Lunedì , 08 Marzo 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Arte e dintorni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gey Pin Ang: Il canto del cammino, winter never came spring already arrived
Shoraku: L
Shoraku: L'attore Sanogawa 
12 Giugno 2007
 

Gentile Redazione di TELLUSfolio, vi informo su cosa è accaduto di recente nella mia Casa per l'arte la Barbagianna. E cioè una interessante mostra con spettacolo teatrale. È andato tutto a meraviglia, oltre le aspettative e qualche dubbio dell'attrice che temeva la reazione perplessa del pubblico di fronte a un testo in inglese e in cinese mandarino. Ma le poche spiegazioni date all'inizio sono servite a preparare le persone a un ascolto “diverso”, a un ascolto perfino del suono dei gesti oltre che delle parole e del canto.

Vi allego alcune brevi frasi prese dal testo dello spettacolo Il Canto del Cammino che ho stampato e distribuito. Gey Pin Ang è un'attrice davvero formidabile, un cantastorie affascinante che sa usare la gestualità del teatro Kabuki e della performance contemporanea, capace di associare passato e presente con semplicità e diventare maschile e femminile, vecchia e bambina con assoluta naturalezza. Dato che c'erano oltre 100 persone e lo spettacolo può essere visto da 30 persone alla volta, abbiamo deciso di fare due repliche il 21 luglio per dare un'ulteriore possibilità a chi fosse interessato.

Appena avrò una rosa di immagini eloquenti le spedirò per Arte e dintorni. Grazie per l'attenzione e se capitate a Firenze, vi aspetto.

 

Alessandra Borsetti Venier

 


IL CANTO DEL CAMMINO,

WINTER NEVER CAME SPRING ALREADY ARRIVED

冬未至春已到                        

 

Composizione di testi

a cura di Ang Gey Pin e Nickolai D. Nickolov

Traduzione di Alessandra Borsetti Venier

 

 

All’epoca degli antenati,

raccontare una storia durava il tempo

di un bastoncino d’incenso…

 

La voce degli antenati ricorda la favola

di una tigre e di un uccello

nelle nuvole-profonde-non si-sa-dove…

 

Come un nomade

ritornato da un lungo cammino

giorno dopo giorno

prima dell’ultimo raggio di sole

continuo il mio viaggio stagionale a piedi 

lasciandomi dietro tutte le mie follie

le mie ubriachezze festose

le mie infinite chiacchierate.

 

Il mio lungo cammino si fermò il giorno

che mi trovai davanti a una porta

in mezzo a un campo.

 

Dove mi trovavo?

La stagione qui era diversa

l’inverno non era mai venuto.

Invece, nel villaggio degli antenati

si continua ad aspettare l’inverno...

 

C’era una volta la Via dei Canti,

Ge Dao, nel linguaggio degli antenati.

 

L’Inverno è ovunque. Non puoi salvarti da lui.

Hai pensato davvero di aver visto una porta

in mezzo al campo? 

Come puoi provarlo?

 

Sei così viziato dal tempo

sei cosi lontano dalla stagione giusta. 

Come si può tornare sulla Via dei Canti? 

 

Sentivo sempre più caldo dentro di me.

 

Trascinavo ogni passo finché, esausta,

ho interrotto il mio cammino.

Mi ero persa.

 

Per quanto il mio occhio possa vedere

nelle stagioni del mio corpo

tutti gli alberi tutti i loro rami tutte le loro foglie

l’erba ai piedi delle rocce e delle case ammassate

lontano dal mare dove l’occhio s’immerge

queste immagini  di un giorno dopo l’altro

i vizi le virtù così imperfette

la somiglianza degli sguardi che permettono

con gli occhi di conquistare

l’incertezza dei corpi esausti dall’ardore

l’imitazione di parole atteggiamenti idee

i vizi le virtù così imperfette.

 

Stai camminando…

ogni Via, lungo i passi, ha una traccia

di parole e musica.

Il Canto è una mappa. 

Conoscendo i canti, puoi sempre trovare

la tua strada. 

La terra è una partitura musicale. 

Una roccia, un ruscello possono cantare

o essere cantati a seconda di quali antenati

abbiano camminato su quella via.

 

Può essere questo un dono di Gezhe,

l’uomo dei Canti!

 

… non c’e niente da nascondere

ma tutto da cantare durante il mio cammino…

 

Cosa c’e oltre questa stagione di piogge?

Questa stagione cosi imprevedibile…

 

Tian Bian Yi Dao Cai Hong

- come direbbero gli antenati -

alla fine del cielo, un immenso ponte

di arcobaleno...

 

Canti che vengono dagli uccelli, sorrisi dal vento,

dalla pioggia, dalle orme sulla terra, dal fiume...

   


COS'E' IL TEATRO KABUKI

Il teatro giapponese Kabuki e’ la risposta alla richiesta di una popolazione urbana emergente che desiderava una forma di spettacolo drammatico piu’ popolare del teatro Noh, destinato ad un pubblico aristocratico. “Kabuki” significa “chinarsi in direzione della moda” e ha origine in una cultura moderna in rapida trasformazione. Il Kabuki sintetizza gli elementi del teatro classico, dello spettacolo e delle danze popolari, di antiche cerimonie religiose e persino di spettacoli di burattini. Dopo il 1652 tutti i ruoli femminili furono assunti da attori adulti. Il Kabuki divento’ uno spettacolo sfarzoso ed elettrizzante che emozionava con straordinari suoni e immagini. Gli attori erano amati e idolatrati dal pubblico (anche se posti al livello più basso della societa’). L e stampe, manifesti, affissi raffigurano gli attori piu’ famosi nei ruoli che gli avevano portati al successo. Il Kabuki fu un’esperienza visiva : per gli sfarzosi costumi, il trucco mirabolante, le fantastiche scenografie che l’Ukiyo-e meravigliosamente rappresentarono.

Shoraku (1794-1795) fu un grande pittore ed illustratore.

      

GEY PIN ANG

Il percorso professionale dell’attrice Gey Pin Ang (Singapore) è decisamente unico. Paradossalmente, la sua scelta di vivere e lavorare lontano dalla sua terra d’origine è fortemente basata sul suo interesse nel recupero delle proprie radici culturali cinesi. L’apprendistato di Gey Pin nel teatro è cominciato nella nativa Singapore nel 1986. Si è laureata presso il Dipartimento di Teatro dell’Università delle Hawaii nel 1992. Ha sviluppato ricerche su antichi testi cinesi, canti tradizionali, percussioni e taichi, contestualmente alla co-fondazione e direzione artistica del Theatre OX (1995-2006).

Come ex-membro del Workcenter of Jerzy Grotowski and Thomas Richards (Italia), Gey Pin è stata l’attrice principale nel Progetto The Bridge: developing theatre arts, One breath left (1998-2002) e in Dies Irae: il mio impossibile Theatrum Interioris Show (2003-2006).

Ha recitato e insegnato a livello internazionale. Recentemente, è stata Artista Residente e Istruttore Ospite presso la Wesleyan University, U.S.A. (autunno 2006). Fra i suoi lavori recenti ricordiamo By The Way. Dal febbraio 2007 è stata Artista Residente  presso La Barbagianna a Pontassieve (Firenze) con il musicista Nickolai D. Nickolov, dove ha presentato lo spettacolo Il Canto del Cammino (giugno 2007).


Foto allegate

Gey Pin Ang 1
Gey Pin Ang 2
Gey Pin Ang 3
Articoli correlati

  Alessandra Borsetti Venier: L’albero di Natale più bello. (Racconti di Tellusfolio per le feste)
  Alessandra Borsetti Venier: I “Nevrotici metropolitani” di Metzler ad Assisi
  Alessandra Borsetti Venier: Poggiali Berlinghieri in mostra a Firenze con i suoi paradossali “Audioritratti”
  Laura Trevini Bellini: Ancora su Vanessa Beecroft. Galleria Minini, Brescia
  Alessandra Borsetti Venier. La Bohème, commentata da Stravinsky a primavera
  Alessandra Borsetti Venier: La Barbagianna inaugura la XVII Rassegna “Incontri d’Arte”
  Alessandra Borsetti Venier intervista Gillo Dorfles
  Alessandra Borsetti Venier: Adriana Dadà e le “Barsane”
  Bambine israeliane scrivono sulle bombe per i palestinesi
  Alessandra Borsetti Venier intervista Paolo Crepet
  Emigrazione-notizie. E la sua difesa degli attivisti per la pace a Gaza
  Alessandra Borsetti Venier: Le "palle" di Natale.
  Alessandra Borsetti Venier: Arte ambientale, il "Muro di Baj" a Pontedera
  Alessandra Borsetti Venier: Teatro, comunque. In un libro la storia dei “Chille de la balanza”
  Alessandra Borsetti Venier intervista Deva Wolfram
  Alessandra Borsetti Venier: L’editoria italiana e il boom del romanzo
  Oggetto LIBERo. Il libro d'artista in Italia tra produzione e conservazione. Morgana Edizioni Firenze.
  Alessandra Borsetti Venier: “Kufia, canto per la Palestina”
  Alessandra Borsetti Venier. Bei ricordi di Natale
  Alessandra Borsetti Venier: Donne e resistenza globale
  Alessandra Borsetti Venier. “Babbo cos’è il mondo?”
  Alessandra Borsetti Venier: Achtung... l’arte potrebbe essere una trappola
  Alessandra Borsetti Venier: Angela Chiti “a occhi chiusi”
  Alessandra Borsetti Venier: A Firenze riapre “Villa Romana” fondata da Max Klinger nel 1905
  Alessandra Borsetti Venier: ArteMobile da Kassel a Firenze
  Alessandra Borsetti Venier: Metzler e i suoi “Nevrotici Metropolitani”
  Liù, mon amour. In viaggio con Giacomo Puccini
  Doriana Goracci: Riflessioni finita l’epifania… che le bombe non porterà via.
  Alessandra Borsetti Venier. Angela Chiti con i suoi “Passi sospesi”
  Alessandra Borsetti Venier. Sogni d’oro, Natale in similoro
  Federazione Anarchica Italiana: Per la pace, per l'autodeterminazione del popolo palestinese
  Boicottare i prodotti di Israele finché opera il genocidio? Indagine sull’economia che dirige politica e bombe.
  Alessandra Borsetti Venier: Firenze notte per finestra sola. Foto di sfuggita - 1
  Doriana Goracci: NO al fascismo militare israeliano. Roma. La Libertà non striscia
  Alessandra Borsetti Venier: Arte ambientale, la Fattoria di Celle di Giuliano Gori.
  Alessandra Borsetti Venier: Come raccontare la realtà indicibile?
  Alessandra Borsetti Venier: Carla Cerati in mostra a Firenze per “Ottobre mese della salute mentale”.
  Alessandra Borsetti Venier: L’artista Pippa Bacca è stata uccisa
  Alessandra Borsetti Venier: Il Pianeta Poesia è a Firenze
  Alessandra Borsetti Venier: Vanessa Beecroft a Venezia
  Alessandra Borsetti Venier: Il Ritratto d’ignoto di Antonello da Messina a Firenze? (Parte seconda)
  (R)Esistenze il passaggio della staffetta. Donne e Resistenza. Morgana Edizioni Firenze
  Alessandra Borsetti Venier: Magis poesie opere e racconti dedicati a Maestre e Maestri
  Alessandra Borsetti Venier: Gianni Dorigo presenta “Multisala” alla Barbagianna
  Alessandra Borsetti Venier: Il sentimento del sacro nelle Cinque Terre
  Alessandra Borsetti Venier: a Firenze “Voci lontane, voci sorelle” VI Festival internazionale di poesia
  Lorenzo Mari: "Aiuterebbe". Poeti sotto la neve 8
  Alessandra Borsetti Venier: XXII Rassegna “Incontri d’Arte”
  Firenze. Al via la XXVI Rassegna internazionale “Incontri d’Arte”
  Istituzioni/ Alessandra Borsetti Venier. La Barbagianna partecipa alla Giornata del Contemporaneo
  Alessandra Borsetti Venier. 25 anni di Morgana Edizioni
  XXIV Rassegna “Incontri d’Arte” – seconda parte
  XXIV Rassegna “Incontri d’Arte” – terza parte
  Alessandra Borsetti Venier: Griseldascrittura a Certaldo poesia-musica
  Alessandra Borsetti Venier: XVIII Rassegna “Incontri d’Arte” alla Barbagianna: una casa per l’arte contemporanea
  La Barbagianna. XIX rassegna Incontri d’Arte dall’11 settembre al 30 novembre 2010
  Alessandra Borsetti Venier. XXI Rassegna “Incontri d’Arte” alla Barbagianna
  Alessandra Borsetti Venier: SCARPE ROSSE 1 5 2 2
  Alessandra Borsetti Venier. Enzo Minarelli con Morgana Edizioni ad Artelibro
  Anna Lanzetta: Visita alla Barbagianna di Alessandra Borsetti Venier
  XXIII Rassegna “Incontri d’Arte” seconda parte
  Alessandra Borsetti Venier: “ABBECEDARI per il 2000” alla Barbagianna
  Anna Lanzetta. “Febbre d'amore” alla Barbagianna
  Alessandra Borsetti Venier: XXIII Rassegna “Incontri d’Arte”
  La Barbagianna: XXV Rassegna internazionale “Incontri d’Arte” - prima parte
  Alessandra Borsetti Venier: La Corrispondenza del Tutto
  Alessandra Borsetti Venier: XXIII Rassegna “Incontri d’Arte” terza parte
  Anna Lanzetta: Alla “Barbagianna” con l’arte contemporanea
  Firenze. “Fare arte” è una Festa
  La Barbagianna: XXV Rassegna “Incontri d’Arte” - seconda parte
 
 
Immagini correlate

 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.4%
NO
 25.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy