Martedì , 16 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lidia Menapace. Considerazioni (d'autunno nel 2015)
24 Novembre 2015
 

Ho messo insieme alcune considerazioni che ritengo utili per discutere avendo un qualche elemento di base comune. Sono considerazioni al livello di opinione personale, il che non significa cervellotiche o improvvisate: significa che non hanno ancora un fondamento scientifico tale che dia loro una valenza e autorevolezza intrinseca.

Uso il lessico politico contemporaneo, nella forma più chiara e semplice che mi riesce, ma prego chi legge di non scrivermi per chiedere che cosa intendo per "stato sociale" o per "socialismo" o "capitalismo". La consultazione dellaTreccani o di un testo scolastico basterà a dare le debite informazioni.

Perché presento qualcosa per discutere? perchè mi pare che la discussione sia una abitudine e conoscenza che si è persa per strada e che a mio parere occorre recuperare. Altrimenti non ci si potrà più parlare, comunicando, ma solo gridare o sussurrare emozioni nemmeno elaborate, in forma di versi animali. Si perde una facoltà tipica dei e delle umane, cioè la parola. La base comune è come una lingua, una lingua d'uso che si può presumere nota.

L'argomento sul quale propongo la discussione è il fenomeno chiamato terrorismo, che con ritmi ed espressioni molto diversificati e vasta scelta di luoghi e tempi da una quindicina d'anni sta sullo sfondo della vita politica mondiale, sia pure con distribuzione territoriale non omogenea.

Lo chiamo terrorismo politico. Non ha la forma di un partito, né di uno stato. Piuttosto assomiglia alla mafia o ad altre organizzazioni criminali diffuse. Tuttavia la somiglianza con esse termina subito, perché il terrorismo politico non ha -almeno così pare- fini di lucro o di potere fuori legge.

L'ondata di terrorismo politico in corso ha come fine dichiarato l'affermazione dell'Islam in tutto il mondo, cancellando -se possibile- qualsiasi altra forma di civiltà o religione o cultura. Cito ad esempio la distruzione delle antiche statue di Budda, un pezzo di archeologia patrimonio dell'umanità.

Che lo stesso Islam sia in sé diviso, non conta, ciascuna versione si pensa come il tutto.

Come contrastare un fenomeno di questo genere? subito viene alla bocca di tutti o quasi gli esperti interpellati "con la guerra" seguita da aggettivi o avverbi che vanno da "totale " a " specifica", da "assolutamente" a "purtoppo" e arriva fino a "mai, no".

Ma come si fa a fare la guerra a chi non ha ancora un territorio di insediamento? si può pensare che, essendo l'Islam una delle più diffuse religioni del mondo, lo si possa ostacolare con una Crociata, mezzo che fu inventato da noi Cristiani proprio a quel fine dichiarato: le Crociate durarono secoli, ma non ottennero lo scopo, e non dite che mi sto gingillando con pezzi di storia antica, perchè le bandiere catturate a Lepanto ai Turchi dalla flotta cristiana vittoriosa erano custodite a Roma fino a che pochi anni fa Paolo VI le restituì. I popoli hanno la memoria lunga quando vogliono.

 

A questo punto introduco la mia personale proposta. Dubitativa approssimativa incerta, ma a me pare che valga la pena di lavorarci su.

Mi son venuta convincendo che i popoli e paesi democratici ovunque situati possano essere chiamati a difendere, conservare, non rifiutare, non accettare che venga "riformata" in senso privatistico la maggior conquista politica dell'umanità, che si chiama "Stato sociale", cioè quella forma di stato il cui potere soggiace alla sovranità popolare. Essa è titolare di diritti storicamente determinati, che usa a tal punto, che non sarebbe più disposta a farne a meno. Quasi tutti tali diritti sono sotto attacco e malmenati dalle cosiddette "riforme", ma ancora hanno margini di credibilità e adesione: l'istruzione, la salute, i servizi, il trasporto pubblico ecc. ecc. Lo Stato sociale non può reggere però, mantenendo e rispettando i diritti acquisiti dal popolo, il peso di fare la guerra. Solo le spese per la guerra, tanto è vero che gli Usa, lo stato più ricco del mondo, siccome spende fiumi di dollari per fare sostenere affittare guerre ovunque, non può sostenere un sistema di sanità pubblica, né una scuola per tutti e tutte.

È già quasi tardi, Renzi privatizza le ferrovie ecc. ecc.

Qui è il punto di svolta nella questione del terrorismo politico: attaccati sul nostro modo di vivere, dichiariamo che invece vogliamo mantenerlo allargarlo renderlo più efficace e che non ubbidiremo a ordini di apparente prudenza, ma continueremo ad usare la nostra amatissima libertà.

 

Lidia Menapace


Articoli correlati

  Giovanni Maiolo. La lezione di Ismael
  Lidia Menapace. Il sonno della ragione
  Carlo Forin. Jihad arabo < gi-ad sumero
  Asmae Dachan. Il pianista di Parigi come il pianista di Yarmouk
  Vetrina/ Franco Portone. P A C E (1981)
  Reporterre. Nonviolenza
  Giuseppina Rando. Finché c'è guerra c'è speranza
  Umberto Santino. La pace naviga controcorrente
  Francesco Lena. Sarà il contagio dell'amore a salvare il mondo
  Il rimedio contro la violenza
  Lidia Menapace. Che fare? (dopo Parigi)
  Carlotta Caldonazzo. Terrorismo e guerra al terrorismo: una controproposta
  Roberto Malini. Cori a favore di Isis a Istanbul, prima della partita Turchia-Grecia
  Christian Flammia. Prevenire, educare, magari rinunciare a qualcosa... ma l'Isis si può vincere
  Vetrina/ Alberto Figliolia. Haiku per Parigi
  Mario Lucchini. Guerra e terrorismo
  Maria Lanciotti. Non in mio nome
  Asmae Dachan. Il terrorismo spiegato a mio figlio
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.8%
NO
 35.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy