Mercoledì , 06 Luglio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Identificato il cubano che ha gridato “Abbasso il comunismo!”
31 Marzo 2012
 

Detenuto a Santiago si è dichiarato in sciopero della fame

Yoani: “A Cuba non può tornare la normalità…”

 

 

La rivista digitale Diario de Cuba riferisce che è stato identificato l’uomo che ha gridato “Abbasso il comunismo!”, lo scorso lunedì durante la messa del Papa a Santiago de Cuba. Si tratta di Andrés Carrión Álvarez, 38 anni, laureato in discipline economico-lavorative. La fonte informativa è l’ex prigioniero politico José Daniel Ferrer, leader della Unione Patriottica di Cuba (UNPACU). Carrión è stato arrestato dalla Sicurezza di Stato e percosso, tra gli altri, anche da un barelliere della Croce Rossa Internazionale. Ferrer ha detto che il dissidente arrestato aveva cominciato da poco a collaborare con la UNPACU, ma non faceva parte di quella organizzazione. L’attivista, residente nel quartiere Sorribes, a Santiago, si trova in prigione. L’ultima persona a vederlo prima della detenzione è stata Chaviano Peláez. «Carrión mi disse che voleva assistere alla messa del papa ma al tempo stesso fare qualcosa, ma non mi rivelò quali fossero le sue intenzioni», dice Chaviano. Carrión è attualmente in sciopero della fame.

La situazione preoccupa i dissidenti, perché si teme per l’integrità fisica dell’oppositore, dopo un periodo di massicce detenzioni ai danni di Damas de Blanco e persone non conformi per impedire la loro presenza alle messe del Papa. Tra i detenuti per alcune ore anche lo scrittore-fotografo Orlando Luis Pardo Lazo, direttore della rivista clandestina Voces e autore del blog Lunes de Post Revolucion.

Yoani Sánchez ha commentato: «Il costo politico di questa ondata repressiva durante la visita del Papa sarà molto alto. Per alcuni giorni molte persone sono state obbligate a trattenersi nelle loro case con le linee telefoniche isolate. La vita torna alla normalità, hanno scritto. Ma come può tornare la normalità in un paese come Cuba? L’Avana sembra risvegliarsi da un lungo sonno, ma l’incubo permane. Quando finiranno di penalizzare chi esprime un pensiero diverso dall’ideologia al potere?».

 

Gordiano Lupi


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy