Domenica , 12 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
La Seconda Lettera al Mondo 
(nel tempo della pandemia, del coraggio e della speranza)
08 Aprile 2020
 

In questo periodo drammatico, in cui tanti esseri umani perdono la vita, i più deboli sono in grave difficoltà e tutta l’umanità è costretta a dolorosi sacrifici, un gruppo internazionale di poeti (che sono anche attivisti umanitari) invia una seconda lettera in versi ai governi del mondo e alle istituzioni internazionali. La lettera chiede a tutti di ricordare le vittime e i martiri del virus, ma anche di salvaguardare, in vista di un futuro migliore, i diritti umani e le libertà.

 

 

La Seconda Lettera al Mondo

 

Alziamo un canto funebre e un canto alla vita
da dentro mura che non hanno uscita,
da dietro confini di paura.

 

Ah, non avremmo mai pensato
di abbandonare il giorno
a ciò che avrebbe riservato la notte,
di vivere divisi da una rete di linee
di cui non vediamo l’origine né il termine.

 

Chiuderci nell’angoscia
vasta come un deserto freddo e lontano:
no, non l’avremmo mai pensato.

 

Alziamo un canto funebre e un canto alla vita
per chi si è spento da solo,
senza conforto, sotto mani di gomma
e maschere di impavidi infermieri,
di medici tenaci come guerrieri.

 

Alziamolo verso cieli bianchi
insieme ai sopravvissuti
che lentamente tornano a casa
e giuriamo di non dimenticare
chi ha protetto la vita fino alla morte.

 

Alziamolo per l’Ecuador
che non riesce a seppellire i morti,
per l’Iran, le cui fosse comuni
si vedono dal cielo,
per l’Africa che trema, già battuta
dai venti fatali di germi, sete e fame,
per chi coltiva i semi della speranza
e per chi non ne ha più.

 

Cantiamo, sogniamo come l’uomo della pietra
il domani senza i morti sulla pira,
che la solitudine sia la cura
per stanare il nemico che respira
approfittando del corpo stanco
di una sequoia, o di un giovane fuscello.

 

Sì, cantiamo dalle nostre finestre, dai nostri cuori,
sogniamo, come i giusti, che i potenti
si mettano al servizio dei deboli
e abbiano cura delle vite di tutti,
ma anche delle libertà che abbiamo conquistato
con un coraggio e un dolore millenari.

 

Alziamo un canto dalla quarantena,
assediati da un nemico segreto,
ricordando chi era vivo ed è morto
perché nei campi del mondo
nascono fiori e virus mentre gustiamo
il sapore sublime degli istanti.

 

Alziamo un canto funebre e un canto alla vita
senza smettere, finché avremo voce,
perché è chiaro che ritorneremo liberi.


Avremo la libertà e la forza di chi è rimasto in piedi,
quando non ci saranno più corpi sulla pira
e avremo ancora il dono di ricordare;
troveremo le parole giuste per pregare
che tutto rinasca ancora,
in un tempo migliore.

 

Roberto Malini, Isoke Aikpitanyi, Alatishe Kolawole, Antonella Rizzo, Dario Picciau, Glenys Robinson, Steed Gamero, Skylar, Daniela Malini (I Poeti della Lettera)

 

EveryOne Group

International organisation for Human Rights


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy