Giovedì , 23 Settembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni [08-20]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Editoria per strada/ Barbarah Guglielmana. «E infine uscirò di casa...»
05 Dicembre 2009
 

Appena alzata mi sono messa a tagliare le stelle come voi tutte è il suggestivo titolo dell’opera prima della poetessa chiavennasca-pavese Barbarah Guglielmana. Un nome noto ai lettori del Gazetin per i suoi versi già apparsi sulle pagine del nostro mensile.

Il libro raccoglie i testi scritti dall’autrice in più di dieci anni di lavoro poetico (dal 1995 al 2009). Avere tra le mani un libro di poesie è sempre una cosa grande, immagino quindi per l’autrice la gioia della pubblicazione, la soddisfazione di trovare “una terra di carta e una casa di pagine” al proprio lavoro. Questi testi colpiscono per la loro intensità emotiva e perché intrisi di molta “femminilità”. Sì, al di là del fatto che l’autrice sia una donna, questo libro sembra voler parlare fortemente del mondo visto al femminile. Qui si trovano storie, ritratti, riferimenti autobiografici, spezzoni di immagini, ricordi… Barbarah ci colpisce con la sua voce a tratti leggera e a tratti forte, quasi cruenta. Il linguaggio poetico utilizza registri sia lirici che prosastici con una forte semplicità di parola.

Nella sua dedica l’autrice cita questi versi di Carlo Levi: «La farfalla di primavera/ vola oltre i cancelli/ brillando con sguardi di danza». Momenti di ariosità quindi alternati a testi emotivamente coinvolgenti come nella poesia “Volo qui” dove il volo non riesce alla nostra autrice «allo stremo delle forze/ scelgo d’aggrapparmi/ al palo della bandiera», questo volo a volte leggero e ispirante, ma che bruscamente scende sulla nuda terra per raccontarla. Barbarah sembra voler essere narratrice, di sé e degli altri, delle altre donne che la circondano, che segnano e riempiono la sua vita. Nel primo testo “Ragazza romantica” ci si lascia guidare proprio in un susseguirsi di ritratti femminili e sembra l’apertura giusta per questo libro. La femminilità è infatti un tratto esplorato in tutte le sue sfaccettature: angoscia, tristezza, leggerezza, semplicità, paura, abbandono. Non per niente il titolo di questo “libercolo”, come lo chiama l’autrice, è proprio una frase di un’amica che ci conduce al tema delle donne maltrattate, a cui è dedicato il libro, e a cui andranno i suoi proventi (il ricavato dell’opera andrà infatti all’associazione di volontariato Donne contro la violenza di Pavia, ora Cooperativa LiberaMente).

Le donne del libro sono “piccole” come nella poesia “La natura morta” dove leggiamo questa bella chiusura: «una casa di caldarroste abita una piccola donna,/ indaffarata/ al cambio d’acqua di un vaso bianco,/ senza fiore». Le protagoniste sono anche intrise di emotività come possiamo leggere ne “La pioggia degli alberi”: «Sotto un albero ho confuso le mie lacrime per te/ con i giochi bagnati degli uccelli,/ Nascosta dal loro divertito cinguettio». Sono anche chiuse nella propria angoscia e nella propria tristezza come nei testi “Inoltre volevo dirti”, “La camicia sotto la pelle”, “Sto male” in cui leggiamo «per quella triste/ solitudine/ che circola nell’aria/ continuo/ a respirarla».

Nel suo insieme, nelle sue quarantuno poesie, il libro ha una forte tenuta e ci riporta all’opera di poetesse quali Vivian Lamarque e Patrizia Valduga. Molti testi sono invece ispirati ai temi della natura, che è un altro dei luoghi della femminilità esplorati dall’autrice. Faccio riferimento a testi quali: “Il gioco delle nuvole” o “La foglia invecchiata della rosa” in cui leggiamo questa suggestiva chiusura: «S’apre una nuvola ad un raggio di sole./ E la lacrima si fa diamante». È proprio questa leggerezza della natura che irrompe in queste poesie, a scorrere “Un cielo per la palude”, “L’acqua novembrina”, “Piccola estate”, “D’estate la sera”, quest’ultima che vorrei riportarvi in toto per la sua bellezza: «Scivolano sul dondolo della veranda/ Piogge di temporali, sciame di umani insetti/ Ad arco un arcobaleno, bianco di nuvole./ Sotto la terra ho pianto». C’è anche la dimensione della “corporeità”, la ritroviamo nella poesia “Le cosce”: «Le cosce non perdono il sapore di certi momenti,/ anche sotto la pioggia asciutta», così come nelle poesie “Millequattrocento”, “L’arido asfalto”, “Destinata”.

I ritratti delle donne di questo libro sembrano comporre un album che l’autrice ha raccolto, ordinato e conservato negli anni per donarcelo in questo importante parto poetico. Nello scorrere dei versi si ritrovano momenti di poesia intensa. «E insieme parole mute e fiori senza petali,/ e intanto crescevamo e perdevo il sogno» oppure «Fredda, in un cielo di stelle di fine estate,/ La luna, quasi nascosta dietro le piante nere,/ va scoprendo la piccola ombra dell’uomo,/ Cancellandola». In alcuni punti il verso sembra voler chiamare ad una maggiore profondità, aspetto che rappresenta una sfida per il lavoro di tutti gli attenti ed impegnati nell’evolversi della propria poetica. Barbarah ci lascia con l’ultima poesia “E uscirò ancora”, poesia liberatoria e incalzante che sembra spingerci ad uscire, senza paura, con la fronte aperta e la mano sul cuore… «E infine uscirò di casa/ per vedere che uscire è rientrare in altro/ di se stessi»… Alla nostra autrice i miei migliori auguri di buona nuova partenza.

Colgo l’occasione per segnalare anche il sito dell’autrice www.barbarah.info molto bello e ben curato in cui si possono leggere numerosi testi inediti.


Massimo Bevilacqua

 

 

AVVISO IMPORTANTE AI LETTORI DEL GAZETIN/TELLUSFOLIO

Regalo di Natale


Informiamo tutti i lettori che, per volontà dell'autrice, unitamente all'edizione di dicembre de 'l Gazetin, gli abbonati riceveranno in dono una copia del libricino di Barbarah Guglielmana, Appena alzata mi sono messa a tagliare le stelle come voi tutte.

Unica condizione: essere in regola con l'abbonamento entro l'8 dicembre 2009. Perciò, se non volete perdere questa splendida opportunità, controllate subito la scadenza del vostro abbonamento sull'etichetta di spedizione! E, chi legge questo numero per altre casualità, s'affretti alla sottoscrizione! (tariffe e modalità di versamento all'Home Page del sito web del periodico)

Oltre a ricevere questo bel regalo di Natale, avrete così tutti l'occasione di stare con noi per un anno intero.



(dalla Bottega letteraria” n. 43'l Gazetin, novembre 2009
abbonamento cumulativo
'l Gazetin+TELLUS23,00 > labos@retesi.it)


Articoli correlati

  In libreria/ La giusta collera
  Barbarah Guglielmana. Il piccolo longobardo
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Stavo cercando un ventre dove rientrare...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Non sono nella vostra terra in fiamme...
  Spot/ Poeti in Valle: Alberto Figliolia e Barbarah Guglielmana si leggono
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Laghetto delle Ondine
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. E uscirò ancora...
  Barbarah Guglielmana: “Servono tutti i sensi per fare poesia”
  Natural tribute
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Spropositato essere...
  Marina Riva, Barbarah Guglielmana, Giuseppe Ravelli, Margherita Gadenz, Paola Sarcià...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. I cachi rimasti brillavano anche ieri...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Quando sono le piante a piovere...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Ci vorrebbero le suore...
  In libreria/ Barbarah Guglielmana con Anna Venturini. “Andavo per nuvole e onde”
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Mi sono strappata l’anima...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Mancherebbe qualcosa pà
  Mario Barrai. Mi nascondo dietro il mio fiore
  Davanti alla tenda, all'Ospitale di Prosto
  Alberto Figliolia. Su Barbarah Guglielmana
  Vetrina di Natale/ Paola Mara De Maestri, Barbarah Guglielmana e Giorgio Spreafico
  Ho il fine settimana libero
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Il sole ha spostato la polvere...
  Iniziative/ Tran-sito in viaggio per i continenti
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. La rosa decapitata...
  “Ometti oliviani” di Barbarah Guglielmana
  Barbarah Guglielmana. Album d’amore
  Pavia Formaprima. Non poteva che disegnare la fantasia
  Alberto Figliolia. In Aforismana con Barbarah Guglielmana
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Buon Primo Maggio ai non lavoratori
  Giuseppina Rando. Una nota su la plaquette di B. Guglielmana
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Aspettavo il tuo freddo...
  Spot/ Reading di Barbarah Guglielmana
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Eri tornato dalla tua guerra...
  In libreria/ Patrizia Garofalo: Barbarah Guglielmana, Davanti alla tenda
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. La Libia e L’Egitto hanno la febbre
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Il naso si pronuncia...
  Spot/ Serata di poesia con Barbarah Guglielmana e Giovanni De Simone
  Spot/ Donne in poesia Variazioni pavesi
  Giuseppe Marco d'Agostino legge “Rondini come formiche” di Barbarah Guglielmana
  Natale Tf2014/ Barbarah Guglielmana. Sono entrata nel presepio
  Lo spettacolo deve continuare
  Barbarah Guglielmana al Premio di Poesia “Frate Ilaro”
  In libreria/ Marcella Barbieri. Luce del faro
  Barbarah Guglielmana. Fiorire libertà
  Iniziative/ Poesia e Musica in piazza a Chiavenna
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Cosa mi vuoi dire mare?
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Le mie ossa si sono allungate nello sforzo...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Capisco
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Vienimi vicino
  Barbarah Guglielmana. Siamo uomini o cartoons?
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Erano candele caramellate...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Sono andata a trovare i ricordi...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Sono sottili ciglia quelle delle dita...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Le unghie basse...
  Iniziative Associazioni/ Ogni giorno come se fosse il primo
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Lasciami stare...
  In libreria/ Giuseppina Rando. Essere Donna
  “Ho sognato che camminavo in riva al mare”
  Vetrina/ Barbarbarah Guglielmana. Mi ero nascosta in quella piuma...
  Barbarah Guglielmana
  Barbarah Guglielmana. Il taglio della sanità: Non ci sono più lenzuola
  In libreria/ Barbarah Guglielmana, “Rondini come formiche”
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Qualche volta ho pregato il Cielo...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. La mia via lattea l’ho messa nell’asciugapiatti...
  Barbarah Guglielmana. Bisou
  Morbegno, Albo: Davanti alla tenda
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Adoro il potere delle parole...
  Iniziative/ Da Pavia, una lettera. Con dedica
  Alice Ravera. Come una cozza la poesia della Guglielmana
  Barbarah Guglielmana. Il mondo, dentro
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Un cielo bianco e fermo con un tango strusciato...
  Iniziative/ Aforismana. Un pensiero quasi lineare di Barbarah Gugliemana
  Vetrina/ 8 marzo: Barbarah Guglielmana. Ridammela
  Barbarah Guglielmana partecipa a “Paratissima”, Torino 2014
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana con Ferdinando Franguelli
  In libreria/ Barbarah Guglielmana, Anna Venturini. Andavo per nuvole e onde
  Barbarah Guglielmana. Materia
  Oltre le indicazioni
  Eventi/ Presentazione del libro “Davanti alla tenda”, raccolta poetica di Barbarah Guglielmana
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. L'anima incarcerata
  In libreria/ Barbarah Guglielmana. Appena alzata mi sono messa a tagliare le stelle come voi tutte
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Un cappotto sotto pelle non scalda...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Grillo...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Aghi di pino che prendevo come rosmarino...
  Iniziative/ Poeti e pittori valtellinesi protagonisti a “Malta capitale europea della cultura 2018”
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Ammiccano danze sensuali...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Era un legno a fucile disteso a terra...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Quando tornammo ad indossare le collane...
  In libreria/ Maurizio Splendore. Su Tredici Cadenze
  Ilaria Francesca Martino. C'è chi scende e c'è chi sale
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Quanto è grande questo cielo...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Lo fotograferò per te, con i miei occhi, tutto questo...
  Interpunzioni/ Barbarah Guglielmana e il suo prezioso “Senza forme”
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Ho dormito fino a tardi...
  Speciale/ Bottega letteraria & Tellusfolio. 4
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. A Daphne e A Matthew
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Era quasi l’autunno dei castani
  Barbarah Guglielmana. Primo racconto
  Rosaria Avagliano. “Il gusto per la vita”. Illustrazioni grafiche di Barbarah Guglielmana
  Vetrina/ Dammi del tuo amore... Barbarah Guglielmana con Patrizia Garofalo
  Spot/ A Stradella, “Davanti alla Tenda” di Barbarah Guglielmana
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Sotto l'ortensia bianca
  Progetto “Aforismana. Un pensiero quasi lineare di Barbarah Gugliemana”
  Spot/ Barbarah Guglielmana nella raccolta di poesie "Davanti alla tenda" (LietoColle 2014)
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Acqua del cielo
  Spot/ AperiPoesia Pavia: sabato 23, con Montagna e Guglielmana
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy