Domenica , 07 Marzo 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Arte e dintorni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Ileana Menghi. Uomo e Montagna: la poesia di Nicola Magrin
'Uomo e Montagna 04', 2011 - acquerello su carta intelata, 76x56 cm 
03 Febbraio 2012
 

Ho visitato l'esposizione di acquarelli di Nicola Magrin, allestita nelle sale della biblioteca di Chiesa in Valmalenco. Nicola è un ragazzo un po' atipico, speciale: un 'cittadino' che passa le vacanze in montagna; le sue però sono vacanze diverse rispetto a quelle che generalmente vivono i ragazzi della sua età. Innanzitutto le passa da solo, alloggiando in una semplice casa di gente del posto. Con i vicini ha un stretto rapporto, una relazione continua di condivisione; per questo conosce tante persone del posto. In special modo lega e si relaziona spesso con le persone di una certa età, che conoscono bene la zona, che ne fanno parte e ne esprimono genuinamente lo spirito. E anche con l'ambiente, il territorio, le montagne ha un intenso rapporto di conoscenza e integrazione.

In questi anni di costante frequentazione è riuscito a osservare le molteplici attività dell'uomo e il suo rapporto con il territorio di mezza montagna. La montagna evoca grandiosità, forza, incombenza, masse sovrastanti; e la vita contadina evoca solidità, vigore, spessore, fatica. La rappresentazione di Nicola di questa realtà contadina e montanara è intrisa, permeata di poesia. L'uomo, dedito alla cura del territorio e degli animali, nella sua concretezza è sospeso nel paesaggio e nello stesso tempo gli appartiene interamente.

Sicuramente la tecnica dell'acquarello rende la composizione leggera, attutita, ricca di luce. Nicola descrive paesaggi e persone con grande delicatezza, con tanta luce, con spazi aperti; i personaggi e le figure rappresentati sono immersi e fanno parte di queste atmosfere sospese, a volte oniriche.

Una vera poesia per gli occhi e per l'anima, trasmettono un senso di pace, di calma. L'uomo immerso nel suo ambiente è un tutt'uno con esso, chiuso in un delicato equilibrio.

 

Ileana Menghi

 

 

Nota: In occasione dell'esposizione (3 dicembre 2011 – 31 gennaio 2012), l'Unione Lombarda dei Comuni della Valmalenco ha pubblicato un buon catalogo, Nicola Magrin: La montagna dentro. Passioni Memoria Sensazioni, con una intervista all'artista di Elisabetta Sem, da cui sono tratte le immagini qui proposte.


Foto allegate

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.6%
NO
 25.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy