Domenica , 15 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > In tutta libertà
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gianfranco Cercone. “Il verdetto” di Richard Eyre
28 Ottobre 2018
 

L'altra settimana, parlando di un film turco molto bello, L'albero dei frutti selvatici, mi è capitato di definirlo un film-romanzo, perché, come avviene nei veri romanzi, racconta, attraverso e insieme le vicende del protagonista, un mondo: quello della provincia turca.

Il film di cui vi parlo oggi, bello anche questo – si intitola: Il verdetto, ed è diretto da Richard Eyre – anche se è tratto da un romanzo di Ian McEwan, autore anche della sceneggiatura, ha invece la dimensione di un racconto, concentrato com'è su un gruppo ristretto di personaggi e sugli esili avvenimenti di cui sono i protagonisti.

Ma anche se i fatti sono scarsi e la storia è poco più di un aneddoto, è analizzata con tale finezza e con tale profondità, che lascia trasparire significati complessi e ambigui. Protagonista della vicenda è una donna che di professione fa il giudice, e che si trova a dirimere un caso drammatico: un ragazzo, di pochi mesi al di sotto della maggiore età, gravemente malato, avrebbe necessità, per salvarsi, di subire una trasfusione di sangue. Ma i suoi genitori, che sono testimoni di Geova, ritengono la trasfusione peccaminosa, e non autorizzano l'intervento. Il figlio è un ardente seguace della religione dei genitori e, ascoltato direttamente dal giudice – che, allo scopo, un po' irritualmente, si reca all'ospedale in cui il ragazzo è ricoverato – si dichiara pronto anche a morire in conseguenza alla sua rinuncia.

E tuttavia la legge impone al giudice di disporre comunque la salvaguardia del minore.

Insomma: in conclusione del caso giudiziario, sembrerebbe prevalere la razionalità contro il fanatismo religioso.

Eppure, a dispetto di questa morale, il racconto introduce sottilmente alcune perplessità.

Se anche certi divieti religiosi possono apparire assurdi allo spettatore di nessuna o di altra fede, è lecito violare le convinzioni di un ragazzo che, anche se minore, dimostra intelligenza, maturità di giudizio, violando perfino l'integrità del suo corpo?

E poi: se l'idealismo del ragazzo può apparire ingenuo (ma non riguarda soltanto la preziosità insostituibile del suo sangue, o l'obbligo della fedeltà nel matrimonio, ma anche il rifiuto della tortura come strumento di indagine, o il culto della poesia e delle musica), ma se anche i suoi ideali sono ingenui, non sono comunque preferibili alla perdita di ogni ideale, alla rassegnazione all'esistente?

E la vita, considerata soltanto laicamente e razionalmente, non appare in fondo più povera? Di questo, sembrerebbe una riprova la vita privata del giudice, che cade in preda allo stress e alla depressione, perché suo marito dichiara apertamente di volerla tradire con una ragazza, visto che il loro matrimonio è ridotto a una consuetudine priva di passione.

Ma d'altra parte: il modo in cui il ragazzo, una volta guarito, dichiara il suo amore al giudice che comunque gli ha salvato la vita, e la insegue, la perseguita, non è un fanatismo che si è trasferito da Dio a una persona in carne ed ossa? E l'inflessibilità con cui la donna lo respinge non è un po' una replica della fredda violenza con cui la legge si è imposta sul suo corpo?

Sono, beninteso, domande, e non affermazioni; a cui ogni spettatore è lasciato libero di dare, se vuole, una risposta, perché il racconto non gli impone un giudizio conclusivo. È chiaro però che il film contiene, sia pure implicito, “tra le righe”, tutto un dibattito filosofico-morale.

Ma se esso ci coinvolge, è perché i personaggi risultano sempre veri, autentici, coerenti con il loro carattere in tutti gli sviluppi dell'azione. Grazie anche ai loro eccellenti interpreti: la magistrale Emma Thompson nel ruolo del giudice, ma anche Stanley Tucci nel ruolo del marito, e un giovane attore, straordinario, Fionn Whitehead, nel ruolo del ragazzo.

Da vedere.

 

Gianfranco Cercone

(Trascrizione della puntata di “Cinema e cinema”
trasmessa da Radio Radicale il 27 ottobre 2018
»» QUI la scheda audio)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy