Martedì , 09 Marzo 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gordiano Lupi. “L’odore amaro delle felci” di Giulio Maffii
11 Novembre 2012
 

Ne L’odore amaro delle felci Giulio Maffii perfeziona il concetto di “atonalità mista”, sua intuizione nata sviluppando un andamento rapsodico della scrittura che sfugge ai canoni perfetti del contrappunto, come bene insegnava Schönberg per la musica. La poesia al pari delle piccole cose offre una possibilità di salvezza, nella certa consapevolezza del dubbio, nella ricerca di vie d'uscita alla sconforto umano e all'inquietudine che turba il vivere quotidiano. Maffii utilizza un linguaggio che Elio Pecora definisce fuoco mite e durevole, dando vita a ritmi e motivi che si snodano e si riallacciano tra loro partendo dall'esergo affidata ai versi di Margherita Guidacci non a caso tratti dal libro Poesie per poeti.

Maffii è un grande studioso e conoscitore della poesia, delle sue regole e dei suoi paradossi: come direbbe Sandro Penna «Io non so più se muoio o se rinasco» e i versi contenuti in questo libro ne sono la riprova. Il libro di rara intensità si snoda in due parti complementari in cui i motivi si sviluppano e si riallacciano tra loro come in una partitura. «Un ritmo fluido, incalzante, a volte sincopato, raramente aspro e pausato. In questo ritmo risiede il fascino di questa poesia decisamente post-montaliana, allineata ai tempi odierni, tutta giocata tra disincanto e tentativo di non perdere le coordinate di un’esistenza che si sente spesso anonima e svilita», come correttamente nota Enrico Cerquiglini.

Un lavoro innovativo che è stato premiato con il prestigioso “Sandro Penna”, nel passato appannaggio delle più importanti voci poetiche contemporanee.

 

Il mondo in tanta parte telchino
non lo sarà mai del tutto
una specie di lutto
in chi si crede grande
e porta in sé la sua rovina
così mi addentro
nella via di fuga
il gioco il tempo il ritmo delle foglie
lasciano semi d’ansia
radici sotterranee
Mi salvo lontano dalla gloria
delle cose effimere
mi salvo nella storia
delle cose piccole

 

Gordiano Lupi

 

 

Giulio Maffii, L’odore amaro delle felci

Edizioni della Meridiana, Firenze 2012


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.4%
NO
 25.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy