Domenica , 25 Agosto 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > In tutta libertà
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gordiano Lupi. “Tutti al mare” (2011) di Matteo Cerami
16 Marzo 2012
 

Regia: Matteo Cerami. Soggetto e Sceneggiatura: Vincenzo e Matteo Cerami. Fotografia: Maurizio Calvesi. Montaggio: Anna Napoli e Patrizia Marone. Scenografia: Giada Calabria. Costumi. Paola Nazzaro. Suono: Remo Ugolinelli. Produttori: Gianluca De Marchi e Gianfranco Piccioli. Interpreti: Marco Giallini, Ilaria Occhini, Vincenzo Cerami, Anna Bonaiuto, Libero De Rienzo, Francesco Montanaro, Ambra Angiolini, Claudia Zanella, Franco Pistoni, Sergio Fiorentini, Elena Radonichich, Giorgio Gobbi, Rodolfo Laganà, Ninetto Davoli, Ennio Fantastichini, Luigi Proietti.

 

Matteo Cerami dimostra di saperci fare, coadiuvato dal padre Vincenzo, grande sceneggiatore e scrittore del cinema italiano, e convince in un debutto che fa ben sparare per il futuro.

Tutti al mare è stato stroncato dalla critica italiana, quasi all’unanimità, ma sono felice di trovarmi controcorrente nel consigliare una garbata commedia corale ambientata sul lungomare di Ostia. Cerami racconta una giornata al mare, fa recitare i suoi personaggi intorno a un bar ristorante gestito da un personaggio squallido come Giallini, succube della madre, superstizioso, razzista e pieno di idiosincrasie. Il proprietario del locale è spettatore di una serie di vicissitudini balneari che vedono in primo piano uno iettatore, una presentatrice televisiva, un aspirante suicida, un nero che canta canzoni napoletane, una ragazza russa che cerca un italiano per la cittadinanza, due amici a caccia d’avventure, due lesbiche che desiderano un figlio, un nonno che ricorda la guerra di Abissinia, un cavallo che fugge al fantino, un cleptomane smemorato, poliziotti corrotti e via di questo passo.

Tutti al mare è un chiaro omaggio che Vincenzo Cerami tributa a Sergio Citti e a Pier Paolo Pasolini, perché affronta molte tematiche care ai due grandi registi. Il film si ispira a Casotto (1977), ma non si limita a realizzare un semplice remake, attualizza le problematiche agli anni 2000 e realizza uno spaccato della società italiana contemporanea basato su personaggi credibili e surreali. Ricordiamo una citazione esplicita del finale de Che cosa sono le nuvole (1967) di Pier Paolo Pasolini (episodio di Capriccio all’italiana), quando due ragazzi si sdraiano sulla spiaggia a contemplare le nuvole e la bellezza del creato.

La pellicola è scritta bene, sceneggiata senza buchi, fotografata con perizia, montata senza punti morti e girata con stile (finalmente!) cinematografico, in tempi che tutti i registi girano come se un film dovesse passare soltanto in televisione. Cerami abbonda in carrelli, piano sequenze, primi piani, panoramiche del mare al tramonto e di una spiaggia desolata tanto cara a Pasolini. Il tono è agrodolce, da commedia all’italiana classica come da tempo non si vedeva, il film non scade mai nella farsa e non cede alla tentazione della soap opera. Gli interpreti sono molto bravi, ma su tutti spicca un ottimo Marco Giallini, perfetto nel caratterizzare l’italiano medio, razzista e qualunquista, schiavo dei luoghi comuni e di una madre possessiva. Luigi Proietti interpreta un piccolo ruolo da smemorato cleptomane e dimostra la sua grande capacità recitativa. Tra le donne spicca Ilaria Occhini, ma sono buone anche le caratterizzazioni di Anna Buonaiuto e di Ambra Angiolini.

Vincenzo Cerami è un autore che ha dato molto al cinema italiano, scrivendo lavori fondamentali, collaborando con Pasolini e Benigni. Non delude neppure questa volta, con un’opera minore scritta per lanciare il figlio, crepuscolare, a base di piccole cose di pessimo gusto di gozzaniana memoria, raccontando i vizi della società contemporanea. La critica riscoprirà Tutti al mare e lo valuterà come merita, una volta passati gli anni, quando sarà più facile rendersi conto di come il regista abbia fotografato con garbo i nostri tempi. Rivista in televisione la pellicola perde molto del suo fascino perché il grande schermo valorizza regia e fotografia.

 

Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Maria Paola Forlani. Il cinema cristologico
  “PREMIO MONDELLO” 2006
  Antonella Pierangeli. L’eresia e la visione: Pasolini l’impuro in un Paese orribilmente sporco
  Istituzioni/ Intervista ad Alessandra Borsetti Venier
  Pier Paolo Pasolini: Il padre selvaggio. Ri-lettura di Maria Lanciotti
  Pasolini su Israele e il mondo arabo
  Pier Paolo Pasolini, «La sua morte è un drammatico, disperato rapporto con la madre»
  Pier Paolo Pasolini (Mediane Libri)
  Giuseppina Rando. Una nota su Educazione e Scuola
  “Orgia” di Pier Paolo Pasolini
  Gianfranco Cercone. “Il Vangelo secondo Matteo” di Pier Paolo Pasolini
  Franco Morelli e le sue “genti”
  Maria Lanciotti. Bignamino di una cronaca non ancora storicizzata – 4
  Walter Lazzarin. Pillole per prendere premi prestigiosi
  Cosimo Cinieri in “Pier Paolo, Poeta delle ceneri”
  Anna Lanzetta. Omaggio a Matera 3
  Salò o le 120 giornate di Sodoma, il Pasolini più discusso al Cinema Eden
  Gordiano Lupi. Quattro consigli di lettura
  Gianfranco Cercone. “Porno-teo-kolossal”: l’Epifania secondo Pasolini
  Emanuele Trevi. Qualcosa di scritto
  Gordiano Lupi. I libri di cinema editi da Mediane
  Iniziative/ La meglio gioventù di Pier Paolo Pasolini e Racconti ambigui di Enzo Siciliano
  Gabriella Sica: L’artista e la croce. Caravaggio e Pasolini
  Pier Paolo Pasolini. Il sogno di una cosa
  Gianfranco Cercone. “Foxtrot – La danza del destino” di Samuel Maoz
  Gordiano Lupi. Nasce inCONTROPIEDE, editore sportivo
  RICORDANDO PASOLINI
  Sergio Anelli. L’assassinio lento di Pasolini
  Gianfranco Cercone. “Pasolini” di Abel Ferrara: troppo esatto per essere vero
  Roberto Malini. Omofobia di Eugenio Montale
  Gianfranco Cercone. “La macchinazione” di David Grieco: Pasolini inghiottito in un incubo
  La poesia degli Eretici. In Brianza per PoesiaPresente2008
  Alberto Figliolia. Più dei santi, meno dei morti
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.5%
NO
 24.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy