Lunedì , 27 Giugno 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Laboratorio
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Sergio Caivano. Gino Bartali, “Giusto tra le nazioni”
26 Maggio 2021
 

Quasi tutti sanno chi era Gino Bartali, il grande campione fiorentino di ciclismo vincitore di tre Giri d’Italia e di due Tours de France. Quasi tutti ricordano la sua rivalità con Fausto Coppi, il campionissimo, a sua volta vincitore di cinque Giri d’Italia e di due Tours de France. Gli italiani dell’immediato dopoguerra si dividevano in “coppiani” e “bartaliani”. In effetti i due campioni erano molto diversi sotto molti aspetti. Bartali era molto religioso, votava per la DC, mentre Coppi era laico, si diceva che preferiva il PSI. Tra i due, nonostante le differenze, sorse una sincera amicizia, immortalata dal passaggio della borraccia nel corso di una tappa alpina del Tour e, poi, dalla loro partecipazione congiunta ad alcune trasmissioni televisive.

Non è invece molto noto un fatto di rilievo risalente al 1948. Il 14 luglio di quell’anno, un certo Antonio Pallante, estremista di destra non legato a partiti, esplose alcuni colpi di pistola sul segretario del PCI Palmiro Togliatti, ferendolo gravemente. L’Italia entrò in crisi. Molti militanti comunisti fremevano ed erano pronti all’insurrezione. Gravi disordini si erano già verificati. Si temeva una guerra civile. Gino Bartali era in Francia, stava disputando il Tour ma era distanziato dalla maglia gialla, Luison Bobet, di ventidue minuti. La sera, ormai è quasi certo, ci fu una telefonata impensabile. Il Presidente del Consiglio Alcide De Gasperi telefonò a Bartali pregandolo di far qualcosa di grande per tentare di attenuare la pericolosa esasperazione che c’era in Italia. In quegli anni il ciclismo era lo sport maggiormente seguito, più del calcio. Il giorno dopo c’era la tappa nella quale si doveva scalare l’Izoard, la montagna più impervia del Tour. Gino Bartali si scatenò sin dalle prime rampe, vinse la tappa distanziando Bobet di venti minuti. Un’impresa leggendaria, la sua, accolta in Italia con entusiasmo. E forse, assieme al messaggio di Togliatti dall’ospedale, contribuì a sedare gli animi. Poi Bartali, con le tappe finali, vinse il Tour.

Ancora meno noto è quanto fece Bartali nel 1943-1944. In quel triste periodo era in corso la caccia agli ebrei. Molti di questi, per sfuggire alla cattura e all’invio nei campi di sterminio tedeschi, si erano rifugiati presso centri ecclesiastici. Occorreva far avere loro documenti falsi, con nome e cognome mutati, che attestassero la nazionalità italiana e la religione cattolica. Ma come raggiungere i vari centri in cui si trovavano nascosti? La cosa era molto pericolosa. Gino Bartali corse il rischio: diverse volte nascose nella canna della sua bicicletta i documenti per portarli agli ebrei. Se l’avessero fermato i tedeschi o i fascisti, la giustificazione gli tornava facile: si stava allenando. Tuttavia ignorava il loro atteggiamento. Difatti, in una occasione, si spinse fino ad un convento di Assisi, ove erano tenuti nascosti molti bambini ebrei. Venne fermato da un ufficiale tedesco. Con fare arrogante chiese: “Cosa fare qui a 200 km da Firenze?”. Bartali rispose che si stava allenando, ma il tedesco non si convinse. A salvarlo involontariamente fu una camicia nera che, riconoscendolo, disse: “Ma questo è Bartali, è un campione, ha vinto il Giro d’Italia!”.

Di queste meritorie imprese, anche a guerra conclusa, Gino Bartali non ha mai detto una parola, non si è mai vantato. Del resto, il suo silenzio al merito si spiega col suo carattere, col suo modo di pensare. “Se fai del bene, lo fai perché ti senti di farlo, non devi mai vantartene”. Questo suo silenzio attardò le ricerche degli israeliti sull’appoggio ricevuto. Ma finalmente, dopo molti anni di ricerche, le prove dimostrarono inequivocabilmente la verità, seppur taciuta: Bartali aveva effettivamente aiutato gli ebrei e rischiato la vita per salvarne molti, circa un migliaio. Perciò, moltissimi anni dopo i fatti, precisamente nel 2013, Il Governo di Israele riconobbe l’opera svolta dal campione di ciclismo per salvare gli ebrei dalle persecuzioni. Il suo nome comparve nei giardini, creati anche in Italia, tra “I GIUSTI DELLE NAZIONI”. Infine, nel 2018, venne proclamato cittadino onorario di Israele, per decisione dell’omonimo Governo.

 

Sergio Caivano


Articoli correlati

  Donazione di una foto firmata da Gino Bartali dall'Italia al Museo Yad Vashem
  Gino Bartali, giusto ed eroe
  L’uomo Bartali nella riduzione tv di Alberto Negrin
  Vercelli. Giornata dei Giusti con testimonianza, arte e tre nuovi alberi nel Parco “Iqbal Masih”
  Gino Bartali era un Giusto tra le nazioni: il libro che lo nega trascura decine di testimonianze
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Fausto e Gino
  Attualità del Partigiano
  Bianca Ceresara Declich. S. Anna di Stazzema. L’ECCIDIO
  Sergio Caivano. La strategia della tensione
  Sergio Caivano. L’ANPI rende onore a Giorgio Bocca
  Sergio Caivano. Gli attentati a Mussolini
  Sergio Caivano. L'ANPI contro la violenza, contro il fascismo, per la democrazia
  Sergio Caivano. La guerra voluta da Mussolini
  Sergio Caivano. Resistenza e Liberazione nelle nostre Valli
  Sergio Caivano. Ricordo di Giovanni Conca, il partigiano “Bruno” di Chiavenna recentemente scomparso
  Resistenza e liberazione in Valtellina e Valchiavenna
  Sergio Caivano. Le lettere dei partigiani italiani
  Sergio Caivano. Dongo la fine
  Sergio Caivano. Maledetto coronavirus covid 19
  Sergio Caivano. La fuga interrotta di Mussolini verso la Spagna
  Sergio Caivano. Il mio ricordo della Liberazione di Sondrio
  Sergio Caivano. Di una grande manifestazione antifascista al Pedretti di Sondrio (1960)
  Sergio Caivano. La battaglia di Mello (1° ottobre 1944)
  Sergio Caivano. Discorso del 25 aprile 2011 a Tirano
  Annagloria Del Piano. 25 Aprile: Festa della Liberazione
  Sergio Caivano. La Costituzione. Il pensiero di Calamandrei
  Biblioteca civica “Ezio Vanoni” di Morbegno. Incontri di inizio estate
  Sergio Caivano. Sulla scritta di Grosio
  Sergio Caivano. Ideale Cannella
  Sergio Caivano. La battaglia di Buglio in Monte (16 giugno 1944)
  Sergio Caivano. Traccia per il discorso del 25 aprile 2013 a Sondrio
  “Que­sto mostro sta­va, una volta, per go­ver­na­re il mondo!”
  Sergio Caivano. 2 giugno, Festa della Repubblica
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy