Mercoledì , 25 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Marisa Cecchetti. “Miglietto, romanzo d’amore e brigantaggio” di Maurizio Guidi
14 Dicembre 2016
 

Maurizio Guidi

Miglietto

Romanzo d’amore e brigantaggio

Sarnus, 2016, pp. 120, € 8,00

 

Per chi conosce il contesto ambientale del romanzo di Maurizio Guidi è piacevole ritrovare tra le pagine luoghi, torrenti, monti, valichi noti, e scoprirne la vita di cinquecento anni fa. Lo scrittore si rivela una guida perfetta ed insieme un ricercatore, che non solo ricostruisce la storia, ma la popola di personaggi verisimili accanto ad altri leggendari. Certamente appartiene alla leggenda Miglietto, il brigante buono, ma si sa che la leggenda è mista di verità e di immaginazione. Quindi un Miglietto-Robin Hood deve essere senz’altro esistito, muovendosi tra i territori di Lucca, Firenze, Pisa, sempre volto a fare giustizia agli umili contro i soprusi dei potenti, a recuperare la roba rubata ai più deboli, ma anche pronto, come tutti i banditi, ad attaccare i carichi di rifornimenti alimentari quando transitano da un territorio all’altro, a suo parere per una più equa distribuzione.

Le sue imprese, i suoi scontri, le sue fughe per mettersi al sicuro, il suo particolare senso di giustizia, ne fanno un personaggio accolto ovunque con benevolenza e rispetto, come un eroe a difesa della comunità. Insieme agli altri tre componenti la sua banda si siede al posto d’onore nei pranzi delle ricorrenze sacre, accanto ai Governatori della zona ed al prete che lo tiene in enorme considerazione.

Eroe brigante, risveglia l’attenzione e il desiderio, e vive la sua grande storia d’amore con Elvira. Come tutte le donne dei banditi lei è pronta ad intervenire in aiuto del suo uomo, ne sa curare le ferite, la sa nascondere. Lo sa amare.

La storia di questo brigante, collocata nella prima metà del 1500, è raccontata come in un flash back all’inizio degli anni ’60 da un personaggio originale, Lidamo, a cui il un narratore dà voce, camminatore instancabile e poeta, che sa improvvisare rime davanti ai frequentatori di una locanda, colto, affabulatore, attendibile. Lui “quasi sempre arriva con le stagioni percorrendo a piedi una mulattiera”.

Ricostruire quel preciso momento storico significa recuperarne la cultura, e Guidi lo sa fare bene, riproponendo usi, costumi, feste, o le comuni azioni del quotidiano. Si immaginano interni fumosi con il paiolo della polenta di castagne appeso dentro il camino, si sente odore di boschi umidi, le grida del maiale macellato, le voci alterate dal vino e dal cibo dopo lo striscio, che è la cena dopo la macellazione. Si recupera il linguaggio del popolo: l’acquaio, la sciugna, la piella, i gorgoli, i necci, la semola, il cigliere, il pennato, il suppidiano, significanti che oggi sono un po’ dimenticati. Ma c’è anche il linguaggio colto del prete. E Guidi non si dimentica di far passare attraverso le sue pagine i personaggi illustri del tempo che hanno bazzicato quella zona per ragioni diverse, Michelangelo ed Ariosto.

 

Marisa Cecchetti


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy