Sabato , 27 Novembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Laboratorio di Lettura e Scrittura Poetica di Vicenza: Marco Rampon. Ivana Cenci (5)
Marco Rampon
Marco Rampon 
11 Ottobre 2007
 

Marco Rampon nasce a Schio il 26 aprile 1958. Ha studiato all’università di Padova e Verona laureandosi in Scienze politiche e Pedagogia.

Vive e lavora a Schio. Si è sempre impegnato nelle problematiche ambientali partecipando a vari comitati ambientalisti della zona. Scrive per proprio diletto, cercando un costante punto di incontro tra la scarna e ascetica parola tecnica ed il mondo del lirismo.

 

 

Forse

Se la marcia è innestata il cambio gira e la ruota trascina e l’olio ingrassa

Se il motore canta osservo attentamente e posso assistere come a casa

Se l’amico di sempre conduce e lo sguardo è sereno come la ragazza che vedo accanto

Se mi riscaldo per poco e brucio nel tempo e non distinguo il mio prossimo

Se l’amore che passa dal finestrino non trova spesso ragione nel mio stare

Se ancora rifletto mentre ascolto mangiando e bevendo e correndo contro vento

Se ancora il mio amico pilota tutto gira e gli ingranaggi inseguono il movimento

Se preciso ancora e mi ritrovo sedie stanche e donne strane e vecchi imbolsiti e bimbi truccati e cani stanchi e gatti randagi morti e motori spenti e lucertole stese al sole su innocui momenti persi

Se preciso ma non giro forse non vedo

 

 

Rossa Bocca

 

Quelle labbra abbondantemente rosse che si allargano sul mondo

 

 

Prima legge della dinamica: un corpo persevera nel suo stato di moto o di quiete uniforme

 

Sono fermo sarei tenuto ad allontanarmi ma osservo la bellezza felina senza imparare mai nulla

 

 

affinché una causa esterna; chiamata forza,

 

Dolcezza infinita portami via sulle onde,

occhi profondi e istanze veloci,

auspici scambiati a basso tono con gergo tremante.

Insufficienti dilemmi, scarse contemporanee lezioni,

ma se muovessi qualcosa invece di stare fermo

 

 

Modifica tale stato.

 

Se mi appoggio ad ascoltare forse potrei sentire il fruscio del mare

forse ho forza e ragione per restare.

Se rimanessi inerte forse moltiplicherei gli eventi.

Manca il rosso e tutto diventa più trasandato:

il mito sognante come la foglia cadente all’istante.

 

 

si appresta natale

 

La faccia stanca dell’amico

tavola ben tirata

le angosce sempre pari.

La minestra calda e le mani tante
bordo stirato sulla camicia bianca
il vino rosso servito freddo.

Il gioco continuo delle parti
convalidate frustrazioni
spezzatino infarcito.

Occhi truccati e attenti
fumo spesso come il pane
da tagliare e mangiare.

Le mani che si passano i radi capelli
denti buoni… denti sani
sorriso aperto a giorno festivo.

Verbi leggeri come fiondate
basse sassate
senza fine.

Ottima la panna fritta
si inzuppa il biscotto buono
ma il bambino piange.

Assente lo sguardo
attimo fermo
e si torna unitariamente a comunicare.

 

 

Interno dell’autovettura

 

La macchina, le banane e gli aranci dietro.

Le ruote in lega e la tenda riposta nel bagagliaio, le sedie da campeggio, il tavolino, le scarpe da ginnastica bianche come la neve. 

Odore forte, l’olio per la macchina e la coperta a quadrettoni consumati.

Il contachilometri nero disteso che segnala, la musica che frantuma l’aria, la leva del cambio dritta che non sembra ingranare.

Il pedale del freno e l’acceleratore premuto ed io, sprofondato nel sudore, mi perdo nel sedile finto pelle, controllando e dirigendo.

 

 

 

RECENSIONI AI TESTI

 

 

Negli scritti di Marco Rampon,

il respiro umano si fa strada nel moto, nel viaggio e l’auto, diventa luogo intimo del pensiero, casa, dove dividere lo spazio e l’amicizia.

se la marcia è innestata il cambio gira e la ruota trascina e l’olio ingrassa

se l’amico di sempre conduce e lo sguardo è sereno come la ragazza che vedo accanto

I “se” nel testo forse, hanno una profondità che va oltre al solo porsi l’interrogativo, lasciano spazio alla riflessione sulla vita, che consuma nel suo muovere anche in quei “innocui momenti persi”.

È percepibile la sensibilità urtata dai riti costruiti e costituiti.

Essi determinano una parentesi stretta al cui interno non c’è spazio né aria.

Chiara la stanchezza si esprime in “si appresta il natale” ( scritto minuscolo), dove tutto è usurato dal tempo, dalla convenzione e dalla esaurita convinzione.

Nella terzina “il gioco continuo delle parti / convalidate frustrazioni / spezzatino infarcito” c’è il sapore delle amicizie ancora forti anche se sfregiate dalle sofferenze della vita.

Rimane latente la ricerca della fuga, della via tracciata dalla libertà decisa, sferzante come la dolcezza infinita che si gode nel trasporto delle onde. Rampon compie un percorso esteso nell’esperienza personale e naufraga in uno sfogo libertario, nel foglio bianco che si dà sensuale, come la “bellezza felina”, al gioco visivo delle parole.

Poi ancora tutto ricomincia, l’auto riparte con “…la tenda riposta nel bagagliaio” (casa nella casa).

Ancora il moto prende forma scandito dal contachilometri, tra gli odori delle sicurezze e del consueto, tra i dubbi di una marcia non ingranata, immersi nel sudore di una vita percorsa in una società, non sempre ma, spesso, “finta pelle”.

 

Giordano Montanaro

 

 

La scrittura di Marco Rampon sembra voler suggerire che dietro ogni storia c’è lo scorrere più complesso e incombente della realtà. Sembra voler indicare un percorso nascosto, un andar oltre l’esistenza meccanica delle cose e del corpo, prediligendo la rappresentazione precisa di oggetti e immagini quotidiane.

L’elencazione di oggetti diventa così una scelta di stile, che attraversa la necessità della ripetizione, che talvolta diventa frammento temporale. Quest’attimo, magari quando “Si appresta natale”, può restituire l’immobilità di una condizione esistenziale, dalla quale prende vita lo smarrimento: “Assente lo sguardo / attimo fermo / e si torna unitariamente a comunicare”.

L’elencazione di oggetti tratteggia anche un paesaggio triste dell’animo umano quando diventa difficile dialogare con se stessi o partire verso l’altrove. In questi rari momenti, il ritmo incalzante della prosa poetica, sollecitato da sensazioni uditive e visive, apre alla riflessione. Accade quando il pensiero cerca immagini contrastanti o che si tingono di rosso e di bianco. “Rossa Bocca” evoca la sensualità, “la bellezza felina” scattante e in opposizione alla Prima legge della dinamica. L’energia vitale dovrebbe movimentare “Il gioco continuo delle parti / consolidate frustrazioni”, ma lo sguardo rimane assente e “Manca il rosso e tutto diventa più trasandato: / “il mito sognante come la foglia cadente all’istante”.

L’ultima poesia “Interno dell’autovettura” é cinematografica e rilancia “il mito sognante” inventando immagini “on the road”, in compagnia della propria solitudine, alla ricerca di un altrove.

 

Stefania Bortoli

 

 

Se. Forse. Se forse valga la pena star fermi o muoversi. Se alle cose contribuiamo noi o se si facciano da sé. Se l’amore scorra dal finestrino, non trovando nel cuore le ragioni del proprio stare. Se… forse. Il dubbio resta. Come l’autore, sospeso.

A osservare i dettagli di persone, gesti, dinamiche. A guardare se l’ingranaggio oliato segua il movimento dei fatti. A cercare la leva del cambio che comandi l’azione. Controllando e dirigendo, solo con il suo sguardo tattile e interiore, dentro il sudore che dà la finta pelle del comando.

Forse, solo rinunciando a questo tipo di sguardo, in un attimo non più sospeso ma fermo, si può tornare unitariamente a comunicare.

 

Elisabetta Xausa


Articoli correlati

  Laboratorio di Lettura e Scrittura Poetica di Vicenza: Poesie di Gianluigi Cannella. A cura di Ivana Cenci (1)
  Laboratorio di lettura e Scrittura poetica di Vicenza: Stefania Bortoli. Cura di Ivana Cenci (4).
  Laboratorio di Lettura e Scrittura Poetica di Vicenza: Alessandro Bedin. A cura di Ivana Cenci (2).
  Laboratorio di Lettura e Scrittura Poetica di Vicenza: EloZ. A cura di Ivana Cenci (6)
  Laboratorio di lettura e Scrittura poetica di Vicenza: Giordano Montanaro. A cura di Ivana Cenci (3)
  Traduzioni e altre traduzioni. "Bella" di Pablo Neruda, Ivana Cenci (2).
  Ivana Cenci. Camille e Paul Claudel: La Valse
  Traduzioni e altre traduzioni: Pablo Neruda - Ivana Cenci (1)
  Ivana Cenci. Albert Camus, Né vittime Né carnefici - 0.
  Ivana Cenci: Sulla necessità della parola poetica.
  Traduzioni e altre traduzioni. El tigre, La tigre di Pablo Neruda, Ivana Cenci (3)
  21 Marzo, Giornata Mondiale della Poesia/ II – Omaggio d/al Laboratorio di Lettura e Scrittura Poetica di Artemis
  Alberto Carollo. Ci si dovesse incontrare...
  Ivana Cenci. Il “Concerto d’Aranjuez” di Joaquín Rodrigo
  Ivana Cenci: Sul genio e la creatività femminili, ovvero riconsiderazioni sull’Amore a partire da Diotima
  Spot/ Vicenza, Laboratorio di Artemis. “Il pensier si azzurra”
  Ivana Cenci: La reciprocità. Fedeltà a se stessi nell'incontro con l'altro.
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy