Giovedì , 18 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Dialogo Tf
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Olocausto e Covid-19. Quale relazione? 
di Giuseppina Rando
21 Gennaio 2022
 

...Nessuna relazione, soltanto un pericoloso paragone!

Nessuna relazione per uomini e donne dalle menti libere e razionali, consapevoli ed esperti di documenti storici riguardanti la persecuzione degli Ebrei, secondo le teorie di Hitler, un popolo di razza malefica da eliminare.

Nessuna relazione se l’antisemitismo oggi fosse del tutto scomparso.

Ma non è scomparso: è presente ancora (purtroppo!) una forma di avversione nei confronti dell’ebraismo tanto in Europa quanto negli Stati Uniti come si evince dagli episodi di quotidiana intolleranza o violenza riportati dalle cronache.

Tra qualche giorno, il 27 gennaio come stabilito nel 2005 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, avverrà la commemorazione delle vittime dell’Olocausto, momento “eccezionale” della Storia che ha visto quindici milioni di morti in pochi anni, tra cui 5-6 milioni di ebrei, di entrambi i sessi e di tutte le età.

Era infatti il 27 gennaio del 1945 quando le truppe dell’Armata Rossa entrarono nel campo di sterminio di Auschwitz e ne scoprirono la “vergogna”.

Per l’Europa liberata, ma ridotta in macerie, si rese subito necessario un programma di trasformazioni e innovazioni di carattere politico, sociale, economico e culturale, in gran parte realizzato.

Stupisce ed indigna ancor più oggi, in corso di Pandemia da Covid-19, apprendere che le restrizioni adottate contro il Coronavirus vengano paragonate all’Olocausto.

Una trovata demenziale dei No-vax di tutto il mondo.

Anche in Italia, in Trentino, in Piemonte, praticamente in tutte le piazze no-vax si sono esibiti “soggetti” vestiti come gli internati del lager o con le stelle di David appuntate sugli abiti in un insensato paragone tra chi ha paura di farsi vaccinare e protesta contro le regole anti-Covid e chi è stato torturato, massacrato, sterminato durante l'Olocausto.

Qualcosa di talmente stupido da sembrare assurdo; ma, laddove l'intelligenza non arriva, a un certo punto servono le leggi e allora ecco che in Germania chi paragonerà le restrizioni anti-Covid alla Shoah rischierà una condanna per aver minimizzato lo sterminio degli ebrei.

Inaccettabili inoltre altri insultanti messaggi negazionisti che creano un pericoloso, quanto improprio, parallelo tra le norme che cercano di salvare più vite possibili alla mostruosa barbarie nazista.

La gente veniva uccisa nelle camere a gas, oggi le persone vengono gasate attraverso le mascherine!” si leggeva qualche mese addietro su un cartellone no-vax.

Si potrebbe definire il Trionfo dell’ignoranza se oggi si diffondono insulse teorie secondo le quali “…gli ebrei sono responsabili della pandemia e che, con il vaccino, cercano di dominare il mondo”…

A nulla, dunque, sarebbero valse le testimonianze dei sopravvissuti alla Shoah come quelle di Liliana Segre, Primo Levi, Edith Bruck e le storie di tanti altri scampati allo sterminio i cui volti sono divenuti familiari a milioni di italiani, grazie al documentario/film di Walter Veltroni, Tutto davanti a questi occhi, prodotto da Sky e Palomar e trasmesso sui principali canali TV nella giornata della Memoria del 2018. Indimenticabile il racconto di Sami Modiano (foto), deportato da Rodi a 13 anni con il padre e la sorella, che morirono nel lager, e infine redivivo dal campo di Birkenau.

A che vale ricordare se l’odio e la cieca violenza continuano a mietere vittime?

Non esiste e – forse – mai esisterà un vaccino contro l’ignoranza, la grettezza e la miseria morale.

La storia insegna che la storia non insegna nulla” scriveva Alessandro Manzoni e… L'esperienza insegna che gli uomini dall’esperienza non hanno mai imparato nulla…” ripeteva George Bernard Shaw.

Le prepotenze, la brutalità e le guerre continuano ad assalirci in forme sempre diverse, ora subdole ora manifeste.

La vita dell’uomo appare sempre più segnata radicalmente dal male e non solo quello esistenziale legato alla fragilità e al limite dell’essenza stessa dell’uomo.

Il problema del male, che filosofi e teologi di ogni epoca, hanno dibattuto e argomentato, appare sempre molto più ampio e complesso, ha origini oscure e non credo possa mai risolversi, in quanto legato al soggetto uomo e al suo essere unico, alla sua libertà di scegliere tra il Bene e il Male.

 

Giuseppina Rando


Articoli correlati

  Roberto Malini. Come vivere il Giorno della Memoria a Bologna
  Shoah. Una via o una piazza dedicata a Sylvia Sabbadini
  Giorno della Memoria a Spello
  Yitzhah Katzenelson. Ho fatto un sogno (Vittel, 1943)
  Sergio Caivano. Auschwitz-Birkenau
  È Valtellina. Una mostra per la Giornata della Memoria
  Bernardo Leporini. Per non dimenticare mai
  Liliana Segre nominata cavaliere nella Legion d’Onore
  Mellana. Cambio idea e mutande quanto mi pare
  Le opere cinematografiche su Milano in guerra: i documentari
  Pasquale De Fazio. Giorno della Memoria in una scuola media di Vercelli
  La Shoah a Milano. E a scuola.
  Milano. Poesia e impegno per ricordare l'Olocausto e dire basta all'odio
  Roberto Malini. Liliana Segre ispira ancora il migliore attivismo umanitario
  Il giorno della Memoria, delle Memorie
  Guido Bedarida. Per il Giorno della Memoria
  L’ultima stazione. Per non dimenticare al Teatro Laboratorio
  Erveda Sansi. Ricordare per conoscere
  Convegno Internazionale su Primo Levi a Ferrara
  Peppe Sini. Dalla parte di tutte le vittime, contro tutte le uccisioni
  Giuseppina Rando. A che vale ricordare?
  Poesia d’autore/ Primo Levi. Il tramonto di Fossoli
  Gigi Fioravanti. Giorno della memoria. Domande
  Torino. La fantascienza di Primo Levi
  21 marzo, Giornata Mondiale della Poesia: nasce a Torino il Memoriale dei poeti della Shoah
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.6%
NO
 35.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy