Giovedì , 30 Giugno 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Sì, viaggiare
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Alfred Breitman. Rimini, città chiusa ai diritti umani?
Rimini. Un giocoliere sloveno (foto del servizio di Dario Picciau)
Rimini. Un giocoliere sloveno (foto del servizio di Dario Picciau) 
03 Settembre 2013
   

Rimini è diventata una città xenofoba?

È la domanda che si pongono i difensori dei diritti umani del Gruppo EveryOne, dopo aver effettuato un'indagine nella città più popolosa della riviera romagnola. «Rimini è una città che amiamo profondamente», riferisce Roberto Malini, scrittore e co-presidente dell'organizzazione internazionale per i diritti umani, «non solo perché ci ricorda le vacanze della nostra giovinezza, ma anche perché è una splendida città d'arte, che non ha mai rinnegato una marcata propensione ad accogliere e integrare le culture diverse, per inseguire l'eccellenza nell'arte, nell'architettura, nella musica e, in tempi più recenti, nel cinema e nella televisione. È innegabile, però, che oggi Rimini è cambiata». Mentre descrive il suo rapporto intenso, di vecchia data, con la città balneare, Malini fa scorrere sul suo iPad alcune immagini piuttosto sconcertanti. Siamo seduti su una panchina, di cui l'attivista fa notare il "colore arcobaleno", simbolo dell'impegno civile.

«Oggi Rimini ha un timore irrazionale verso i migranti, i rom, gli stranieri indigenti. Per combattere l'attività dei venditori ambulanti di origine africana, che è sempre più raro vedere presso la battigia, la città ha creato norme restrittive, che finiscono per limitare la libertà degli stessi turisti. Il 'Consorzio Operatori Balneari Marina Riminese' ha esposto presso gli stabilimenti balneari un cartello che vieta a chiunque di fermarsi vicino al bagnasciuga, a meno che non si avvalga di prestazioni a pagamento. Ai turisti che si lamentano, affermando che in tutti i paesi del mondo civile lo spazio di spiaggia in prossimità del mare è considerato pubblico e libero, rispondono indicando il cartello: “È una legge. È scritto lì”. In realtà la normativa – art. 11 comma 2 lettera d Legge 15 dicembre 2011 n. 217 – riconosce anche in Italia “il diritto libero e gratuito di accesso e di fruizione della battigia, anche ai fini di balneazione”. Anche gli artisti di strada, che sono per la maggior parte stranieri e molto poveri, subiscono continui controlli da parte delle autorità e alla fine vengono allontanati, privando la cittadinanza e i turisti delle espressioni più libere della creatività e del talento dei popoli. Una volta la spiaggia di Rimini ospitava un piccolo e spontaneo 'suq' variopinto, mentre sulla passeggiata si assisteva a concerti improvvisati di violini e fisarmoniche zigane, acrobazie di saltimbanchi, performance di teatro comico o di 'statue viventi'. Ora sono i regolamenti e le divise a dettare le regole e sembra davvero di essere tornati indietro nel tempo, a periodi la cui memoria è ancora oggi inquietante e dolorosa».

L'attivista racconta l'episodio di una giovane madre di etnia rom, insultata da cittadini razzisti in mezzo alla strada, mentre stringeva il suo bimbo fra le esili braccia. Poi racconta un altro episodio cui ha assistito poche ore prima, insieme ad altri difensori dei diritti umani: «C'era un ragazzo di origine africana, supino a terra, immobile presso i tavolini di un locale sulla passeggiata. La gente passava accanto a lui e lo guardava con la coda dell'occhio, senza fermarsi. Qualcuno bofonchiava parole di indignazione. Nessuno si chiedeva se stesse bene o avesse bisogno di aiuto. Al contrario, molti si fermavano davanti all'ultima frontiera del mercato dei souvenir: armi ad aria compressa (perfette riproduzioni delle più letali pistole e armi da guerra) e oggetti che celebrano gli orrori del nazismo e del fascismo, presentati da un gran numero di empori come se si trattasse di articoli-ricordo da acquistare e magari esporre poi in bella vista su una mensola di casa. Un campionario nutrito: bottiglie di vino, statuette e grembiulini dedicati ad Adolf Hitler, a Benito Mussolini e ai loro foschi partiti». Malini si alza, getta un'ultima occhiata verso il mare e si incammina verso la stazione. «Oggi il mare è verde. È quello che D'Annunzio definì 'Adriatico selvaggio', paragonando il suo colore a quello dei pascoli montani. La nostra visita a Rimini è stata illuminante. Ne manderemo un rapporto alle istituzioni riminesi, augurandoci che lo prendano in considerazione. Chiudersi ai diritti umani è pericoloso e l'intolleranza è come un virus: se non la si combatte in tempo, si diffonde dappertutto, accompagnata da un'altra malattia sociale, l'indifferenza. Il nostro amore per questa città è autentico e grande. Desideriamo vederla risorgere e tornare accogliente non solo verso i turisti stranieri che 'portano denaro' (attualmente sono i russi e quasi tutti i locali espongono insegne in italiano e cirillico, trascurando ormai l'inglese), ma verso tutti gli esseri umani, come era sua tradizione. Arrivederci, Rimini».

 

Alfred Breitman

Gruppo EveryOne


Foto allegate

Uno dei cartelli che appaiono negli stabilimenti balneari
Il giovane migrante supino all
Esposizione di pistole-giocattolo
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.1%
NO
 24.9%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy