Giovedì , 27 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. La situazione... 
Le questioni che la difficile, dura iniziativa di Emma Bonino pone a tutti e a ciascuno di noi
25 Febbraio 2010
 

Qualche anno fa Silvio Berlusconi trovò spiritoso, intelligente e coerente con il buon gusto che lo caratterizza, definire Emma Bonino “una protesi di Marco Pannella”. Oggi qualche commentatore e articolista, non meno spiritoso, intelligente e di buon gusto, sostiene che Emma Bonino si muove come teleguidata da Pannella, è lei che parla, digiuna, si candida; ma è Pannella che tira le fila, muove e gestisce. È un qualcosa che dovrebbe essere liquidata con la classica e sonora pernacchia di Totò nei Due marescialli; chi lo dice, lo scrive e lo pensa, non solo offende Emma; dimostra anche di non conoscere per nulla Emma, Marco e neppure i radicali.

 

L’informazione è il nodo cruciale per l’equo svolgimento del gioco democratico; e non lo si dice da oggi. A conclusione di un congresso radicale, nel 1977, si affermava che «la libertà di informazione è uno dei nodi di fondo su cui si gioca il destino della democrazia in Italia»; e ancora: «Si è potuto constatare che tutte le volte in cui i cittadini sono stati messi in grado di conoscere i grandi temi di scontro della lotta politica grazie a un’adeguata informazione, strappate per lo più dalle lotte democratiche di cui i radicali sono stati gran parte, il paese ha scelto nel senso della libertà e delle riforme».

 

Sembrano parole di oggi, per l’oggi. Sono state concepite e scritte più di trent’anni fa. E trent’anni fa, il 1976 per la precisione, Pannella, proprio come Emma oggi, fu costretto a ricorrere a un duro e faticoso sciopero della sete per ottenere una più equa ripartizione dei tempi televisivi. Lo si ricorda a quanti sostengono che i radicali, Pannella, Bonino hanno perso il loro appeal, il loro smalto, la loro credibilità, e che invece erano “buoni”, accettabili, convincenti “ieri”. A parte che “domani” diranno la stessa cosa, che i radicali buoni sono quelli di “oggi”, come si vede, i radicali, dicono oggi quello che dicevano ieri; e lo diranno ancora per molto tempo, perché la situazione sembra incancrenita, peggiora per quanto possa sembrare incredibile. Gli strenui difensori della libertà di stampa, infatti, tacquero indifferenti e complici allora; tacciono, indifferenti e complici oggi.

 

Le condizioni generali della politica sono tali da rendere sempre più difficile e proibitive le possibilità di azione di quanti, come i radicali operano e vogliono operare nella legalità. È la questione che Emma, con la sua difficile, dura iniziativa politica pone a tutti e a ciascuno di noi, come sanare almeno in parte questa incredibile, intollerabile serie di gravi illegalità che si consumano sotto i nostri occhi. E sta a noi decidere se restare inerti, indifferenti; oppure mobilitarci. Se si vuole, si può, se si può, si deve. Questa la situazione, questi i fatti.

 

Valter Vecellio

(da Notizie radicali, 24 febbraio 2010)


Articoli correlati

  Emma Bonino: “Tradire la Costituzione porta sempre male”
  Legalità! legalità! legalità! Io sto con Emma
  Milano. Radicali: Dibattiti e raccolta firme alla festa del PD
  Emma Bonino. Una riscossa democratica e civile
  “Non chiudere gli occhi sui lager dei migranti”. Intervista a Emma Bonino
  Daniela Preziosi. Bonino scalda il partito: non vi libererete di me
  Stefano Bettera. Emma Bonino: «Una metropoli ecologista e laica»
  Lidia Menapace. Cominciare da un FBI europeo?
  Monica Lanfranco. Forse le femministe sono invisibili?
  Enea Sansi. +Europa: Emma Bonino centro del ‘nuovo’ Partito democratico
  Lo ius soli “tempe­ra­to” e “gli schiaffoni in Aula”, la tortura che diventa finalmente reato
  Emma Bonino: “All'Onu c'è un'atmosfera nuova. Dobbiamo esplorare i segnali dall'Iran”
  Emma Bonino: “Voglio essere speranza ma non vendiamo illusioni”
  “Ora una donna al Quirinale: Emma Bonino"
  Emma Bonino. La nostra battaglia è solo all'inizio di un'esperienza politica nuova
  Carlo Lania. “Sull’immigrazione l’Europa ha fallito”
  Lidia Menapace. Emma Bonino
  Fabio Poletti. Emma Bonino: «Berlusconi non può trattare l'Europa come un taxi»
  Milano. “Insieme senza muri”
  Emma Bonino. Non è solo la crisi del berlusconismo, è crisi di regime e di sistema
  Giuseppe Civati. Je suis laïque
  Silvia Fumarola, Orazio La Rocca. No all'orazione della Bonino in chiesa
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy