Giovedì , 02 Dicembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > Cinema anni 70 & 80
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
L'ingenua (1975) 
La sexy commedia campagnola di Gianfranco Baldanello
21 Febbraio 2010
   

Gianfranco Baldanello (1928) è un regista che nessun critico metterà mai in un’enciclopedia del cinema, ma è un onesto artigiano che comincia come aiuto, firma alcune seconde unità di film mitologici, firma il suo primo film nel 1966 e spesso si fa chiamare Frank G. Carroll.

Nell’erotico gira l’ignobile Da Scaramouche: or se vuoi l’assoluzione baciar devi ‘sto… cordone (1973), una via di mezzo tra decamerotico e avventuroso cappa e spada. Baldanello è regista rozzo e dallo stile approssimativo, ma questo titolo è tutto un programma.

Nella commedia sexy è importante L’ingenua (1975), film che lancia un’insolita Ilona Staller pre hard, in un erotico-campagnolo che vede nel cast anche Giorgio Ardisson, Daniele Vargas e Orchidea De Santis.

Il film è ambientato in Veneto ed è recitato in un buffo dialetto abbastanza comprensibile. Il tono è da farsa eccessiva un po’ scollacciata, la tipica pochade grottesca che parte da Plauto per realizzare un quadro divertente dei vizi privati della provincia italiana. Gli attori sono bravissimi e compensano lo stile rozzo di un regista che gira l’erotico con la tecnica del porno. Giorgio Ardisson è un perfetto sciupafemmine di paese, pettine alla mano, sempre pronto a insidiare le donne che gli girano intorno, piuttosto sciocco e facilmente raggirabile. Daniele Vargas è un caratterista geniale della commedia all’italiana, impegnato nella consueta interpretazione da vecchio sporcaccione pieno di grana che cerca di fregare il prossimo. Vargas cerca di inguaiare Ardisson per evitare di finire in galera dopo aver architettato una truffa ai danni di una vecchia contessa. Ilona Staller è una buona presenza erotica, sensualità e le capacità di attrice non sono il massimo, ma caratterizza bene la ragazzina maliziosa che vorrebbe sembrare ingenua ma è la più furba di tutti. Orchidea De Santis è la vera protagonista, perché quando la macchina da presa filma il suo ingresso in scena l’attenzione si focalizza sulla sua sfolgorante bellezza. Non è la protagonista, ma come al solito lo diventa, per sensualità, bravura e capacità di calarsi nel ruolo di un’attrice di provincia a caccia di un riccone che la mantenga. Notevole la parte comico-erotica dove amoreggia con Ardisson all’interno di un’auto - citazione dei nostri amori fugaci anni Settanta - anche se la tecnica di regia non è il massimo. Ilona Staller è protagonista di molte scene di nudo, interpreta la finta ingenua, la maliziosa lolita tipica di questo genere, ruolo ben ricoperto da Gloria Guida in pellicola come Blue Jeans, La ragazzina e La liceale. Baldanello cita La nipote (1974) di Nello Rossati a più riprese, pare che abbia visto il film e che voglia rifare diverse sequenze di culto, ma corrette con una tecnica approssimativa. Vediamo la Staller improvvisarsi cameriera e interpretare la sequenza erotica al tavolino recitata da Orchidea De Santis nel film di Rossati. Vargas alza la gonna della Staller e le accarezza il posteriore dopo aver sfilato le mutandine. Baldanello inserisce i più comuni elementi della commedia sexy: voyeurismo, spogliarelli involontari, mani che si muovono sotto un tavolo, carezze proibite e comicità di grana grossa. Non mancano momenti da pura farsa di provincia: il ristorante “Alla Padella” con i clienti che picchiano la testa nel padellone e si riconoscono per il bernoccolo in fronte, un muratore che cade dalla scala al passaggio di un auto, bucce di banana che fanno cadere i protagonisti in un pagliaio. La storia è modesta, niente più che una serie di gag rozze e farsesche inserite in un contesto erotico-campagnolo. Tutto termina in bagarre, come da pochade che si rispetti in un finale dove tutti vanno a letto con tutti, ma non con il rispettivo compagno. Il finale vede Vargas arrestato dai carabinieri, mentre la Staller scappa con i soldi e salva Ardisson da un matrimonio riparatore con una ragazza bruttissima.

Gianfranco Baldanello lo ricordiamo nella commedia sexy anche per il modesto Quella provincia maliziosa (1975), un erotico provinciale interpretato dalla pessima Wilma Truccolo (Karin Well), uno sconosciuto Andrea Nova e - per fortuna - da Daniele Vargas che risolleva il tasso comico. Baldanello termina la sua avventura con il comico-erotico regalandoci una dottoressa apocrifa dall’eccessivo titolo Che dottoressa ragazzi! (1976), interpretata da Mariangela Giordano, Maria Pia Conti e Femi Benussi. L’ambientazione è ancora una volta provinciale, siamo in una Sicilia piena di repressioni sessuali e la dottoressa si cimenta nell’arte di svegliare e portare a letto i maschi locali.

 

Gordiano Lupi


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy