Martedì , 14 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > In tutta libertà
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gianfranco Cercone. “American honey” di Andrea Arnold
22 Marzo 2020
 

In un periodo come questo, di generale, forzata reclusione, un film è anche un modo per uscire almeno immaginariamente di casa, per tornare a respirare la libertà di muoversi in vasti spazi all'aria aperta, di viaggiare, di ritrovarsi allegramente in un gruppo di persone, di fare nuove amicizie, magari di incontrare nuovi amori.

In questo senso, un piccolo “antidoto”, appunto soltanto immaginario, all’opprimente condizione di vita in cui in tanti ci troviamo, può essere costituito dal film della regista inglese Andrea Arnold, intitolato American honey (letteralmente tradotto: miele americano), presentato nel 2016 al Festival di Cannes – dove vinse il Premio della Giuria –, mai distribuito nelle sale in Italia – anche forse a causa della sua lunghezza, in questo caso un po' sovrabbondante: dura circa tre ore – e approdato pochi giorni fa su Netflix.

Si racconta di una ragazza americana che appunto fugge di casa, da una situazione familiare contrassegnata da degradazione e da abusi; e si unisce a un gruppo di ragazzi, una compagnia di venditori porta a porta, itineranti, viaggiatori, uno dei quali – che lei aveva a lungo osservato, invaghita, in un supermercato – le aveva offerto, seduta stante, un contratto.

Li segue certo perché spera in una storia d’amore con quel ragazzo più grande di lei, ma anche perché quel gruppo di giovani, allegri, sensuali e disinibiti, profila ai suoi occhi un sogno di libertà e di avventura.

Ora, beninteso, il film di Andrea Arnold non idealizza l’ambiente in cui la ragazza si viene così a trovare, ma nemmeno ribalta le sue speranze in pure delusioni. Certo non nasconde che il ragazzo che le era sembrato, oltreché gentile, disinvolto e spavaldo, è anche meschino: per esempio si lascia asservire dalla giovane donne che dirige quella compagnia di venditori. Per vendere ricorre anche lui a bugie e a inganni. E i clienti sono a volte gretti, scostanti, o approfittano della loro ricchezza per indurre le venditrici a prostituirsi a loro.

Ma nonostante queste e altre negatività che la ragazza incontra e scopre, malgrado le crisi di sconforto che a volte la sopraffanno, il senso di solitudine che prova pure in quella bella compagnia, resiste in lei, e attraverso di lei per tutto il lungo racconto, quella fiamma di sensualità che l’aveva indotta al viaggio.

È raro trovare un film in cui una ragazza e un ragazzo si cercano, si avvicinano, poi si allontanano, si amano furiosamente e furiosamente si respingono, con motivazioni istintive, erotiche, rese altrettanto forti, evidenti, palpabili, come in American honey.

E se una morale si può ricavare dal film – che non sembra costruito in funzione di una morale, tanto, anche nello stile, è ondivago, imprevedibile, apparentemente aperto a ogni eventualità, proprio come devono essere le avventure – quella morale potrebbe essere che la libertà è certo drammatica, ma sicuramente vale la pena perseguirla.

Va detto che se la ragazza è molto bene interpretata dall’esordiente Sasha Lane, il ragazzo è interpretato con uguale efficacia da un attore più noto, che è Shia Labeouf.

Da vedere (su Netflix).

 

Gianfranco Cercone

(Trascrizione della puntata di “Cinema e cinema”
trasmessa da Radio Radicale il 21 marzo 2020
»»
QUI la scheda audio)


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy