Martedì , 17 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Orecchio acerbo: L’autobus di Rosa 
Di Fabrizio Silei con le illustrazioni di Maurizio A.C. Quarello. In libreria dal 20 settembre in Italia, Portogallo, Spagna, Francia, Germania, Grecia, Brasile
15 Settembre 2011
 

Fabrizio Silei

L’autobus di Rosa

illustrazioni Maurizio A.C. Quarello

Orecchio acerbo, pagg. 40 a colori, € 15,00

 

Rosa. Rosa Parks. La sua storia non è conosciuta quanto dovrebbe, quindi benvenuta ogni occasione che permetta di parlare di lei. Sopra tutto ai ragazzi. Ma Fabrizio Silei e Maurizio A. C. Quarello hanno fatto di più. Alla storia di Rosa hanno affiancato quella, inventata ma assolutamente verosimile, di un anonimo protagonista di quella lotta contro la discriminazione razziale. Dapprima non solo titubante ma ostile, in ogni modo cerca di convincere Rosa a desistere. Poi le ragioni e il diffondersi della protesta indurranno lui -e come lui migliaia e migliaia di persone- a superare paure, ansie, incertezze e, divenendone protagonisti, a dare al movimento quella forza che lo porterà al successo. Trascorsi gli anni, di quella vicenda quell’anonimo protagonista vuole parlare al nipote. Senza nascondere, anzi sottolineandolo, il ruolo meschino e pavido che lui ebbe in quell’evento che sarebbe passato alla storia.

 

Detroit. Henry Ford Museum. Mattino inoltrato. Su di un autobus d’altri tempi, al centro di un grande salone, sono seduti un vecchio afroamericano e un ragazzino, il nipote. È l’autobus di Rosa Parks, quello sul quale, a Montgomery in Alabama, lei si rifiutò di cedere il posto a un bianco.

La storia il vecchio la conosce bene: su quell’autobus, quel primo dicembre del 1955, c’era anche lui, seduto proprio accanto a Rosa. E comincia a raccontare. Di quando nelle scuole c’erano classi per bianchi e classi per neri; di quando nei locali pubblici, proprio come ai cani, era vietato l’ingresso alle persone di colore e agli ispanici; di quegli uomini incappucciati di bianco che picchiavano, bruciavano, uccidevano.

Il bambino sgrana gli occhi incredulo, il vecchio è commosso. Ma non è tanto il dolore di quei ricordi a bruciargli, quanto la memoria di quel primo dicembre. Di quando non solo non assecondò il rifiuto di Rosa, ma di tutto fece per distoglierla. L’autobus della storia gli era passato accanto e lui non c’era salito.

 

 

Fabrizio Silei è nato a Firenze nel 1967. Scrittore di saggi, romanzi e racconti rivolti a bambini e ragazzi, si dichiara “ricercatore di storie e vicende umane”, non riuscendo a dimenticare gli anni passati a lavorare, come sociologo, su identità e memoria. Esperienze che si riversano nei suoi libri. Il negazionismo della Shoah è al centro del romanzo Alice e i Nibelunghi (Salani), l'unico lavoro italiano finalista al Premio Unicef di letteratura per i diritti dell’uomo e del bambino, nel 2008, e nel 2009 vincitore del Premio “Mariele Ventre”, ex aequo con Silvia Roncaglia. Il mondo in disfacimento dei balilla è lo sfondo del suo ultimo romanzo, Bernardo e l'angelo nero (Salani). È anche creatore di magici giochi di carta in forma di libro che gli hanno valso, nel 2007, il Premio speciale per la sperimentazione iconica e la ricerca espressiva; nel 2008 e nel 2009 la menzione speciale a Lucca Junior (“Lucca Comics”) e, sempre nel 2008, la selezione alla Fiera del libro di Torino.

 

Maurizio A.C. Quarello è nato a Torino nel 1974. Ha avuto numerosi riconoscimenti fra cui il “Premio Nazionale Fiaba Illustrata”, il “Prix de Mèdiateurs Figures Futures” di Montreuil e il “Premio Scarpetta d’oro”. Dopo essersi trasferito a Cesky Krumlov nella Repubblica Ceca, da quest’anno è tornato in Italia, a Macerata, dove vive e lavora. È oggi uno fra gli illustratori più affermati in Europa e ha illustrato moltissimi libri in Spagna e in Francia, dove collabora con le principali case editrici fra cui Milan, Sarbacane e Rouergue. Il suo penultimo libro uscito in Italia è L’albero di Anne di Irène Cohen-Janca, che si è classificato secondo al “Premio Letteratura per Ragazzi Fondazione Cassa di Risparmio di Cento” e si è aggiudicato il Premio “Libro per l'Ambiente” 2011, miglior coerenza grafica-testo. Nel catalogo di Orecchio acerbo, inoltre, Effetti collaterali (2011), Toni Mannaro di Manuela Salvi (2006) e Babau cerca casa (2005), il suo libro di esordio nel mondo della letteratura per l’infanzia.


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy