Venerdì , 01 Luglio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Marina Pizzi: Miserere asfalto (afasie dell’attitudine). Terza parte
Rouault: Cirque de l
Rouault: Cirque de l'étoile filante, 1934 
10 Dicembre 2008
 

201.

è un perpetuo ordigno d’acqua marcia, un acrobata da guardare con lo sforzo della resistenza.

202.

le persiane hanno il colpo della rondine. le misure di un guizzo.

203.

dal pomeriggio alla notte il passo è brevissimo, di pozza in pozza con un canovaccio di sterpi. 

204.

in un cantuccio di elemosine ho visto il senso, la premura cortese sul far del vero. nessuna tristezza, anzi, una raucedine di sorriso.

205.

accanto al più mansueto dei cipressi e nessuna noia

206.

truffa geniale sedersi in poltrona con il petto in pace

207.

quale un muso in punta di pesticida, sto attenta a non somigliarmi troppo

208.

in un mucchio di vapori ho chiuso l'indice: tutto s'intuisce senza leggere il contenuto, questo vuol dire che è tutto riuscito

209.

queste, mi dite, le ultime sembianze di un cuore curvo.

210.

in un mazzo di crisantemi ho visto nascite di api, mieli sfacciati, timbri intonsi, palloncini al polso

211.

le torri innamorate di rondini e pipistrelli

212.

il dolore è l'equivalente di una lente d'ingrandimento: il corpo è tutto nell'arrossamento degli occhi, nel fiato in gola del petto a tamburo, nell'insonnia e nella drammaturgia del canto a bocca chiusa.

213.

c'è stato un giorno in cui la divisione fu la saetta del male, il controllo assoluto da parte della fine che oggi mi tocca sopportare e portare a compimento.

214.

si parla di due cose diverse e si crede d'intendersi, una logica dell'ingenuità questo scarto che dà inganno o solo creduta voglia di comunicare verso un intendersi che in un cristallo è il vuoto e la luce un lampo di fosfeni.

215.

e poi è qui che ci si stordisce per poter sopportare la curva del lacrimare, la sciatta scempiaggine del vero.

216.

da ragazzina si giocava ai banditi e facilmente si fingeva di morire, da adulta sono stata bandita e duramente l'opacità del vero

217.

il disadorno è davvero l'affascinante, mai sciatto davvero parlante, dicente quasi benedicente in un angolo, in una crosta di formaggio che non avrà morte né noia mai

218.

molti palazzi sono tumefatti, partigiani resistono alle intemperie.

219.

in una sciatteria di condanna i libri del disavanzo. a testa bassa, in ascensore, guardo le scarpe. nulla s’impara nulla si può insegnare. con le marette infelici nella vasca da bagno ho chiuso la giornata.

220.

dalla finestra la furia del mare invernale, penzoloni le lanterne del lungomare le stracche luci con alone e gocce hanno l’affanno della perplessità dell'ultimo pescatore, il torto del fulcro di notte quando un pendolo stordisce nell’eco del vuoto

221.

nel semolino della sera mio padre cesurava la furia della morte. i peli bianchi della barba tremolavano sotto il peso del boccone liquido. per un po’ la tregua guarniva il ruzzolone nella notte.

222.

la riva sul crepuscolo del logico

foto del senso, foto del segno

223.

i non-luoghi non portano amore ma sorprese di sopportazione. si guardano le merci come cosette d'anima.

224.

in un boccale di birra l'arenile del bello, il cosmetico miracoloso al pari delle docce collettive o del silenzio.

225.

il rimorso asperrimo di una natalità sgarbata, sbadata in un angolo di terz'ordine, in sordina dietro l'angolo di un circo.

226.

con la norma del cortocircuito sto nell'infernetto odierno della milizia dello stento

227.

ho riammesso il bendaggio sulle ortiche, non voglio più toccare terreno né nominare.

228.

le curve acidule del tempo, questo gomitolo di gomiti dove l'occhio nero del boxer è la bellezza, la normalità accerchiate del letto sfatto o fatto.

229.

con uno scambio di occhiate tutta la capienza del mondo si fa esaurita.

230.

chiamami col calcio del fucile, rendimi impossibile

231.

il rumore della moto è la prepotenza di un esistere senza udito

232.

la contaminazione della smorfia di dolore in tutta l'aria attorno e dopo e prima e per sempre. nulla sarà bazzecola, una maculetta sul lapidario del finito l'immenso dolore immenso

233.

su quale arcano finirà la voce passata per le armi?

234.

un sillabario di rovine questo stordire di vino in palio al nulla di capirci niente

235.

le donne stanno dritte e monocordi verso il sistema che le dà per vinte

235.

al call center, in fila in fila, teste che compiangono la nascita

236.

era un portento da figurare in gioco

237.

con un chiavistello d'inedia ho tratto il tratto

238.

quale intuito apporrà manopole al dislivello del giorno?

239.

in uno scenario di vento ho appeso l'abaco

contratto sotto il peso dell'aria forte

240.

con un commiato latente si sprigiona il sole

241.

con le nocche perdenti non osa bussare presso la porta dell'ultima casa

242.

la lancinante apatia chiude la salute in un post-it che si scolla e che ricordava di comprare il detersivo per gli indumenti di lana. il telecomando ha la polvere così come la tastiera del pc. la tana non basta più ad arginare la pena, la noia morde, le lamentele tolgono lo sterno dal petto in un buco di voragine.

243.

in un lettino di figlio ho visto il mondo

dotarsi di comandi di forca.

244.

la giovinezza succede in un far di straccio

un vellutello sgualcito alla nomea del tempo.

245.

in un giaciglio di cornucopie ho spinto il sonno ben sistemando le bisacce del ritorno per le calamitose enfasi di chi conosce il vero: sacchetti di sabbia l’anfiteatro tutto intorno

246.

in un gioco di penombre la breccia della leccornia (la tavola imbandita) per convincere il sole a farsi dominante così da poter sbattere le coperte in piena pace dal balcone.

247.

le rivalità dell'ombra giochicchiano imbattute

248.

con il limite degli occhi ci guardiamo in cagnesco  

249.

con una biglia so giocare come fosse un anfiteatro

250.

col mento nella fossa sento piangere

 

                                                                          Marina Pizzi


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.1%
NO
 24.9%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy