Sabato , 27 Novembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Milano, Sant'Ambrogio. Niente parcheggio, ma “giardino della memoria” 
Una vittoria della politica la mozione approvata all'unanimità
28 Luglio 2012
 

Voto unanime del Consiglio regionale: il cimitero paleocristiano sarà il “Giardino della memoria dei martiri cristiani”, luogo di silenzio, di meditazione e di preghiera, come ai tempi di S.Ambrogio

 

 

Nella seduta di martedì 24 luglio 2012, il Consiglio regionale della Lombardia ha posto fine a 12 anni di follia oscurantista, di arroganza e di volgare affarismo che hanno messo a rischio e intaccato uno dei luoghi più sacri alla memoria dei milanesi e di tutti i cristiani: il Cimitero ad Martyres, cioè il dormitorio di coloro ai quali, per fede cristiana, è promesso il risveglio della resurrezione.

Il Consiglio ha approvato all'unanimità dei presenti la Mozione [QUI PDF] proposta dai Radicali per Sant'Ambrogio (firmata da esponenti di tutti i Gruppi tranne l'UDC), compiendo una svolta decisiva verso il rispetto dei valori spirituali universali, culturali, storici, civili e religiosi connessi a quel luogo, caro a S. Ambrogio, alla sorella Santa Marcellina, al fratello S. Satiro, a S. Agostino e alla madre Santa Monica, luogo di sepoltura dei martiri Gervasio e Protasio, esumati da Ambrogio nel 386 e da lui posti nella Basilica martyrum appena costruita e dove poi li ha raggiunti; luogo di sepoltura di Victor, Nabor, Felix, pii Mediolani martyres, celebrati nel XII inno di S. Ambrogio e custoditi nell'antica Basilica naboriana e in S. Vittore in Ciel d'Oro, e poi nella basilica di S. Vittore al Corpo.

Lucio Bertè, portavoce di questa battaglia radicale, ha dichiarato:

«È stata una vittoria della politica perché questo risultato era mancato di un soffio nel 2009, quando aveva prevalso la lobby affaristico-immobiliarista legata alla realizzazione dei parcheggi interrati nel Centro storico di Milano spinta dal duo Berlusconi-Albertini. Oggi il Consiglio ha dimostrato di aver maturato la consapevolezza della posta in gioco e la volontà di arrivare fino al risultato concreto, anche imponendo le prerogative che la Costituzione e la legge riconoscono alla Regione.

La solenne dichiarazione di notevole interesse culturale del Consiglio regionale al rispetto dei valori storici, civili e religiosi, etnoantropologici e identitari connessi al sito del Cimitero ad Martyres, una volta notificata al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, farà scattare degli atti conseguenti da parte di quest'ultimo, atti questa volta obbligati per il Ministero, che invece all'inizio della vicenda, nei primi anni 2000, scelse di non compiere d'ufficio, infine autorizzando lui, nel sito ad Martyres, l'esecuzione di lavori distruttivi e incompatibili con la natura storica del luogo, contro il parere delle stesse Soprintendenze lombarde. E alla fine sarà il Ministero che dovrà accollarsi il costo delle opere troppo facilmente e stranamente da lui stesso consentite, relegando le Soprintendenze lombarde ai controlli marginali e scontati sulla stabilità degli edifici storici e sull'estetica del giardinetto di copertura del parcheggio. Rispetto alle iniziative anche giudiziarie di Italia Nostra, del FAI e dei comitati cittadini, tutte centrate sulla tutela dei Beni architettonici e archeologici, della Basilica di S.Ambrogio e della Piazza come sua area di rispetto, assolutamente fondate, ma tutte archiviate, la scelta originale dei radicali è stata quella di puntare tutto sul rispetto dei valori immateriali, spirituali, simbolici connessi alla stessa terra del sito cimiteriale, con le sepolture dei martiri e dei primi cristiani, di poco valore archeologico (povere tombe”) ma di immenso valore spirituale e storico. Su questo aspetto non è mai stata consultata la Soprintendenza competente, quella ai Beni storici e immateriali protetti dalle Convenzioni dell'Unesco, che avrebbe dovuto impedire la rimozione delle sepolture e la dissacrazione del sito, destinato contra legem ad un uso non conciliabile con la sua natura storica e simbolica. Ora invece quel sito cimiteriale potrà diventare un luogo di silenzio, di riflessione, di meditazione e di preghiera come “Giardino della Memoria dei Martiri cristiani”, realizzabile in pochi mesi, in tempo per le celebrazioni dei 1700 anni dell'Editto di Milano del 313 per la libertà religiosa, diritto anche civile proclamato allora proprio grazie ai martiri, ma ancora oggi da affermare nel mondo».

 

Radicali per Sant’Ambrogio


Articoli correlati

  Stop ai lavori per il parcheggio di S. Ambrogio
  Milano. “Radicali per Sant’Ambrogio” sigillano il cantiere
  Milano. Sant'Ambrogio. Altre adesioni dal mondo religioso, mentre i Radicali vigilano sul sito
  Milano, Radicali per Sant'Ambrogio. “Gabbato lo santo” ancor prima della sua festa
  «Chi ama Milano si organizzi con i Radicali»
  Milano. Ci sarà il "Giardino della memoria dei martiri cristiani"
  Memorie dimenticate, Giornata internazionale della nonviolenza, Anna Politkovskaja...
  Milano/ S.Ambrogio. Il Comune vuol salvare il Cimitero 'ad Martyres'
  Chiesa Ortodossa greca per Cimitero ad Martyres di S. Ambrogio
  Cimitero Ad Martyres di S. Ambrogio. I Radicali chiedono la sospensione del cantiere fino al voto
  Don Andrea Gallo a difesa del Cimitero paleocristiano di S. Ambrogio
  Radicali per Sant'Ambrogio. Lucio Bertè in digiuno per dialogo con Sandro Bondi
  Milano. Successo dell’incatenamento alla basilica di S. Ambrogio
  Milano. Il radicale Lucio Bertè rende omaggio alle vittime della Shoah nel cimitero “ad Martyres”
  Lucio Bertè. Milano Sant'Ambrogio. Formigoni d'estate, Formigoni d'autunno...
  Un risarcimento per lo scempio della Darsena!
  Per la libertà religiosa e per la parità di tutte le confessioni nel diritto all'informazione
  Milano. “Proposta indecente”. Cercasi consigliere “liberale” per servizio a democrazia
  Radicali per Sant’Ambrogio. “Appello del Venerdì Santo”
  La liberazione di Milano, un mese dopo
  In difesa del Cimitero paleocristiano ad Martyres di S. Ambrogio
  Milano. Radicali per Sant’Ambrogio
  Milano. Lucio Bertè ancora incatenato a S. Ambrogio
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy