Giovedì , 02 Dicembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > Cinema anni 70 & 80
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Rino Di Silvestro: uno degli ultimi artigiani
20 Dicembre 2009
 

Il 3 ottobre 2009 è scomparso Rino Di Silvestro, uno dei nostri ultimi artigiani, un regista estremo, come non ne nascono più, un autore non eccelso ma geniale nel suo modo di fare cinema secondo la lezione di Jess Franco e di Joe D’Amato. Questo articolo - che andrà a far parte del mio volume di prossima pubblicazione Breve storia del cinema horror italiano - vuole essere un omaggio alla sua militanza nel nostro prolifico cinema di genere degli anni Settanta.

Rino Di Silvestro (1932 - 2009) è un autore di teatro che scrive sceneggiature e soggetti per il cinema, debutta alla regia nel 1973 con Diario segreto di un carcere femminile e prosegue girando poche pellicole di scarso valore, ma sempre caratterizzate da originalità e spirito trasgressivo. Citiamo soltanto Prostituzione (1974), Le deportate della sezione speciale SS (1976), Baby Love (1977), Bello di mamma (1979), Hanna D. La ragazza del Vondel Park (1984) e Cleopatra regina d’Egitto (1985). Marco Giusti scrive che Rino Di Silvestro fa cinema estremo, folle, maniacale ed è l’unico critico cinematografico a ricordare la sua scomparsa sulla rivista Nocturno del novembre 2009.

La lupa mannara (1976) è il suo unico horror firmato con lo pseudonimo di Alex Berger e interpretato da Annik Borel, Tino Carraro, Dagmar Lassander, Howard Ross (Renato Rossini), Frederick Stafford, Elio Zamuto, Andrea Scotti e Salvatore Billa.

Il clima è da thriller psicologico. Tutto ha origine da un trauma adolescenziale subito da Daniela (Borel) dopo essere stata violentata e dal ricordo della leggenda di un’antenata che nelle notti di plenilunio diventava una lupa mannara. L’antefatto mostra un rito sensuale con la Borel all’interno di un cerchio magico fatto con il fuoco che si trasforma in lupa mannara con il naso simile a quello di un cane. La trasformazione è molto trash, vediamo una donna dal pelo rossiccio con i denti aguzzi che sbava come un’indemoniata. Si tratta della contessa Daniela, antenata della ragazza, che al culmine di una scena splatter uccide un uomo e lo divora. I contadini inferociti la mettono al rogo come se fosse una strega. Si torna ai tempi moderni e sembra che l’antefatto sia stato soltanto un incubo di Daniela, ma non è così, perché la ragazza manifesta subito gravi problemi psichiatrici. La violenza carnale subita da bambina e l’attrazione - repulsione per l’altro sesso scatenano una licantropia nervosa che porta la ragazza a compiere atti efferati. La prima vittima è il fidanzato (Elio Zamuto) della sorella (Dagmar Lassander), concupito, azzannato alla giugulare e fatto precipitare in un burrone. Il film prosegue in un ospedale psichiatrico dove la ragazza miete altre vittime come una paziente lesbica e una dottoressa. La fuga di Daniela dalla clinica trasforma il film in una specie di poliziesco con un commissario (Frederick Stafford) che indaga sulle atroci morti e cerca di catturare la lupa mannara. La ragazza si crede la reincarnazione dell’antenata e dopo la fuga azzanna alla giugulare e divora chi incontra sul suo cammino. Tra una sequenza erotica e una splatter, Di Silvestro trova il modo di trasformare la pellicola in una sorta di Love Story (Arthur Hiller, 1971) per raccontare l’amore tra la ragazza e un singolare cascatore del cinema (Howard Ross). L’istinto bestiale da lupa mannara sembra vinto dall’amore, ma una nuova violenza carnale subita per opera di tre pregiudicati fa precipitare la situazione. La scena dello stupro sulle scale della propria abitazione è molto verosimile, il terrore della ragazza è palpabile e le sequenze sono filmate con crudo realismo. La vendetta della lupa mannara sarà terribile: in uno sfasciacarrozze schiaccerà due di loro con il gancio di una gru, mentre l’omicida del compagno morirà bruciato vivo. Il finale è tirato via e privo di suspense, perché il commissario ha un’intuizione geniale e arriva alla cattura della lupa che si era nascosta nel bosco. Tutto molto prevedibile.

La pellicola presenta motivi di interesse, anche se è inutile nascondere che si tratta di un lavoro modesto e ai limiti del trash. Di Silvestro gira una serie di assurdi primissimi piani alla Jess Franco, inserisce lunghi dialoghi retorici e una serie di spiegazioni medico-scientifiche non richieste che sembrano trattare lo spettatore come un bambino scemo. La recitazione è pessima, ma soprattutto la protagonista è improponibile, né sexy e né spaventosa come lupa mannara, realizza un mix di comicità involontaria sia quando fa l’amore che quando azzanna le vittime. Dagmar Lassander si mostra a suo agio in diverse scene di nudo che Di Silvestro filma in maniera ginecologica, da regista hard. Molte sequenze ricordano il cinema di Joe D’Amato, tra voyeurismo, masturbazioni femminili ed erotismo spinto. Lo splatter non manca e va a braccetto con un erotismo estremo, ai limiti del porno, tanto che è evidente l’indecisione del regista su quale strada prendere. In alcune sequenze la lupa mannara sembra un’indemoniata e apprezziamo citazioni de L’esorcista, ma subito dopo il regista riconduce il lavoro verso canoni a lui più familiari e inserisce l’eccidio a forbiciate di una degente al termine di una sequenza lesbica. Molte scene di fellatio risultano sfumate al momento giusto, ma lasciano il dubbio che dello stesso film esista una versione porno, perché lo stile è molto esplicito. La lupa mannara è un film estremo, girato con pochi soldi, interpretato in maniera approssimativa e infarcito di molte citazioni cinematografiche. Howard Ross è un personaggio prelevato dal mondo del cinema, perché è un cascatore che vive in un singolare villaggio concepito come un finto Far West. La scena dello stupro all’interno della casa ricorda e identiche sequenze di Cane di paglia (1971) di Sam Peckinpah, ma indugia molto di più sugli aspetti pornografici. Un film modesto, anche se Di Silvestro si vanta di aver raccontato scientificamente la licantropia. «La protagonista del film doveva essere una donna realmente in grado di calarsi in una licantropa… Annick Borel, non truccata, era incredibilmente simile a un lupo. La trovai in Svizzera, era un’aspirante attrice amica di un produttore. Le feci un provino e scrissi la sceneggiatura apposta su di lei…», confida il regista a Nocturno. Interessanti molti dettagli splatter alla Lewis e il divertente trucco da lupo della protagonista, ai limiti del trash. Annik Borel è sparita nel nulla dopo un film che possiede momenti di comicità involontaria, soprattutto quando mostra la ragazza con naso da cane, peli rossi sul corpo e calzamaglia marrone. Nanni Moretti cita con disprezzo La lupa mannara in una sequenza di Io sono un autarchico (1976), come esempio di film orribile che sceglie di andare a vedere. Delirium adora la pellicola: «Joe D’Amato o Jess Franco non avrebbero saputo fare di meglio». Il mondo è bello perché è vario.


Gordiano Lupi



Per approfondimenti su Rino Di Silvestro:

www.nocturno.it/intervista/maestro-di-silvestro


Foto allegate

Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy