Lunedì , 27 Giugno 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Martina Simonini. Chissà? Dalla fretta, come dal ritardo, forse ci salva la poesia
15 Aprile 2012
 

Nell’articolo del mese scorso ho parlato, tra l’altro, di treni ad alta velocità che sembrano utili come un transatlantico sulla cima di una montagna e di come qualcuno si stupisca che l’idea non piaccia.

 

Il 26 marzo è stata la giornata mondiale della lentezza. Dalla rete scopro che lo scopo sarebbe quello di contrastare i ritmi sempre più frenetici e riflettere sulla nocività di uno stile di vita sempre più improntato alla velocità.

A questa frenesia, che tanto sarebbe piaciuta ai futuristi, fa da contraltare la lentezza esasperante di molti aspetti della vita quotidiana: la corrispondenza recapitata quando non ha più senso riceverla, i treni dei pendolari che viaggiano con i ritardi da diligenze dei film western, processi celebrati quando gli imputati sono passati a miglior vita, esami ospedalieri fissati dopo l’aggravarsi dei sintomi che li avevano motivati, infrastrutture realizzate quando ormai si rilevano inadeguate rispetto alle esigenze…”

È legittimo pensare che a volte si tratterebbe solo di applicare un po’ di buon senso e le cose andrebbero meglio. Ma il buon senso è ormai merce rara e occorrerebbe una riforma che lo favorisca… una lotta al menefreghismo e pressappochismo, una riforma contro la stupidità…

Per quanto si corra tutti, c’è gente che è sempre in ritardo ed anzi è ormai radicato il malvezzo che se si ha un appuntamento per una riunione poniamo alle 8, è legittimo e tollerato un ritardo di 15 minuti… lo chiamano quarto d’ora accademico… Detesto quelli che arrivano puntualmente in ritardo… A quando la giornata della Puntualità?

 

Alla accelerazione dei trasporti sui tragitti lunghi e della comunicazione in rete, non corrisponde una velocità reale del Paese. Ma anche le gestione del tempo mi sembra diventata complicata. Abbiamo più tempo libero di quanto non ne avessero le generazioni precedenti ma usciamo meno di casa e passiamo parte del nostro tempo in quegli strani spazi virtuali che sono i social network.

Ci piacciono le letture brevi: le vendite dei libri di più di 300 pagine sono negli anni sensibilmente calate… eppure ho scoperto recentemente che le poesie moderne si sono allungate, sono diventate perlopiù poemi e sono perlopiù gridi di dolore, di denuncia, di sensibilità civile ed ambientale… forse sarà un poeta che ci salverà!

 

Martina Simonini

(da 'l Gazetin, aprile 2012)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy