Sabato , 06 Giugno 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Nikla Cingolani. Marco Poeta e il suo “Fado 'n Blues” 
Prossima data Sabato 23 luglio a Smerillo (FM)
Marco Poeta (foto di Mirco Fontanella)
Marco Poeta (foto di Mirco Fontanella) 
21 Luglio 2016
   

È stato presentato in anteprima nazionale, sabato 16 luglio a Caldarola e domenica 17 luglio al Foro Annonario di Senigallia, il nuovo progetto di Marco Poeta dal titolo “Fado 'n Blues - Quando il blues s'incontra con il Mediterraneo”. Un live unico nel suo genere dove lo spirito blues s'incrocia con il fado di Lisbona e il nostalgico canto della Grecia Salentina.

«Immagina una linea che parte dall'America, passa per il Portogallo, attraversa lo stretto di Gibilterra e arriva nel Mediterraneo. In questo viaggio itinerante ho messo anche il fado perché la mentalità, il modo di pensare, di mangiare e di vivere del Portogallo, sono caratteristiche tipiche della cultura mediterranea. Il fado ri-arrangiato in chiave blues nella versione elettrica, finisce nel Salento e incontra il Mediterraneo». Così l'autore spiega la scelta di unire queste suggestioni musicali: «Non è una forzatura ma una cosa naturale. La canzone napoletana è quasi simile al fado, basta dire che Amalia Rodrigues ha cantato con Murolo e il blues è una sofferenza che ricorda le nenie del Salento».

Marco Poeta è uno dei chitarristi italiani più sensibili, di grande tecnica, dotato di un virtuosismo che pochi possiedono e un entusiasmo contagioso. Da anni è cultore del fado, la musica dell'anima portoghese alla quale ha dedicato diversi progetti come l'Accademia del Fado e la Casa del Fado. A questo genere si è avvicinato per la prima volta a 18 anni quando, senza sapere cosa fosse e chi, comprò un disco di Amalia Rodrigues probabilmente attirato dall'immagine di questa straordinaria interprete, bella e affascinante. Il secondo incontro avvenne nel 1998 quando con Franco Foschi, l'allora presidente del Centro Nazionale di Studi Leopardiani, arrivò in Portogallo per divulgare il progetto “Leopardi nel mondo” e le traduzioni in portoghese dei versi leopardiani. Durante la sua visita vide per la prima volta la chitarra portoghese. Ne fu talmente affascinato che volle seguire le lezioni del maestro Antonio Chainho, famoso a livello internazionale per essere uno dei più grandi esecutori di fado. Da lì in poi Marco ha divulgato il fado ovunque suonasse, ed è stato capace di coinvolgere grandi personaggi della musica come Eugenio Finardi, Francesco di Giacomo, Lucio Dalla solo per citarne alcuni. È l'unico ambasciatore italiano di questo genere musicale, tanto da essere riconosciuto dai portoghesi come un vero fadista. Non è cosa da poco se pensiamo che il fado è la musica della saudade, il sentimento tipico lusitano “blasone della sensibilità portoghese” come lo ha definito il filosofo Eduardo Lourenço, intraducibile nelle altre lingue poiché non esistono termini adeguati. Per Marco la saudade è un “dondolarsi” tra il ricordo di aver gioito in tempi che non torneranno più e la pena di non poter godere della stessa gioia nel presente. Ma la vera origine del fado è il mare e “ogni molo è una nostalgia di pietra”, fa dire Fernando Pessoa ad Alvaro de Campos, uno dei suoi eteronimi. Nella musica del fado possiamo ritrovare il ritmo delle onde e il dondolio del desiderio dell'oltre e l'ansia di avventura. Marco Poeta, un destino segnato dal cognome, nato a Recanati città della poesia e del canto, per capire la saudade ci invita alla lettura dell'Infinito, il famoso idillio di Giacomo Leopardi. Nella frase di chiusura il naufragar m'è dolce in questo mare” il Poeta, unendo l'infinità al male dell'essere, s'inabissa dolcemente nell'eternità e nel piacere del nulla.

La prossima tappa del tour è prevista per Sabato 23 Luglio alle ore 22 a Smerillo (FM), poi toccherà alcune piazze del Triveneto e della Puglia. Con Marco Poeta (chitarra elettrica) si esibiranno Maurizio Scocco (basso), Gianluigi Mandolini (batteria), Marco “Marumba” (Hammond Organ), Lucio Matricardi (piano), Toni Felicioli (sax), Frida neri (voce) e Roberto Licci (voce).

 

Nikla Cingolani

 

 

»» Qui l'intervista con Marco Poeta (Radio Erre, 18 luglio 2016)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.6%
NO
 25.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy