Domenica , 21 Luglio 2024
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Dialogo Tf
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Giuseppina Rando. L’esperienza del limite/ Malattia e dolore 
A libro aperto: pensieri peregrini a sera… - 26
Rene
Rene' Magritte, 'La condizione umana II', 1935 - olio su tela 
07 Gennaio 2023
 

A un cuore in pezzi

nessuno s’avvicini

senza l’alto privilegio

di aver sofferto altrettanto

(Emily Dickinson, Sillabe di seta)

 

Malattia e dolore sono soltanto due dei tanti fili che intessono il vissuto dell’esistenza umana, ma forse quelli che, più di altri, ne danno valore.

Si fa esperienza del dolore - pur a fasi alterne - lungo tutto l’arco della propria vita: dolore fisico, psichico, affettivo.

È questa l’esperienza del limite che, prima o poi, tutti viviamo e con esiti diversi.

Per alcuni il dolore o la malattia diventa una devastante bufera che scuote il cuore, esaspera lo spirito: …porto con me il rimpianto di un canto inconcluso scriveva Arthur Rimbaud, mentre per altri può acquisire un valore epifanico sia per se stessi che rispetto al mistero della vita.

J. W. Goethe -ad esempio- diceva: Ho imparato dalla malattia molto di ciò che la vita non sarebbe stato in grado di insegnami in nessun altro modo.

È nella malattia, infatti, che si capisce di essere impotenti, limitati e dipendenti dagli altri. È la malattia che ci conduce a guardare la realtà con occhi diversi, ci scuote dalla banalità e dalla superficialità. Sale in cattedra ed impartisce una lezione esistenziale. Non comunica nuove conoscenze, ma promuove nuova sensibilità, quella del limite, si cerca l’essenziale.

La sofferenza, inoltre, solleva le domande più vere e mette in crisi la ragione; suscita interrogativi: il mondo, la storia e soprattutto Dio.

Ciascuno dà risposte personali, soggettive, sospese, a volte stravaganti, ma non appaganti, indicate dalla ragione che di fronte al mistero dell’essere si arresta. Rimane sulla soglia delle cose, sta sul limite che è il sacro, il mistero, il nascosto.

Credenti e non credenti da sempre hanno cercato di spiegare il dolore e il senso della malattia.

Le argomentazioni e le strategie pratiche imboccate sono naturalmente diverse, ma c’è un elemento che le accomuna: l’importanza di saper integrare il limite, strutturalmente umano nella propria vita.

Lo scrittore americano Saul Bellow nel suo romanzo Il re della pioggia (1959) non esitava ad affermare che la sofferenza è forse l’unico mezzo valido per rompere il sonno dello spirito.

Che la malattia e il dolore inoltre siano travolgenti lo racconta abilmente Gina Lagorio in uno dei suoi primi romanzi, Approssimato per difetto (1971), un’intensa riflessione sull’esistere e sul morire… Un malato non è più un uomo, nell’accezione comune: ha superato di colpo le tappe che richiedono anni di applicazione: filosofia, storia, religione hanno lunghe sedimentazioni nel cuore di un uomo sano; in quello di un uomo malato la sedimentazione avviene a ritmo vertiginoso: l’ascesi mistica, o la rinuncia stoica, la verità comunque libera da egoismi, tutto questo arriva col male.

Si vive allora la malattia non come tragedia, ma come percorso (più difficile certo) di crescita umana: rinascono i sentimenti, rifioriscono i legami autentici.

Si legge nell’Ecclesiaste: Dio ha posto nel cuore umano anche il senso dell’eterno senza però che l’uomo riesca ad afferrare l’inizio e la fine della creazione divina. (Qo 3, 11).

E Gianfranco Ravasi spiega: La cosciente assunzione del vuoto dell’esistenza e l’individuazione del limite insito nella condizione umana, sono un esercizio da rinnovare ogni giorno, cioè etimologicamente un’ascesi (da askeîn: esercitare, praticare) da compiere.

Un esercizio ascetico che può valere per chi crede e per chi non crede, semplicemente perché è un esercizio pienamente umano.

L’esperienza del limite, dunque, dovrebbe arricchire la vita dell’uomo o potrebbe rappresentare, se adeguatamente compresa e integrata, un’occasione di crescita e di umanizzazione.

 

Giuseppina Rando


Articoli correlati

  Poesia d'autore/ Testa di Fauno di Arthur Rimbaud
  Poesia d'autore/ Arthur Rimbaud. La stella lacrimò rosa alle tue orecchie...
  Marco Amore. L’uomo, il suono, la natura
  Donato Bosca. Bra (o della felicità) e Roero (terra ritrovata)
  Piero Stefani. Il disagio dell'appartenenza
  Due amici, Ravasi e Coccopalmerio, in Vaticano
  Giuseppina Rando. Le poche cose necessarie...
  Giuseppina Rando. Verità e amicizia
  Giuseppina Rando. I volti dell'invidia
  Giuseppina Rando. Sulla coerenza
  Giuseppina Rando. Sulla noia
  Giuseppina Rando. Senilità
  Giuseppina Rando. Il venticello… della calunnia
  Giuseppina Rando. Tra reale e virtuale… avanza “la società liquida”
  Giuseppina Rando. L’ignoto fascino delle piccole cose
  Giuseppina Rando. Banalità, malattia diffusa
  Giuseppina Rando. Misura
  Giuseppina Rando. Noi e il tempo
  Giuseppina Rando. Incontrare “l’altro”
  Giuseppina Rando. Nascondigli
  Giuseppina Rando. Coraggio e… dintorni
  Giuseppina Rando. Rumore
  Giuseppina Rando. Dialogo e ‘punti di vista’
  Giuseppina Rando. Parole pietre, nuvole, foglie al vento…
  Giuseppina Rando. Le associazioni: luci e ombre
  Giuseppina Rando. Adattarsi
  Giuseppina Rando. Apelle e il calzolaio
  Giuseppina Rando. Violenza e verità
  Giuseppina Rando. Arte dell’equilibrio
  Giuseppina Rando. Crisi
  Giuseppina Rando. Quale cultura?
  Giuseppina Rando. Sensibilità e delicatezza
  Giuseppina Rando. Brevità del ‘dire’
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 6 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 69.5%
NO
 30.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy