Mercoledì , 18 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni [08-20]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ Patrizia Garofalo. La metà del letto di Matteo Bianchi
24 Giugno 2015
   

Tu non ricordi la casa di questa

mia sera. Ed io non so chi va e chi resta.

Eugenio Montale

 

 

Fin dall’incipit, negli squarci sognanti abbacinati di neve, montagne e speranze, Matteo Bianchi affascina per il sentimento metafisico della realtà. Essa che prepotente si veste spesso di crudezza e delusione, è stemperata dalla scrittura, spazio vitale al poeta per una dimensione terza delle cose, catartica e salvifica nel recupero della memoria soprattutto del dolore “solidale” alle cose e agli uomini e alle “rose”, ingranaggio necessario alla giostra infinita del mondo dove anche il sogno è per Matteo Bianchi complicità con il quotidiano, la primavera in stanza come egli stesso scrive. E se non tutto è spendibile in versi, il tempo della poesia «ieri ho letto poesia/ fino a tarda notte» è però tempo di passione, riferimento continuo di avvicinamento ad una atemporalità terrena, una centralità del cosmo che rimanda al punto di “sprofondato equilibrio” dell’Aleph borgesiano connotato nel poeta con un incisivo theòs in corsivo. Non per questo Matteo Bianchi tende ad una verticalità ma piuttosto direi che, da un sentimento di possibile ascesi calamiti maggiormente il suo vissuto ad una sacrale terrestrità. “Vi porterei tutte con me” titola una sezione della silloge che abbraccia l’altro, l’oltre, l’ordine del caos «l’estrema coerenza del caos/ sia fuori, sia dentro di me», la bellezza e la condivisione «la poesia mi tiene in sé/ e resto intero».

Intero e capace di elaborare dolorose assenze in versi che respirano e ripercorrono con struggenza la vita di chi c’insegnava che «si potano i rosai/ per impedire che, marcendo,/ i rami secchi mandino in cancrena/ l’interno indifeso e le rose/ non sboccino più». Ogni anno sbocciano forse troppe rose per quel giorno d’allora, per quel tempo di malattia, per quegli occhi che cambiavano colore e... «sono rimasto per le tue parole/ per spargerle nel grande fiume/ …per chi mi aveva dato/ un amore terreno/ avevo un pianto disarmato/ in cambio, che l’avrebbe seguito». Rimandare al cuore risuona d’emozione, è sovrapposizione di immagini, di ricordo e salva l’interno indifeso delle rose proprio nella congiunzione fra morte e vita, tra buio e luce. Il verso libero potenzia l’emozione, l’andamento libero delle parole, il bagliore di luci; arriva l’odore dei fiori gigli genuini colti dal vaso, il rumore dei treni, arrivi, partenze, occasioni sono improvvisi sipari che si aprono sulla tela della vita.

 

Il ragno magari ignora

l’inquieta bellezza che ha creato

 

sul filo è necessaria la postura

 

ma tu non dimenarti

ascolta il tuo respiro

dosalo

non soffiare sulla tua sofferenza

abbine cura

 

la tela una volta tessuta e tesa

già non è più tua.

 

Finiscono qui le passioni, il nostro io diviso, il languore viscontiano di Venezia, l’incapacità di dire “per sempre” e si ricompongono ne “la metà del letto” dove a sera, «risorgevo quotidiano /onorando il mio dolore/ e portando il vostro con me».

La silloge è dedicata ai suoi genitori e da quando ho iniziato a scrivere queste poche righe sul poeta Matteo Bianchi mi torna l’eco di un meraviglioso brano di De Andrè: “come farò a dire a mia madre che ho paura?” Ed infine noto che l’ultima poesia è seguita da dodici pagine bianche. Forse un invito per noi lettori a rispondergli?

 

Patrizia Garofalo

 

 

Matteo Bianchi, La metà del letto

Barbera Editore, Siena 2015, pp. 128, € 15,50


Articoli correlati

  La nuova poesia italiana: “Fischi di merlo” a Venezia
  Vetrina/ Matteo Bianchi con Elisabetta Andreoli
  Premi e concorsi/ A Macerata e Caldarola le giornate conclusive del Premio Rabelais 2011
  Premi e concorsi/ Poiein. Oggi a Piateda Cerimonia per il X “Premio Turoldo”
  Vetrina/ Matteo Bianchi. Era quello degli dei il mio caffè...
  Vetrina/ Matteo Bianchi. Nella nube di neve...
  “L’amore è qualcos’altro”. Pazzi e Pontiggia presentano l’ultimo libro di Bianchi e Casalicchio
  Spot/ Ferrara: Daniele Serafini per “I Poeti dei poeti”
  Editori/ I “Giovin/astri” delle Edizioni Kolibris tornano a volare
  In libreria/ Patrizia Garofalo. Si colora di suono la fine del giorno
  Vetrina/ Matteo Bianchi. La sigaretta si consuma...
  In libreria/ Matteo Bianchi. La metà del letto
  In libreria/ I poeti del Duca a cura di Matteo Bianchi
  In libreria/ Alessio Casalicchio, Matteo Bianchi. L’Amore è qualcos’altro
  Nebbia dentro il poeta: Matteo Pazzi e il suo “Compendio del cacciatore disarmato”
  Spot/ “Vaghe stelle dell’Orsa”
  Vetrina/ Matteo Bianchi. Poesie alla stazione
  Forum/ M’impegno in versi: “è ancora possibile una poesia utile alla collettività?”
  In libreria/ Matteo Bianchi presenta in anteprima “Le piume del tempo” di Rita Montanari
  Vetrina/ “Sublimazione” di Matteo Bianchi
  In libreria/ Matteo Bianchi. Una recensione commossa
  Le Voci della Luna a Bologna in lettere ’13: “Voci Salve”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy