Giovedì , 02 Dicembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Discorso amoroso
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In versi d'amore: la scelta di Antonio Fiori. A cura di Alivento (5)
Louis Aragon
Louis Aragon 
29 Febbraio 2008
 

Ancora una scelta di poesia d’amore, una scelta motivata dall’autore e, ancora una volta, qualificata dal fatto d’essere operata da un poeta contemporaneo; una scelta che non è una soltanto, ma tante scelte, una sequenza di poesia d’amore dove è possibile riconoscere molteplici sfaccettature e un percorso, un dipanarsi di filo amoroso, una storia e cento storie d’amore, un amore di uomo verso una donna, più donne, l’approccio, per tramite della poesia alla vita e la parabola del sentimento più coinvolgente che pervade, inonda, investe, esalta la vita: l’amore.

Ho voluto riportare in calce a questo articolo le poesie che Antonio Fiori cita come sue preferite nel tempo, perché appare chiaro che dietro la mutevolezza della preferenza c’era il mutare dell’animo di lettore, qualcosa che penso noi tutti, nei panni di lettori di poesia, abbiamo potuto sperimentare personalmente, e cioè che quanto più la poesia esprime il nostro animo di quel momento o di un momento appena passato, quanto maggiormente intercetta la nostra esperienza umana, tanto più noi la sentiamo vicina, ci tocca, ci commuove, proprio perché riesce a dar pienamente voce al nostro sentire.

L’altra ragione per cui ho voluto riportare i testi degli autori citati (e di Giovanni Raboni anche qualcosa in più) è per sottolineare ancora una volta la finalità sottostante a tutta la rubrica di “In versi d’amore”: quella di proporre in lettura poesie d’amore selezionate.

Alla fine però la scelta di Antonio Fiori per Tellusfolio è particolare, non sceglie una poesia tra quelle amate, sceglie se stesso e il suo essere d’amore oggi, adesso, ieri appena, sceglie una sua poesia erotica; ne ho lette diverse di sue, tutte sospese in punta d’equilibrio su un filo tagliente, spiazzante di brevità ed ardore, di allusione e passione, come questa prescelta che rimanda ad un tempo futuro in cui l’amore vive di ricordi e di corpi stanchi, desiderio ancora vivo e fine vicina, di sguardi che scrutano il vuoto, forse amaro vuoto d’amore, guardato di spalle, di fianco, lontano.

Per comprendere meglio lo schema in A, B, C, del commento che segue la poesia ricordo che Inversi d’amore è strutturata come una sorta d’intervista a domande predefinite, nella quale, una volta espressa la scelta della poesia d’amore preferita, si prosegue a motivare la scelta (A), a raccontare la presenza del tema d’amore nella propria poesia (B), nella poesia d’altri o nella storia della poesia (C).

Antonio Fiori non ha un sito o un blog propri perciò, per chi volesse conoscerlo meglio, riporto a seguire una breve nota biobibliografica.

 

Alivento

 

 

 

Antonio Fiori è nato a Sassari nel 1955. Vive nella città natale dove svolge l’attività di fiscalista presso una società bancaria. Si occupa di poesia da molti anni. Ha pubblicato: Poesie ritrovate, 1997; Almeno ogni tanto,1998-99 (a cura di Crocetti Ed.); Sotto mentite spoglie, Manni, 2002; La quotidiana dose, Lietocolle, 2006. È presente nei diari poetici di Lietocolle Il segreto delle fragole (2004 e 2006), nell’Antologia Verso i bit – Poesia e computer (sempre Lietocolle, 2005) e nell’Antologia della poesia erotica contemporanea, 2006, ATì editore. È uno dei 7 annunciati vincitori del Premio Montale Europa 2004 per le sillogi inedite. Suoi testi sono stati pubblicati sulle riviste Gemellae, L’immaginazione e Arte-Incontro. Collabora ai siti internet di ItaliaLibri (www.italialibri.net e www.italialibri.org).

Edita inoltre nei blog letterari ‘Erodiade’ e ‘Viadellebelledonne’.

 

 

 

IN VERSI D’AMORE: LA SCELTA DI ANTONIO FIORI

 

 

Scegliere la preferita poesia d’amore è molto difficile. Vent’anni fa avrei detto “Nuda sei semplice” di Pablo Neruda, cinque anni fa “Le mani di Elsa”, di Louis Argon, forse un anno fa avrei indicato “Torna” di Kavafis, sei mesi fa “E vattene, sei troppo innamorevole!”, di J. Rodolfo Wilcock, oggi sono tentato da “Un giorno o l’altro ti lascio” di Giovanni Roboni… a questo punto mi divincolo sfacciatamente indicando una mia poesia, pubblicata nel 2006 nell’Antologia della poesia erotica contemporanea (Atì editore).

Eccola:

 

Dammi le spalle, girati di fianco

pensa che non vedermi sarà un vanto

ma non davanti agli altri, per te stessa

quando ricorderai le nostre gesta

in un futuro tempo di fatiche

coi corpi arresi, non la psiche.

 

A) Le ragioni di questa preferenza stanno nella difficoltà di sposare definitivamente un testo poetico d’amore scritto da altri. Come lettori, si è sempre adolescenti, ansiosi di imparare e pronti ad innamorarsi ogni momento di una poesia o dell’autore stesso; e se è così in genere, immaginiamoci quando si leggono poesie d’amore, laddove pesa enormemente l’età e lo stato d’animo di chi legge. Dunque agli amati poeti che prima citavo ho preferito sostituire, per sincerità di risposta, l’ultimo me stesso.

B) L’amore è entrato nella mia poesia quasi subito, ma non come manifestazione diretta di sentimenti o carnalità, bensì come spinta continua a ritornare sui luoghi, fisici e mentali, dell’incontro amoroso. Una delle miei prime poesie di ri-cercato amore è intitolata, appunto, “Sopralluogo”

C) Sto scoprendo nella produzione del compianto Giovanni Raboni una interessante articolazione della poesia d’amore: dalla capacità di osare l’erotismo più crudo e comune, alla rilettura dell’amore-sentimento dentro lo scorrere del tempo. Ed è una visone che implica impegno e meditazione continua, perché vi si accetta la sfida vile che il tempo impone all’amore umano e gli si oppone un’orgogliosa resistenza (“Le volte che è con furia/che nel tuo ventre cerco la mia gioia/è perché, amore, so che più di tanto/ non avrà tempo il tempo/ di scorrere equamente per noi due…”)

 

Antonio Fiori

 

 

Nuda sei semplice come una tua mano

Pablo Neruda

 

Nuda sei semplice come una tua mano

liscia, terrestre, piccola, rotonda, trasparente

riservi linee di luna, sentieri di mela,

nuda sei sottile come il grano nudo.

 

Nuda sei azzurra come la notte cubana,

riservi rampicanti e stelle nei capelli,

nuda sei vasta e gialla

come l’estate in una chiesa d’oro.

 

Nuda sei piccola come una tua unghia,

curva, sottile, rosata se nasce il giorno

quando raggiungi il mondo sotterraneo

 

nella lunga galleria di vestiti e lavori:

la tua luce si spegne, si veste, si sfoglia

torna ancora ad essere una mano nuda.

  

 

Le mani di Elsa

Louis Aragon

 

Dammi le tue mani per l'inquietudine

Dammi le tue mani di cui tanto ho sognato

Di cui tanto ho sognato nella mia solitudine

Dammi le tue mani perch'io venga salvato.

 

Quando le prendo nella mia povera stretta

Di palmo e di paura di turbamento e fretta

Quando le prendo come neve disfatta

Che mi sfugge dappertutto attraverso le dita.

 

Potrai mai sapere ciò che mi trapassa

Ciò che mi sconvolge e che m'invade

Potrai mai sapere ciò che mi trafigge

E che ho tradito col mio trasalire.

 

Ciò che in tal modo dice il linguaggio profondo

Questo muto parlare dei sensi animali

Senza bocca e senz'occhi specchio senza immagine

Questo fremito d'amore che non dice parole

 

Potrai mai sapere ciò che le dita pensano

D'una preda tra esse per un istante tenuta

Potrai mai sapere ciò che il loro silenzio

Un lampo avrà d'insaputo saputo.

 

Dammi le tue mani ché il mio cuore vi si conformi

Taccia il mondo per un attimo almeno

Dammi le tue mani ché la mia anima vi s'addormenti

Ché la mia anima vi s'addormenti per l'eternità.

 

 

Torna

Costantinos Kavafis

 

Torna sovente e prendimi,
palpito amato, allora torna e prendimi,
che si ridesta viva la memoria
del corpo e antiche brame trascorrono nel sangue
allora che le labbra ricordano, e le carni,
e nelle mani un senso tattile si riaccende.

Torna sovente e prendimi, la notte,
allora che le labbra ricordano, e le carni...

 

 

E vattene, sei troppo innamorevole!

J.Rodolfo Wilcock

E vattene, sei troppo innamorevole!
Sei troppa seta per questa plastica rotta,
troppi smeraldi, fibbie con cinghiali,
e quando ti carezzi lo sguardo con le ciglia
io Ravenna e Pisa su un sedile
non so da dove cominciare a ammirarle,
né so guidare con un Tiziano accanto
che di sbieco e lontano tra alberelli
mostra come un segreto un‘acqua azzurra
ma di un azzurro che non è che un‘idea,
l‘idea del fondo che sta di là del fondo
di un labirinto come te di bellezza,
che dall‘avorio ti porta alle perle
e dalle perle alla schiuma del mare
e dalla schiuma...scendi da questa macchina,
sei troppo interamente seducente

 

 

da Canzonette mortali (Crocetti 1985)

Giovanni Raboni

 

Le volte che è con furia

che nel tuo ventre cerco la mia gioia

è perché, amore, so che più di tanto

non avrà tempo il tempo

di scorrere equamente per noi due

e che solo in un sogno o dalla corsa

del tempo buttandomi giù prima

posso fare che un giorno tu non voglia

da un altro amore credere l'amore.

 

Un giorno o l'altro ti lascio, un giorno

dopo l'altro ti lascio, anima mia.

Per gelosia di vecchio, per paura

di perderti - o perché

avrò smesso di vivere, soltanto.

Però sto fermo, intanto,

come sta fermo un ramo

su cui sta fermo un passero, m'incanto...

 

Non questa volta, non ancora.

Quando ci scivoliamo dalle braccia

è solo per cercare un altro abbraccio,

quello del sonno, della calma - e c'è

come fosse per sempre

da pensare al riposo della spalla,

da aver riguardo per i tuoi capelli.

 

Meglio che tu non sappia

con che preghiere m'addormento, quali

parole borbottando

nel quarto muto della gola

per non farmi squartare un'altra volta

dall'avido sonno indovino.

 

II cuore che non dorme

dice al cuore che dorme: Abbi paura.

Ma io non sono il mio cuore, non ascolto

né do la sorte, so bene che mancarti,

non perderti, era l'ultima sventura.

 

Ti muovi nel sonno. Non girarti,

non vedermi vicino e senza luce!

Occhio per occhio, parola per parola,

sto ripassando la parte della vita.

 

Penso se avrò il coraggio

di tacere, sorridere, guardarti

che mi guardi morire.

 

Solo questo domando: esserti sempre,

per quanto tu mi sei cara, leggero.

 

Ti giri nel sonno, in un sogno, a poca luce.

 


Articoli correlati

  Alivento: Primo discorso amoroso
  Alivento: Ottavo discorso amoroso: la passione è vita
  In versi d’amore: la scelta di Giacomo Cerrai. A cura di Alivento (4)
  In versi d'amore: la scelta di Francesco De Girolamo. A cura di Alivento (3)
  Alivento: Nono discorso amoroso: la coniugio
  In versi d'amore: la scelta di Maria Pina Ciancio. A cura di Alivento (6)
  Stefano Guglielmin: blog collettivi. Poesia & Blog 8
  Alivento: Secondo discorso amoroso
  Alivento: Sesto discorso amoroso: di passione e d'amore.
  Alivento: Quinto discorso amoroso, apologia della seduzione
  Alivento: Quarto discorso amoroso: la seduzione
  In versi d'amore: la scelta di Iole Toini. A cura di Alivento (2)
  In versi d'amore: la scelta di Erminia Passannanti. A cura di Alivento (1)
  Alivento: Di amore e vita, di amore e morte (Terzo discorso amoroso con poesia di A. Pozzi)
  La poesia di Alivento
  Alivento: Settimo discorso amoroso: l'amore è vita.
  Antonio Fiori: Gozzano e la finzione offerta dalla tecnica. Navigazioni scolastiche 8
  Antonio Fiori: Opinione e informazione
  Il sito-blog della "Decrescita"
  Serge Latouche: Breve trattato sulla decrescita serena. Recensione di Antonio Fiori
  Antonio Fiori: l'anniversario della Costituzione
  Antonio Fiori: Crescere meno ma crescere tutti
 
Opere correlate

 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 10 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy