Venerdì , 17 Settembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Manuale Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Antonio Fogazzaro. Vita, poetica e analisi di Malombra e Piccolo mondo antico
Malombra cinematografica
Malombra cinematografica 
01 Gennaio 2009
 

Nasce nel 1842 a Vicenza, dove studia al liceo (avendo come insegnante il poeta Giacomo Zanella); iscritto alla facoltà di Legge dell’università di Padova, si laurea con una tesi sul Giudizio d'appello. Dopo i poemetti in versi Miranda e Valsolda, pubblica il primo romanzo Malombra (1881), a cui seguono Daniele Cartis e Il mistero del Poeta. Nel 1891 tiene a Venezia il discorso Per un recente raffronto delle teo­rie di Sant'Agostino e di Darwin circa la creazione. A metà novembre del 1895 pubblica il suo romanzo più celebre Pic­colo mondo antico e nel 1901 Piccolo mondo moderno. L'al­tro romanzo Il Santo (1905) di idee moderniste viene con­dannato nel 1906 dalla Congregazione dell'Indice; Fogazzaro dichiara la propria obbedienza di cattolico a tale decreto. Muore a Vicenza nel marzo 1911.

   

  

QUADRO SINTETICO

 

 

I. Le idee e la poetica      

- Antiverismo

- Modernismo

- Interesse per l’anima profonda

 

II. Motivi antiveristi e decadenti in “Malombra”

- Mistero e subcosciente

- Psicologia morbosa ed estetismo della protagonista

 

III. Il dramma coniugale  di “Piccolo mondo antico”

- Lo spirito di carità di Franco e il razionalismo di Luisa

- I due coniugi di fronte alla tragica morte della figlia Ombretta

- L'ambiente e il paesaggio della Valsolda

 

 

I. LE IDEE E LA POETICA

  

La polemica antiverista e gli orientamenti preferenziali ri­volti verso l'anima profonda, l’amore e la bellezza, il dramma del credente combattuto tra fede e scienza, gli interessi per la politica dei cattolici e la professione di Modernismo ai fini del rinnovamento della Chiesa costituiscono la posizione originale di Fogazzaro nel quadro del Decadentismo italiano (il Modernismo è un movimento di idee e tendenze riforma­trici da parte di un gruppo di intellettuali cattolici, ecclesia­stici e laici, sinceramente religiosi, i quali in Francia e in Ita­lia, auspicano e sostengono tra la fine dell'Ottocento e gli ini­zi del Novecento una più sollecita adeguazione del Cristiane­simo alle conquiste della scienza e della filosofia moderna).

Negli appunti che precedono la composizione di Malom­bra, pubblicato ai primi di maggio del 1881, lo stesso anno de I Malavoglia verghiani, Fogazzaro scriveva:

«Tutti gridano: il vero! e diguazzano come in un pantano in questo vero e vogliono che si veda e si tocchi e si odori,.. Ma anche l’anima mia profonda è vero, anche il lume che non so d’onde la illumina è vero, anche l'amore che non ho trovato in terra anch'esso è vero; anche la bellezza... che nel cuore mi turba e mi uccide, anch’essa è vero».

 

 

II. MOTIVI ANTIVERISTI E DECADENTI IN «MALOMBRA»

 

Contro il pantano del vero, contro il verbo positivista e naturalista, giocano in Malombra i nuovi temi decadenti del mistero, del subcosciente e dell’estetismo. Rispetto a I Mala­voglia, al loro «fatto nudo e schietto», al loro dramma di pri­mitivi, di pescatori isolani di Aci-Trezza registrato da Verga nei termini di uno scabro, elementare «disegno» compositivo, Malombra svolge una storia diversamente complessa, un in­trico denso di passioni e di ossessivi, folli miraggi che ruota­no intorno alla proiagonista.

Marina di Malombra e una giovane donna, strana, di ec­centrica spiritualità e di sensi inquieti, «voluttuosa mescolan­za femminile di bellezza, di stranezza, di talento e di orgoglio». In un tetro Palazzo sul lago, la giovane contessa Marina, di educazione raffinatissima e spregiudicata (tra le sue let­ture predilette figurano le Fleurs du mal di Baudelaire), crede di essercela reincarnazione di Cecilia, un’antenata reclusa dal marito per espiare una colpa d'amore e morta sessant’anni prima.

In Malombra, a somiglianzà del Piacere di D'Annunzio, estetismo e culto del bello, toilettes e désabillés fanno di Ma­rina una fogazzariana sacerdotessa della «religione dell'eleganza».

 

  

III. «PICCOLO   MONDO   ANTICO»: 

DRAMMA  CONIUGALE   ESTETICO-AFFETTIVO

 

Dopo l'esordio di Malombra e il successivo Il mistero del Poeta, due opere singolari in chiave decadente, Fogazzaro tende verso un equilibrio di convinzioni più lineari e risolte. Dalla iniziale simpatia per le psicologie complesse, per gli stati d'animo esagitati e morbosi. Fogazzaro giunge al «piano morale» di Piccolo mondo antico, al conflitto di caratteri, al dramma coniugale (e non adulterio come era di moda allora nel romanzo mondano e nella commedia) maturato tra le modeste mura di una casa.

Attente e sfumate penetrazioni psicologiche investono i protagonisti Franco Maironi e Luisa Rigey, due giovani sposi che raggiungono il loro accordo, la loro difficile intesa umana e spirituale attraverso lo svolgersi quotidiano della stessa vita coniugale. Generoso ma scarsamente pratico lo spirito di ca­rità di Franco, temperamento religioso e credente; mentre Luisa, laica e razionalista, è animata da una diversa, severa fiducia nella giustizia umana (ma una giustizia priva di cari­tà, come rivelano i suoi rapporti con la nonna di Franco, la austricante marchesa Maironi, nella faccenda del testamento nascosto). Questo racconto di due comportamenti, un uomo e una donna, uniti e al tempo stesso divisi nella volontà gio­iosa e trepida del vivere, due personaggi che soffrono l'ama­rezza di gesti e pensieri diversi di fronte a dolorose verità (la tragica morte della piccola figlia Ombretta), avviene dentro i limiti delle pareti e delle cure domestiche.

Fanno da sfondo alla vicenda i luoghi e i paesaggi della Valsolda, sul versante lombardo del lago di Lugano, e l'epoca storica 1851-1859, con la grave ombra del fallimento del Quarantotto.

   

Renato Bertacchini

 


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy