d’animo poetico, è solo una porta che bisogna aprire, una possibilità come altre che abitano nel nostro essere per liberarci e farne dono e azione di vita.

 

Da quanto tempo scrivi?

Quando ero ragazzo scrivevo poesie e le spedivo ad alcuni giornali per pubblicarle, ad esempio ho scritto all’Eco delle Valli e ad altri. Tenevo dei diari, ma col passare del tempo li eliminavo. Poi la vita ti travolge e scrivevo a tratti.

A volte la poesia si manifesta con gesti concreti nel quotidiano, come nell’ikebana (l’arte di disporre i fiori) o nell’atto contemplativo dell’universo…

Negli ultimi anni ho ripreso in mano la penna...

 

Quali sono le tue fonti d’ispirazione?

La poesia nasce dal dentro, quando l’energia fredda della mente incontra quella calda del cuore. Allora tutto diventa fonte di ispirazione, appunto come un respiro. Parte principalmente dalla natura col suo mistero e i quesiti dell’esistenza che l’uomo si è perennemente posto.

 

Hai qualche autore al quale ti senti particolarmente legato?

L’autore che più ho amato è Federico Garcia Lorca e in parte il nostro Guglielmo Felice Damiani a cui ho dedicato la poesia Morbegno. Purtroppo entrambi, mancando in giovane età, non hanno sicuramente potuto esprimere appieno la loro potenza.

 

Parlaci della tua raccolta Tensione.

Parto dalla copertina del libro: di colore blu… la nobiltà della poesia. Un fulmine che ne scatena la forza liberatoria per poi tramutarsi in immagine di quiete, la montagna e il lago (retro di copertina). Perché “Tensione”?: poesia che tende verso… in un coesistere incessante e mutevole. In fondo ho voluto farmi un regalo per miei sessant’anni, tante delle mie poesie sul comodino aspettavano. Ho scelto le 29 che più mi rappresentano. È come fosse la mia carta d’identità, ho abbinato delle fotografie per dare colore e voilà!

 

Vuoi aggiungere qualcosa?

Cercando l’umano nell’uomo un vecchio monaco accende una candela”.

 

 

NEVITA

 

Si coprono le polarità

sotto il bianco silenzioso mantello

spariscono le discariche le rocce e le invidie.

Tacciono gli operi dentro il suo ingranaggio.

Non più campi elettrici, uno solo, muto.

Fiocchi d’amore puro fluttuano ipnotizzando l’anima.

Alcuni dicono che si è fermato anche il dolore.

Non c’è più la dualità una sola traccia.

La tua che non vorresti lasciare.

Si è aperto il sipario della magia.

Nelle tre cuspidi del mio cuore

sento un calore.

 

Stefano Ciapponi

(da Tensione, 2020)

 

 

Stefano Ciapponi nasce a Morbegno il 18 novembre 1960. Di professione giardiniere, ha sempre lavorato a contatto con la natura, per vent’anni con la “Forestale” come operaio. Fin da bambino ha frequentato l’ambiente del teatro se pur a livello locale: suo zio aveva una compagnia teatrale morbegnese, a sua madre piaceva recitare. Ha fatto poi parte, in età adulta, di svariati gruppi teatrali di vario genere, sempre a livello locale. Ha quindi realizzato da regista quattro spettacoli: I due principi, il maschile e il femminile, il secondo I poeti lavorano di notte, il terzo Déjà vu sull’amore e la morte!, infine il quarto Follia madre di tenerezza. Ha una vera passione per la poesia pur non essendo un letterato, bensì autodidatta. Viene spesso ispirato dalla natura, dall’animo umano e dai suoi autori prediletti. Le sue poesie le ha sempre scritte e regalate…


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy