Martedì , 24 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Enrico Marco Cipollini. “Il castello di San Michele” di Laura Caputo
29 Ottobre 2012
 

Laura Caputo

Il castello di San Michele

Leucotea, 2012, pagg. 164, € 11,90

 

A p. 8, l’Autrice scrive espressamente nell’avvertenza che sebbene i personaggi e i luoghi del presente romanzo siano ispirati a località ed a vicende accadute, sono parto della sua fantasia. Questo ci dice, de facto, che è un’inchiesta nel vero senso del termine sebbene romanzata con originalità. La nota alla fine del lungo racconto ci conferma quanto detto sopra. La trama è lineare. La narratrice vuol capire che sia veramente la cosiddetta criminalità campana di persona, non per sentito dire. Settimiano è il luogo in cui si apre il romanzo e dove iniziano le sue avventure e disavventure, incontrando la Camorra e incorrendo in minacce di ogni sorta che lasciamo al lettore immergervisi. A differenza del reportage classico, qui si avverte la compartecipazione più che della giornalista (Laura lo è), della scrittrice “realista”, mi si conceda il termine usato in senso lato. L’uso di espressioni dialettali, del vernacolo (lo hanno sparato invece di lo hanno ucciso, etc.), la dettagliata descrizione (quelle viuzze con i panni stesi a sciorinare o all’inizio, digià, come la terra nera «polverosa e spenta come i detriti di fonderia»), quasi minuziosa, ci fanno addentrare nel milieu che la circonda, fatto anche di odori quasi avvolgendo il lettore sensorialmente, oltreché di uomini, i tipi più disparati molti quasi pungolati da una strana complicità e connivenza con le donne di camorra.

Tornano in mente due libri. Uno di Sciascia, Il giorno della civetta, per aver trattato il problema mafioso, l’altro di Carlo Levi, Cristo si è fermato ad Eboli, anche se non parla di mafie. Forse quest’ultimo ci pare più atto: è un Sud lasciato a sé dove lo Stato è sempre stato latitante e tale assenza è divenuta complicità di fatto. A chi si rivolge il cittadino se manca lo Stato? Per il lavoro, per le mancate, seppure da sempre promesse, riforme radicali e strutturali tipiche di una società che si voglia chiamare civile? Non è una giustificazione delle società criminali le quali si basano sullo sfruttamento della prostituzione, del gioco d’azzardo, di riciclo di materiali tossici, di droghe ed armi e di sangue anche di cittadini inermi, innocenti... Quel sapore mellifluo e dolciastro di sangue umano che aleggia nell’aria… è il sangue di migliaia di vite comprese quelle di Peppino Impastato o del giornalista de Il Mattino di Napoli, Giancarlo Siani, per non citare che nomi rimasti impressi nella memoria collettiva. Perché la loro morte? Per non aver taciuto in un clima omertoso, di silenzio costellato di paure e di connivenze. E come fa a restare in piedi, a non esser sgominata qualsiasi associazione a delinquere se non legata alla politica?

E sebbene le forze dell’ordine, con i mezzi non sufficienti a loro disposizione, si diano da fare assieme alla magistratura sana, cambierà forse qualcosa se non si colpisce più radicalmente chi spalleggia le mafie? Perché il boss, di cui parla Laura Caputo, rifiuta di “pentirsi”? Dov’è quella giustizia che la gente normale s’aspetta da enti legali?

Sono solo alcune riflessioni che saltano alla mente, leggendo con attenzione questo snello ed ottimo libro. -Un sentito ad Majora a Laura-

 

Enrico Marco Cipollini


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy