Martedì , 30 Novembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > I Care... communication
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Piero Cappelli: Lo scandalo dello scandalo: le nostre armi nel mondo
09 Aprile 2008
 

Governanti e politici ipocriti! In un articolo firmato all’inizio dello scorso anno scrivevamo che «le nostre aziende – private e pubbliche - e certe nostre banche (laiche e cattoliche, dette ‘armate’) hanno realizzato nel 2006 un mercato più fiorente rispetto al 2005 nel campo degli armamenti tanto da totalizzare (Relazione del Governo Prodi al Parlamento) la bella cifra di 2.192.402.944,89 € (cioè circa 4.000.000.000.000 di vecchie lire) quale valore delle “esportazioni definitive”, che rispetto al 2005 registra un aumento del 61,12%; quando nel 2005 – rispetto al 2004 periodo Berlusconi – era sceso del 9,49%. Siamo il 7° paese al mondo per spese militari e il 6° esportatore mondiale di armamenti. Però nella nostra Costituzione è scritto che noi “ripudiamo la guerra”. Non solo. A Strasburgo, al Parlamento europeo, in una seduta si è dibattuto a giugno 2006 sugli impegni degli aiuti ai Paesi in via di sviluppo. E risultava che l’Italia ha mancato l’obiettivo dello 0,33% del reddito nazionale raggiungendo solo quello dello 0,2. L’Italia non ha neppure versato al Fondo globale per l’AIDS, la tubercolosi e la malaria i 260.000.000 di euro dovuti a titolo delle quote 2006-2007. Ma non basta. È stata riscontrato che certi paesi hanno pure ‘gonfiato’ i dati dei propri aiuti, tra cui l’Italia che lo ha fatto aumentando il suo contributo del 44% (in compagnia di altri ‘grandi’ -sic!- tra cui la Francia, l’Austria, la Germania, il Regno Unito). La Finanziaria 2007 del Governo Prodi insisteva e proponeva un ulteriore aumento delle spese della Difesa, quando già con la precedente finanziaria la cifra è arrivata a ben 3,2 miliardi di euro: ancora +11% pari a 2.341.000.000 di € tanto da raggiungere l’astronomica cifra di 23.352.000.000 di €. Lo sconforto è grande, grandissimo, incolmabile». Così scrivevamo allora.

E oggi?

Ancora peggio. Secondo il “Rapporto 2007”, sempre governativo redatto per il Parlamento, le esportazioni di sistemi e di armi italiane sono cresciute rispetto ai dati letti sopra ancora del 9,4% con ulteriore incremento di 2,369 miliardi di euro! L’azienda che si distingue nel produrre e trafficare armi è al primo posto assoluto la Mbda Italia, società missilistica del gruppo Finmeccanica (azienda pubblica, cioè dello Stato i cui vertici sono espressione del Governo nazionale), la quale Finmeccanica ha realizzato un contratto con il Pakistan per 442,9 milioni di euro ai fini di una vendita di missili antiaerei ‘Spada’. Il Pakistan è il primo paese destinatario delle armi italiane pari a circa il 20% di tutto il loro armamento che tocca la cifra a marchio italiano di 471,6 milioni di euro. Si pensi a cosa è successo in questo Paese con l’attentato a la Buttho. Infatti, l’autorizzazione alla vendita di queste armi è stata concessa dal ministro D’Alema aspettando tempi migliori, cioè quando si sono un po’ placati i conflitti tra Musharraf e le opposizioni.

Dopo il Pakistan l’Italia vende armi soprattutto alla Finlandia per 250,96 milioni di Euo, alla Turchia per 174,57 milioni, alla Gran Bretagna per 141,77 milioni e agli Stati Uniti per 137,72 milioni. Al settimo posto la Malaysia con 120.000.000€ per la fornitura di addestramento dei piloti dell’Aermacchi Mb339 e sistemi d’artiglieria navale.

La seconda azienda italiana che commercia armi targate ‘Made in Italy’ è la Intermarine del settore navale che fa capo alla società Immsi di Roberto Colaninno, il ‘salvatore’ della Piaggio di Pontedera e grande amico di D’Alema, che fattura in armi ben 244.800.000€. Poi abbiamo come ‘gloria’ dell’imprenditoria ‘armata’ economica del commercio italiano ancora lo Stato-Governo con la Fincantieri per 191,6 milioni di Euro; l’AugustaWestland con 190.000.000 e l’OtoMelara con 167,65 milioni di euro (entrambe controllate da Finmeccanica). In questo conteggio delle commesse 2007 non risulta invece la fornitura per la Turchia – altro ‘grande’ Paese con problemi interni con i Curdi… –, alla quale il nostro Stato-Governo ha in conto di fornirle elicotteri Augusta A129 sempre tramite la Finmeccanica... ed è tutto dire…

Sul fronte delle banche ‘armate’ (per un totale di 1.224,8 milioni di Euro!!!) abbiamo al primo posto assoluto l’Unicredit banca d’impresa (d’area cattolica vicina a Prodi) con 183,27 milioni, pari al 14,96% del finanziamento bancario complessivo. Segue la Deutsche Bank con 173,92 milioni, Banca Intesa Sanpaolo (area cattolica progressista con l’esponente di spicco avv. Giovanni Bazoli) con 144,65 milioni, la Cassa di Risparmio di Bologna con 53,66 milioni (vicina i ‘compagni’ Diesssini-P.D.), e diverse altre.

Che dire. Le morali sono inutili perché i fatti producono un devastante senso dello Stato che fa breccia in quei cittadini eticamente sensibili. Forse per il resto – come per i sindacati – va bene così. A noi no! Non si può andare come Governo e Stato sui teatri diplomatici internazionali a sventolare le bandiere arcobaleno ‘facendo finta’ di portare la Pace, quando queste bandiere grondano sangue e spesso di sangue innocente!

È questo lo Stato che vogliono i nostri governanti oramai da decenni e decenni e oggi più che mai. Dove la questione della ‘riconversione’ delle ‘fabbriche armate’ in aziende ‘pacifiche’, oramai non ha più considerazione alcuna e da nessuno. Perfino i sindacati l’hanno abbandonata.

I vertici delle Chiese occidentali cattolica e protestante non fanno più caso a questi problemi in quanto li han rimossi da tropo tempo perché si sono così connaturati ai sistemi e agli interessi capitalistici da non vedere più nemmeno le travi del proprio e altrui occhio… quando questo guarda ‘affari’ comuni di bottega. Nonostante molte associazioni di entrambe lottino e denuncino questo ipocrita ‘mercato’. Infatti, hanno lasciato a pochi personaggi ‘idealisti’, di varia estrazione laica e religiosa, ma fortemente ‘piantati a terra’, esprimere l’arditezza e l’etica della critica comparata con la vita pratica. Però dai ‘grandi’ esponenti di governo del nostro Paese – specie ‘cattolici’ di destra e di sinistra – si sentono tante belle parole, ma poi alla fine si sente dire loro che “se non fossimo noi a vendergliele, gliele venderebbe qualcun altro. Per cui è meglio così… visto che siamo bravi a fabbricarle e a commerciarle…”.

Ed è questo lo Stato che vogliono anche i cosiddetti personaggi della Sinistra: sarebbe interessante sapere cosa ne pensano Veltroni e Bertinotti di questo problema…

Intanto offro a voi lettori di Tellusfolio la parola… io di fronte a ciò mi arrendo…

Però se questi ‘lor signori’ volessero ricevere il mio consenso elettorale andando a votare… si illudono perché questa volta ‘passo’…

 

Piero Cappelli


Articoli correlati

  Piero Cappelli: Quando la Vita va avanti... dopo la morte del commissario Calabresi.
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: "Sinistra postconciliare e Chiesa Corpo Mistico"
  Piero Cappelli: Sulle elezioni, sulla sinistra da ripensare
  Piero Cappelli: Vi segnalo da Alba Magica: Rivolte per la crisi. Islanda e Svizzera.
  Piero Cappelli: La coscienza dell’occidente e le chiese nel XXI secolo post-cristiano
  Piero Cappelli – Il fallimento della morale: Cicciolina + Marrazzo + Berlusconi...
  Piero Cappelli: Nel ‘Vietnam’ afghano i morti valgono più di quelli in terra italiana?
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: Chiesa per i giusti o per i peccatori? Due lettere.
  Piero Cappelli. Dopodomani, che futuro avremo noi italiani?
  Piero Cappelli: Ciao Gianni! AdDio… caro Amico e Padre spirituale
  Piero Cappelli – Dal Che’ al Cia’: come si evolve il kult...
  Piero Cappelli: Come salvare questo mondo?
  Piero Cappelli: Sacco & Vanzetti. Uccisi due volte, ieri e oggi.
  Piero Cappelli: Dopo 45 anni dal Concilio vaticano II ormai dimenticato...
  Piero Cappelli: Piove? No... Ma è lo stesso. Governo ladro.
  Piero Cappelli: La Chiesa del futuro.
  Piero Cappelli: Ritornando dopo aver scritto un libro sulla Chiesa-casta
  Piero Cappelli: Classe dirigente nazionale e locale
  Piero Cappelli: Poveri unitevi, anzi ribellatevi! Ma come?
  Carlo Forin: Recuperar la pausa per tornar cittadini. Primarie e PD
  Cristina Cappellini. Di sole non ce n'è mai abbastanza
  Piero Cappelli: Essere genitori ed essere figli: Quando ce ne accorgiamo? Letture per gli studenti
  Piero Cappelli: Atei alla riscossa, Chiesa in difesa. Ma dove siamo?
  Piero Cappelli – “Lo scisma silenzioso” (citato da Vito Mancuso su Repubblica) e il dialogo con il mondo del dissenso critico
  Piero Cappelli: Scuola di Barbiana. Il metodo di scrittura collettiva.
  Piero Cappelli: Come intendo "I Care... communication"
  Piero Cappelli - Anteprima: “Lo scisma silenzioso” tradotto in portoghese, in Brasile
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: "Due lettere sul Vaticano II e l’attuale papato"
  Piero Cappelli: Una cultura del turismo in Italia
  Piero Cappelli: Chiesa e linguaggio
  Piero Cappelli al Festival di Internazionale a Ferrara (1): ottimo risultato! Ma…
  Piero Cappelli: Lamentarsi non basta più. Lavoriamo per noi... per ciascuno di noi!
  Piero Cappelli: Come costruire il dopo-Veltroni, per battere il dopo-Berlusconi?
  Piero Cappelli: oltre la morte: l’eternità ci appartiene
  Piero Cappelli: La restaurazione della liturgia di Pio V. Messa in latino.
  Piero Cappelli: Lettera aperta al Papa-teologo Benedetto XVI
  Piero Cappelli: D’Alema e Veltroni battuti a Firenze. È l’inizio di una nuova politica?
  Piero Cappelli: Birmania, i monaci fulcro storico della liberazione.
  Piero Cappelli: La casta Ecclesiasticae, lo "scisma silenzioso" nella Chiesa
  Piero Cappelli: Persona Umana & Culture
  Piero Cappelli: È la fine di un mondo ‘capitalista’?
  Piero Cappelli: Don Milani e il cattocomunismo
  Piero Cappelli: “Cosa ne penserebbe oggi Don Milani?” Lettera aperta a Walter Veltroni
  Piero Cappelli – Internazionale a Ferrara (2). Economia e Conflitti nel mondo
  Piero Cappelli
  Don Oreste Benzi: Devozione e Rivoluzione
  Velletri. 2° Incontro Orchestrale Europeo Giovani Chitarristi
  Piero Cappelli: Crisi. Dal capitalismo alle armi, da Bankitalia a Goldman Sachs
  Piero Cappelli: Napolitano & Spinelli
  Milva Maria Cappellini. “L'ultima sposa di Palmira” di Giuseppe Lupo
  Piero Cappelli: Morale Privata & Affari Pubblici
  Piero Cappelli: La mancanza di un'alternativa. Elezioni 2008
  Piero Cappelli : L’opinione pubblica e la Chiesa
  Piero Cappelli: Pedofilia, Chiesa e censura. Perché?
  Centro Ricerche per la Pace Viterbo. Proposte. Una campagna contro il commercio delle armi
  Piero Cappelli: Le contraddizioni della Chiesa cattolica tra Fede & Armi
  Don Antonio Cecconi. Su Chiesa, pace e guerra
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy