Giovedì , 11 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Arte e dintorni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Paola Forlani. Henri Cartier-Bresson, Le Grande Jeu
16 Aprile 2020
 

Palazzo Grassi – Punta della Dogana presenta un’esposizione sul fotografo Henri Cartier-Bresson (1908-2004), e in particolare sulla “Master Collection”, ma comunica al pubblico la chiusura dei propri spazi espositivi e del Teatrino in ottemperanza alle misure di contenimento del Covid-19. Resta dell’evento lo splendido catalogo che rivela il percorso della mostra e le opere del grande fotografo. Il volume Henri Cartier-Bresson Le Grande Jeu è edito da Marsilio.

All’inizio degli anni settanta del Novecento, su richiesta dei suoi amici e collezionisti John e Dominique de Menil, Henri Cartier-Bresson passa in rassegna le migliaia di stampe del suo archivio con l’idea di scegliere le opere più importanti e significative della sua carriera. Seleziona 385 fotografie e che, tra il 1972 e il 1973, vengono stampate nel suo laboratorio parigino di fiducia, in formato 30x40 e in 5 esemplari ciascuna. Da allora, il cosiddetto Master Set non è mai stato pubblicato integralmente.

In questa occasione straordinaria viene proposto nella sua integrità e nello stesso tempo il curatore Matthieu Humery ha riunito la fotografa Annie Leibovitz, il regista Wim Wenders, lo scrittore Javier Cercas, Sylvie Aubenas, conservatrice e direttrice del dipartimento di stampe e fotografia della Bibliothéque national de France, e il collezionista François Pinault, e li ha invitati a scegliere a loro volta una cinquantina di immagini ciascuno, condividendo la propria visione personale della fotografia e la propria interpretazione dell’opera di questo grande artista.

Rinnovare e arricchire il nostro sguardo su Henri Cartier-Bresson attraverso quello di cinque personalità diverse ed eccezionali è la sfida del progetto espositivo Le Grand Jeu e di questa mostra e di questo irripetibile catalogo che si compone di due parti: l’una a illustrare la scelta personale di ciascuno dei curatori con il loro testo inedito; l’altra che ripropone integralmente il Master Set, così come ideato da Cartier-Bresson.

Henri Cartier-Bresson è nato il 22 agosto 1908 a Chanteloup, nel distretto francese della Seine-et-Marne, figlio di una ricca famiglia di industriali, HCB seleziona nel 1973 per John e Dominique de Manil, collezionisti e mecenati francoamericani un gigantesco portfolio di 385 fotografie, che attraversa ogni fase della sua vita straordinaria, dall’incontro con i surrealisti che frequentava a Montparnasse sul finire degli anni ’20, alla scelta del fotogiornalismo, impegno politico compreso, dai ritratti, alle scelte di strada. A sedici anni dalla scomparsa del maestro la sua raccolta definita Master collection torna a splendere nella cornice di Palazzo Grassi, a Venezia, fino al 22 gennaio 2021 (attualmente chiusa per il Covid-19) con un titolo più evocativo Le grand jeu, dichiarazione doppia, come vuole il gioco di parole caro ai surrealisti, perché jeu, gioco, diventa facilmente je, io. Il grande gioco, il grande io, “giocare” al racconto di uno dei più celebri fotografi del Novecento, partendo da una varietà di punti di vista a loro volta d’autore, e “giocare” a specchiarsi nei riflessi di quest’opera meravigliosa e raccontare, ricordare qualcosa, o molto, di sé.

Apre la mostra Annie Leibovitz, lei che come Cartier-Bresson voleva diventare pittrice, ma all’Accademia di belle arti di San Francisco scopre lo sguardo di HCB, insieme a quello di Robert Frank, sceglie la macchina fotografica, e cinquant’anni dopo sceglie l’immagine scattata a Livorno nel 1933. Giocando, la stessa fotografia è stata scelta da Sylvie Aubert, perché storicamente irrinunciabile, e da François Pinault, perché appartiene agli anni surrealisti di Cartier-Bresson e il Surrealismo è un movimento molto amato dal collezionista. Wim Wenders ha sentito il richiamo di Simiane-la-Rotonde, ma anche di una fotografia scattata a Dessau nel 1945, un bambino vestito del cappotto di un uomo, due età che si uniscono e solo chi ha vissuto la guerra può capire. A Javier Cercas il merito di aver sentito il richiamo del Novecento, la folla che assiste all’incoronazione di Giorgio VI, perché l’evento non è l’ascesa al trono dell’ennesimo re, ma la nascita di una società di spettatori. Matthieu Humery sceglie una fotografia realizzata da Cartier-Bresson nel 1947 a Gallup, nel Nuovo Messico. È una famiglia di nativi americani e nessuno all’epoca si interessava a loro. Quasi, quasi, del Jeu è sparito persino il Je.

 

M.P.F.


Foto allegate

Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy