Lunedì , 19 Novembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Dialogo Tf
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Roberto Malini. Omofobia di Eugenio Montale
11 Aprile 2012
 

Il pensiero e il sentire di Eugenio Montale furono caratterizzati da un'omofobia virulenta. Il poeta era spaventato all'idea di “passare per pederasta”. Lo scrisse a Silvio Ramat negli anni 1960, a proposito della poesia “Ripenso al tuo sorriso” (da Ossi di seppia): lui amava le donne e non voleva lasciare dubbi! Definì Pier Paolo Pasolini come «povero e pederasta», in una lettera alla Spaziani. Prima della nascita dei movimenti per i diritti degli omosessuali, l'Italia - anche quella dei poeti, degli scrittori e dei filosofi - era ostile verso i gay e Montale, che forse temeva certi impulsi che si agitavano nel suo animo, lo era più di altri.

Forse un mattino andando in un'aria di vetro, / arida, rivolgendomi vedró compirsi il miracolo: / il nulla alle mie spalle, il vuoto dietro / di me, con un terrore di ubriaco. / Poi come s'uno schermo, s'accamperanno di gitto / alberi case colli per l'inganno consueto. / Ma sarà troppo tardi; ed io me n'andró zitto / tra gli uomini che non si voltano, col mio segreto.

Pasolini subirà gravi discriminazioni, anche all'interno del PCI, per la sua omosessualità. Di Sandro Penna, che alcuni critici ritengono il suo “contraltare poetico”, Montale scrisse con sommo disprezzo: «Pederasta in modo tale che c'è da aver grosse noie dall'albergatore di Bognanco» (con riferimento al premio letterario Bognanco, che lo vedeva nella giuria). L'omofobia di Montale si espresse in tutta la sua visceralità nell'avversione che il poeta ebbe per lo scrittore e drammaturgo Giovanni Testori, dichiaratamente gay. Durante una soirée alla Scala, Testori era insieme al giovane e bellissimo compagno Alain Toubas. Si imbatté nel poeta e glielo presentò. Montale rifiutò al ragazzo la mano e girò sdegnosamente le spalle alla coppia, allontanandosi. Alain pronunciò subito, ad alta voce, queste parole: «Ce n'est pas un poète, c'est une merde». Personalmente, avverto una forma di “discriminazione lessicale” in tutta la poesia di Montale, che è comunque bella, originale e... sicura della propria natura: poesia di un “uomo che non si volta”.

 

Roberto Malini


Articoli correlati

  Spot/ Parola di Poeta
  Valter Vecellio. Sciopero della fame di Pannella per i diritti di tutti
  Giovanni de Girolamo, L’anima e le forme.
  Valter Vecellio. Pannella zero
  Istituzioni/ Intervista ad Alessandra Borsetti Venier
  Eugenio Montale. Forse un mattino andando…
  Gianfranco Cercone. “Pasolini” di Abel Ferrara: troppo esatto per essere vero
  Pier Paolo Pasolini (Mediane Libri)
  Iniziative/ La meglio gioventù di Pier Paolo Pasolini e Racconti ambigui di Enzo Siciliano
  Gabriella Sica: L’artista e la croce. Caravaggio e Pasolini
  Maria Lanciotti. Bignamino di una cronaca non ancora storicizzata – 4
  La poesia degli Eretici. In Brianza per PoesiaPresente2008
  Pasolini su Israele e il mondo arabo
  Giuseppina Rando. Una nota su Educazione e Scuola
  Pier Paolo Pasolini, «La sua morte è un drammatico, disperato rapporto con la madre»
  Gianfranco Cercone. “Il Vangelo secondo Matteo” di Pier Paolo Pasolini
  Pier Paolo Pasolini: Il padre selvaggio. Ri-lettura di Maria Lanciotti
  Cosimo Cinieri in “Pier Paolo, Poeta delle ceneri”
  Gordiano Lupi. Nasce inCONTROPIEDE, editore sportivo
  Gordiano Lupi. Quattro consigli di lettura
  Gordiano Lupi. I libri di cinema editi da Mediane
  Gianfranco Cercone. “Foxtrot – La danza del destino” di Samuel Maoz
  Gianfranco Cercone. “La macchinazione” di David Grieco: Pasolini inghiottito in un incubo
  Salò o le 120 giornate di Sodoma, il Pasolini più discusso al Cinema Eden
  Pier Paolo Pasolini. Il sogno di una cosa
  Antonella Pierangeli. L’eresia e la visione: Pasolini l’impuro in un Paese orribilmente sporco
  “Orgia” di Pier Paolo Pasolini
  Gordiano Lupi. “Tutti al mare” (2011) di Matteo Cerami
  RICORDANDO PASOLINI
  Alberto Figliolia. Più dei santi, meno dei morti
  Gianfranco Cercone. “Porno-teo-kolossal”: l’Epifania secondo Pasolini
  Franco Morelli e le sue “genti”
  Maria Paola Forlani. Il cinema cristologico
  “PREMIO MONDELLO” 2006
  Sergio Anelli. L’assassinio lento di Pasolini
  Walter Lazzarin. Pillole per prendere premi prestigiosi
  Emanuele Trevi. Qualcosa di scritto
  Poesia d’autore/ Sandro Penna. Nuotatore
  Poesia d'autore/ Sandro Penna. Il treno tarderà di almeno un’ora...
  Doriana Goracci: L’archivio di Dario Bellezza all’asta e dire poesia gay offende e basta…
  Contexto 2016
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 3 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.4%
NO
 26.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy