Venerdì , 01 Luglio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > L'ultimo dei milanesi
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
L’ultimo saluto alla leonessa 
di Mauro Raimondi
05 Novembre 2011
 

È stata la prima donna appassionata di calcio a raccontarsi. Meritando pure, con il suo Tifosa e basta c’era una volta (Sedizioni, 2008), un premio speciale al Bancarella Sport, la massima manifestazione letteraria sportiva in Italia.

Donatella Evangelista ci ha lasciato a settembre. I lettori di questa rubrica l’avevano conosciuta nel febbraio scorso, quando venne recensito Pape Milan Aleppe (Sedizioni, 2010), un volume che raccoglie il meglio della letteratura dedicata al Milan (comprendente Alfonso Gatto, Luciano Bianciardi, Oreste del Buono, Primo Levi e molti altri grandi nomi). L’autore, Sergio Giuntini, autorevole membro del Consiglio Direttivo della Società Italiana di Storia dello Sport, citò espressamente il libro di Donatella dedicandole queste osservazioni: «Le donne vanno allo stadio, tifano e strepitano non unicamente per compiacere fidanzati e mariti. A tale comunità non separata, ma pur tuttavia diversa, appartiene la Evangelista: e questa identità, il suo punto di vista femminile o femminista, costituisce un importante arricchimento per la cultura curvaiola del calcio. Aiuta a comprendere meglio, anche in tutta l’irrazionalità che supera le barriere naturali del sesso, le ragioni del sopravvivere d’una passione che persiste e supera, nonostante tutto, qualunque crisi economica, morale, politica».

In Tifosa e basta c’era una volta Donatella narrava la sua vita da tifosa rossonera, all’interno di quella Fossa di cui, per tutti, lei era la leonessa per la sua incredibile capigliatura nera, ma anche perché fu tra le prime (o forse la prima) donna ad avere in tasca la tessera del primo club ultrà della storia del tifo italiano. A questo proposito, lo scioglimento della Fossa dei Leoni avvenuto nel novembre 2005 fu per lei (e per molti altri) un vero trauma. Intervistata a riguardo, la sua risposta fu un sincero, profondo epitaffio: «La voragine non la riempi… Senza quello striscione che sprigionava magia e metteva i brividi, senza quel gruppo, non solo la curva sud non è più la stessa, ma anche l’intero stadio. E secondo me vale pure per il Milan; l’ho scorta e percepita in tante cose, questa sensazione, perfino da non poca gente che non ha mai avuto nulla a che spartire… quelli dei rettilinei… quelli tranquilli… quelli seduti comodi che guardano la curva sud con un occhio di diffidenza e uno di curiosità… Rimangono, nelle persone che al Leone hanno voluto bene davvero, quei valori di gruppo, amicizia, semplicità, serietà e onestà: insomma, i valori della Fossa. Tutto questo, non lo cancelli MAI». Principi che Donatella aveva ben radicati dentro di sé. Così profondamente, da restare spesso ferita quando non li incontrava negli altri.

Nel libro, però, non si parlava solo del Milan, delle sue vittorie e sconfitte. Perché Accia (uno altro suo affettuoso soprannome derivato da linguaccia, visto che quando doveva dire le sue idee non si nascondeva di certo…) “utilizzava” il calcio per raccontarsi senza omissioni, con quella sincerità che aveva come dono (e talvolta come condanna). E così, tra le pagine emergeva l’infanzia di una figlia della periferia milanese (era attaccatissima alla “sua” Gorla-Turro, dove crebbe); la sua famiglia (con il padre sarto) e il suo Berto, l’uomo per cui diventò ragazza madre felice di esserlo; l’amata figlia Alice, per un certo periodo promettente tennista; i suoi amici e il suo culto dell’amicizia; la sua collaborazione con Radio Popolare; il suo animalismo. E poi, le gioie e le tristezza di un’esistenza comune.

Il testo, inizialmente autoprodotto e poi “scoperto” dalla casa editrice, riscosse un certo successo. Tuttavia Donatella, che per iscritto non perdonava mai nulla a nessuno, non volle mai presentarlo. “Dura e pura”, e orgogliosa di esserlo, senza peli sulla lingua (anche se poi era capace di farsi perdonare, perché ai suoi amici voleva un mondo di bene) via mail o in privato, in pubblico era invece piuttosto riservata, tanto da nascondersi sempre dietro una paio di occhiali scuri. Dentro di sé era contenta dell’attenzione che aveva suscitato, ma non voleva apparire, parlare davanti agli altri. Rifiutava il ruolo dello scrittore che si mostra ai lettori, non le interessava. Forse perché pensava che tutto quello che aveva voluto dire era già sul libro, e non bisognasse ripeterlo. Forse perché detestava ogni retorica, ogni enfasi.

Ed è proprio così, che abbiamo voluta ricordarla.

Anche se abbiamo il cuore gonfio di lacrime.


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.1%
NO
 24.9%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy