Venerdì , 28 Febbraio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Calamaro gigante
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Doriana Goracci: Panegirico sugli assorbenti e altre liquide presenze
04 Marzo 2009
 

Sarà stato intorno ai primi anni ‘70 che mi colpì qualcuno che raccontava la Fine, per l’Occidente s’intende, quando le donne cinesi avessero tutte usato gli assorbenti. Ancora mi ricordo di quelle operazioni bacinella su pannolini di cotone contaminati dal sangue, prima da lavare con acqua fredda e sapone e poi da far riposare in acqua e varecchina. Tornava tutto bianco.

Feci a tempo anche a vedere, appesi ai fili, i pannolini delle mie sorelline gemelle nate ai primi di marzo, e la loro entrata in casa con una insolita neve romana. Arrotolai e piegai in una cesta infinite fasce: si chiamavano sorrisi e triangoli.

 

I sorrisi per queste alternanze mensili che vennero poi, allora furono pochi e perplessi. Di triangolare rimase il segnale di pericolo: l’assenza di sangue poteva essere sinonimo di nascita.

Ci siamo sottoposte tutte a questa spesa con piacere, per non buttare il nostro tempo in sciacquettamenti e sospiri. Una tassa che ha assorbito una vita riproduttiva, da produttrice a consumatrice: un fai da te, paga e getta e per cortesia senza esibizione. Solo pochi decenni addietro e si mostrava in parecchi nostri paesi, la pezza della prova sverginamento post nozze. Proprio come fanno ancora tante milioni di donne cinesi ad attestare il ciclo mestruale come controllo governativo delle nascite. Girava voce in Italia che qualcuna si faceva ricostruire l’imene: roba da ricche, come oggi il designer vagina.

 

Sanguinò a Sud la guancia della Madonna dell’Arco a metà del XV secolo, e poi a Nord la Madonna del Sangue, del latte e poi fu la volte del suo cuore, di altre immagini, di altre sante e donne… Si esibiva Madonna in Take A Bow: lei sanguinava e il toro moriva sul serio, era il 1994. E oggi Rihanna canta la stessa canzone, senza finzioni sceniche truculente anche se il suo viso ne ha prese di botte e credo che il sangue fosse vero ma ritorna dall’amato bene… «e bruci, tu brucerai brucerai all’inferno, si all’inferno brucerai all’inferno, si brucerai all’inferno per tutti i tuoi peccati». Take a Bow = Inchinati: lo Spettacolo continua.

 

Poi magari si diventa anziane e non si contiene più, neanche quel goccetto d’acqua come diceva mio nonno, scusandosi e andando ad orinare. Il racconto di una vicina di casa in paese, arriva a quella trasgressiva liberazione giallo paglierino che le donne sulla strada facevano allargando le gambe, complici le vesti lunghe. Oggi ci sono gli assorbenti: i tamponi di una scrittura vitale, magari non fertile. Tamponava anche il cotone, era un corredino segreto, riscoperto da una casa canadese che è bio, come noi donne: «Davvero utili e pratici da usare. Naturali e amici della nostra salute. Che possibilmente ci facciano risparmiare. A impatto zero, ovvero riutizzabili per lungo tempo e che non comportino un danno ambientale quando li si elimina».

Gli assorbenti sono con le ali: dicono che garantiscono una maggiore protezione. Non so se noi le abbiamo messe. Di certo abbiamo una gran capacità di assorbimento, per natura.

Possiamo avvolgerci nella carta igienica e dormire tra due guanciali super assorbenti: asciutte e pulite. L’assorbente è invisibile, quasi quanto la violenza domestica e la nostra capacità di autodeterminazione, non solo nella scelta di cosa raccolga il ciclo vitale della donna ma di come esserci, esistere in rapporto all’incontro con l’altro da noi, che non può essere solo la denuncia, l’evadere con ali protettive.

 

La Storia della paura, preceduta da Le seduzioni della guerra, approda allo Stupro, con l’analisi di una donna Joanna Bourke: tre suoi testi che analizzano non le vittime ma gli stupratori le società e i soggetti portatori di violenza, che propongono il futuro come frutto delle nostre scelte. In un intervento al World Social Summit 2008, l’insegnante inglese del Birkbeck College, sinteticamente spiegò il suo punto di vista sulla Storia culturale della paura: «Paura e ansia possono annichilire l’ego. Ecco la testimonianza di un soldato britannico: “Mamma, scrivere non è nelle mie corde, proprio come combattere”. In questo modo si presenta l’individuo in pubblico. Questo ci terrorizza e così possiamo agire erroneamente, con omicidi, guerre, attacchi. Nella società moderna ci dicono di non aver paura e di reagire, ma al contempo ci inducono ad essere spaventati in diversi modi. Rispetto al passato, non ci si rivolge più alle organizzazioni e agli elementi della comunità per avere una consolazione dai propri timori. C’è un comportamento sempre più individuale. Vi invito a riflettere che c’è un pericoloso approccio universalizzante. Si crea un soggetto di sofferenza universale estraneo alla storia. Nel caso delle donne e delle violenze, ad esempio, il vero succo della storia non era più la donna, ma il suo trauma. Lo storico deve specificare il “chi” e il “dove”, solo con lo specifico eviteremo l’inevitabile e le visioni apocalittiche. L’invito è a forgiare una società più etica. Milioni di persone dovrebbero rispondere con un secco no alle tecniche di assassinio proposte dai governi».

 

Una spilla da balia fa ancora da badante-chissà quante ancora oggi la usano- ché non si riapra la chiusura, tenga fermo il pannolino, contenga: riaprire almeno la libertà della memoria?

O per Altre Menti: «Davvero utili e pratiche da usare. Naturali e amiche della nostra salute. Che possibilmente ci facciano risparmiare. A impatto zero, ovvero riutizzabili per lungo tempo e che non comportino un danno ambientale quando le si elimina».

E le cinesi? Pare ci sia ancora tempo. Ma i canti delle risaie si fanno sempre più vicini, come cosa mettere nella ciotola, quotidianamente: tra divieti, triangoli e sorrisi in una sfera globale dove tabù spettacolare è ancora il sangue e come l’assorba la donna.

Di madre in figlia: Ci piace pensare che non siamo state inutili.

 

Doriana Goracci


Articoli correlati

  Doriana Goracci: L’archivio di Dario Bellezza all’asta e dire poesia gay offende e basta…
  Doriana Goracci: Fede e papi come sceneggiatura filmica continua.
  Doriana Goracci: Che il cenone di fine anno porti consiglio ad Obama!
  La storia di Barbara insegnante precaria siciliana sulle scale del Ministero
  Doriana Goracci: Giornata della Memoria con Gaza e Lucca nel tempo storico presente
  Doriana Goracci: Nazifascisti a Milano con Roberto Fiore
  Doriana Goracci: l’8 marzo di un arcivescovo brasiliano e del Vaticano
  Doriana Goracci: Altezza pura e impura e altre vicende papali papali
  Sul 25 novembre Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne
  Doriana Goracci: Perversa proposta del ministro Brunetta sulle donne in pensione a 65 anni
  Doriana Goracci: Terremoto a sorpresa? rilevazioni annunciavano sua presa.
  Doriana Goracci: Razzismo vecchio e nuovo. Una mappa per il web a febbraio.
  Doriana Goracci. Pulitori d'Italia
  Da una tenda abruzzese. Quello che la Rai non fa vedere, che i giornali non dicono
  Doriana Goracci: La militarizzazione in Abruzzo contro il G8.
  Doriana Goracci. Benedetto XVI a Viterbo il 6 settembre 2009. Impressioni Web
  Doriana Goracci: Voci della banda eversiva per l'alimentazione forzata di Eluana Eglaro
  Doriana Goracci: Avere e non avere C.A.S.E. all’Aquila
  Doriana Goracci. Intrufolando Badanti e Bavaglioli in disavanzo
  Doriana Goracci: Stando in famiglia. Sul Caso Marrazzo con dintorni sessuali e materiali
  Doriana Goracci: il bacio e il sangue. Con superlativi video...
  Doriana Goracci: Capitalismo oggi e “Manifesto per una nuova politica” di Paolo De Gregori
  Doriana Goracci: Il mio urlo oggi dentro altri urli. Racconto illustrato
  Vittorio Oliva: GPL - Testimonianza raccolta da Doriana Goracci.
  Doriana Goracci: Sabatino Catapano vivo per Francesco Mastrogiovanni morto
  Doriana Goracci: Madonna porterà aiuto ai terremotati dell’Abruzzo
  Doriana Goracci: L'inferno di Viareggio, inferno con GPL e treni ferrovecchio
  Doriana Goracci: Barbara Matera e le donne dei fornelli prese per i fondelli
  Doriana Goracci: Piccolo requiem anarchico per Michele
  Doriana Goracci: Frammenti di lettere d'amore dal web a Tellusfolio
  Storia e apprensioni di Beritan Gulmez raccolte da Doriana Goracci
  Doriana Goracci / Vincenzo Serra: Appesi. In morte di Francesco Mastrogiovanni
  Doriana Goracci: Assolti chi massacrò a Genova per il G8. Condannati i manifestanti.
  In morte di un blogger il Primo Maggio. Ricordo di Giuseppe Gatì. Musica di Fabrizio De Andrè
  Doriana Goracci: Ricordando la strage di soldati italiani a Kabul e della verità sulla guerra.
  Doriana Goracci: Stragi di uomini, di bambini, della libertà di stampa…
  Doriana Goracci: Congo e vaccini, Congo e mitraglia. Oblò Mondo 10
  Doriana Goracci: Processi che vanno e vengono nella storia nelle biografie.
  Doriana Goracci: Un nipote e due sentenze, Genova Scuola Diaz e Eluana Eglaro
  Doriana Goracci: Carte Revolver e Taranta Precaria ai vertici legali dell'American Express Italia?
  Doriana Goracci: Javier Lozano Barragan in pillola per il giorno dopo ogni inquisizione
  Doriana Goracci. Su eventi di economia e di nornale idiozia politico-televisiva (Gelmini-Miss Italia)
  Doriana Goracci: Corpi sofferenti scritti - fotografati - cantati. Berlusconi - Mastrogiovanni - Gaber
  Tutto ma proprio tutto quello che dovete sapere. Sulla morte di Eluana, su Stasi e il porno…
  Doriana Goracci: Anti-Clericale Anti-Giuliano Anti-Ferrara per l’autonomia della donna
  Doriana Goracci: Verba volant sisma manent. Militarizzazione per il G8 all'Aquila
  Doriana Goracci: In materia di migrazioni povere e ricche
  Doriana Goracci: Con "Gracias a la vida" alla manifestazione antirazzista. Roma 17 ottobre
  Dorian Goracci: Tracce di letture e di vite per il 25 Aprile. Nuova Resistenza
  Doriana Goracci, Vincenza Perilli: Storia di una donna migrante. Oblò Mondo 9
 
 
Immagini correlate

 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.5%
NO
 25.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy