Sabato , 11 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Lanciotti. Pasqua a Roma, a ognuno le sue stazioni
06 Aprile 2012
 

Venerdì Santo, a ognuno le sue stazioni. Il Papa stasera celebra la Passione di Cristo al Colosseo, e migranti africani e dipendenti licenziati hanno fatto la loro via crucis oggi intorno a mezzogiorno alla stazione Termini. «Tutti noi rifugiati in un camper da otto mesi, no mangiare bene, no vestiti, no documenti» dice Daniel, nigeriano da cinque anni in Italia. «Per noi c’è problema per venire in Italia, tu paghi tasse per avere documenti, con nuova legge tu devi pagare 200 euro alla posta. Noi pagare questa tassa, tu non dai documenti, perché? Un altro problema è questo: quando noi siamo andati in Commissione per noi di colore hanno detto negativo, per migranti bianchi sì ai documenti. Che è successo? Noi stanchi, la vita non cammina bene. A casa non puoi mandare aiuto, no soldi, no niente, noi stare in Italia come in Africa». La manifestazione “per rivendicare i diritti dei migranti” non era autorizzata e il folto gruppo di giovani migranti rivolto verso via Giolitti fronteggiava in silenzio gli agenti della polizia schierati a ventaglio. Ma la tensione era alta da entrambe le parti, la scintilla pronta a partire.

Dall’altra parte, davanti all’ingresso della stazione, si svolgeva in contemporanea la manifestazione organizzata da CGIL, CISL e UIL contro il licenziamento di 43 lavoratori da parte dell’azienda Autogrill, una multinazionale che conta al suo attivo oltre 60 locali dislocati su Roma e paraggi. «Riteniamo ingiustificati questi licenziamenti e abbiamo richiesto all’azienda la ricollocazione dei lavoratori negli altri 62 ristoranti presenti a Roma o in alternativa la cassaintegrazione in deroga», spiega il segretario regionale della CGIL Gabriele Simoncini. «E l’azienda in tutti e due i casi ha risposto con un netto rifiuto, dimostrando la volontà di licenziare e basta». E magari «preferisce liberarsi di lavoratori con contatti stabili per fare posto a lavoratori utilizzati in forma precaria», come si può leggere sul volantino distribuito dai manifestanti. Bandierine e fischietti che sembrava una festa ed era invece l’ennesimo crollo di tante famiglie.

Da una parte un corpo giace, piedi nudi e neri dello sporco grasso di città, abbandonato lì come un fagotto dimenticato, una massa di stracci che respira appena e ti fa vergognare di questa società disumana.

 

Maria Lanciotti


Foto allegate

Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy