Giovedì , 29 Settembre 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Ernesto Morales. Prologo al Pequeño Hermano
14 Luglio 2010
 

Finalmente sì, ho ceduto alla necessità. Mi sono chiesto molte volte quanto tempo avrei resistito alla tentazione, allo stimolo, e posticipavo la risposta, come si fa con qualcosa di scomodo o inevitabile.

Perché ammettere la necessità di un blog, di questi tempi, significa un po’ mettersi al passo con la moda, e non mi vergogno di ammettere che giudico puerile tutto ciò che è di moda. A volte senza discriminare. È per questo, che spesso mi scervello.

Quando si verificano gli eventi la mia stupidità viene sconfitta e mi dico: ci sono delle volte in cui la moda ci salva e ci redime. Ci riempie i polmoni di ossigeno quando la routine sembra averci intossicato, e ci apre nuove strade, belle come soluzioni.

Da li nasce la mi abdicazione. E di conseguenza, da li nasce questo Pequeño Hermano. Dall’aver comprovato che, senza la propria voce, gli uomini bloccano i pensieri. Pensieri accumulati diventano materia che necessita espansione, altrimenti si rivolta contro se stessa, cozza contro le pareti del cranio, si autodistrugge.

Per evitare che ciò accada siamo dotati della voce. La voce orale o quella scritta. Abbiamo però bisogno di usarla. E se nessuno dietro di te ti fornisce il luogo per estenderla, se ti chiudono le piazze e i parchi, se ti proibiscono di gridare o di scrivere un giornale, bisognerà cercare qualcosa, no? La parola alternativa è diventata cosi imprescindibile che se nella nostra lingua non esistesse, dovremmo inventarla.

Questo blog è uno sguardo dal basso. In controcorrente. Ma è uno sguardo che non ammette bende sugli occhi, né tollera pregiudizi. Perché anche se al Grande Fratello pesi molto, e anche se si sforza di impedirlo (come colui che bruciava gli spartiti a Johann Sebastian Bach, e non gli lasciava suonare il clavicordo liberamente), il Piccolo Fratello ha occhi per vedere. E per fortuna, una voce chiara, e molto sincera, che come il Grande Fratello, sa parlare.

 

Ernesto Morales

(da El Pequeño Hermano, 9 luglio 2010)

Traduzione di Francesca Desogus

desogus.francesca@tiscali.it


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 65.4%
NO
 34.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy