Venerdì , 20 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
I fuori classe/ La somala in “Economy class” 
di Leonardo Antonio Mesa Suero e Linda Pasta
(foto UNHCR)
(foto UNHCR) 
24 Febbraio 2013
 

Trentadue anni non sono molti, sei figli e due gravidanze perse invece sono tanti. Viene dalla Somalia; non da un paesino sperduto dove alcuni di noi immaginano che si mangino a vicenda; viene da Mogadiscio, la capitale. La capitale di un Paese martellato della fame e, peggio, dalla guerra.

Decise di intraprendere il viaggio della speranza; l’orribile viaggio della dubbia speranza. Vuole che i suoi figli arrivino «lontano»: possano assaggiare un pasto al giorno e possano arrivare ai 50 anni!

Il viaggio è troppo pericoloso per portarli con sé; li abbandona in un abbraccio e con loro in cuore fa avamposto. È partita sei mesi fa. Ha affrontato i camion affollati dove le persone viaggiano come noccioline in pacco sottovuoto anemico di aria; abbrustolita dal secco e rovente vento del deserto.

Attende nel fondo della Libia finché la partenza arriva. Due notti e tre giorni nella buia e morente stiva di un barcone che quasi sprofonda nelle acque di un mare mai visto.

Incastrati sono. La faccia di quello di fronte le sta appiccicata. Da tre giorni ha davanti a sé uno spettacolo dantesco: quel sconosciuto che l’assomiglia nell’angoscia e la disperazione. È come guardarsi allo specchio.

Sente grida dall’alto: «Lampedusa!» Ma per quelli della stiva è vietato anche quel momento di salvezza.

I dolori la stritolano ma li nasconde sotto un sorriso di gratitudine finché dopo altri due giorni di sofferenza casca a terra. La diagnosi non è bella: trombosi venosa massiva con embolia polmonare, dicono i medici. Un neofito avrebbe detto: rischia di morire.

Da tanto tempo si parla della malattia che si presenta nei viaggiatori che sono costretti a stare fermi a lungo negli aeri negli stretti spazi dell’economy class degli aeri. Ma nei barconi è peggio.

Quelli che non hanno i soldi sufficienti per un posto migliore finiscono nel più oscuro, angusto e sperduto angolo di una stiva. Lei i soldi li aveva, ma quelli non contano quando si è donna.

È andata a finire in out class. Ma quel che gli scafisti non hanno saputo è che con il loro gesto orribile l’avevano convertita, come tante altre, in una fuori classe.


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy