Lunedì , 18 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vetrina/ Naming ceremony, Cerimonia del nome 
Settembre con Barolong Seboni ed Elena Merendelli, traduzione di Marisa Cecchetti – 1.
Elena Merendelli
Elena Merendelli 
07 Settembre 2013
 

Naming ceremony

 

In the central hut of the compound

The baby’s cry announces

Her birth to the whole Kgotla1

Proclaiming a new addition

To the Morara clan.

 

After a period of quiet anticipation

The old matriarch enters the hut.

The men are prohibited to come in

Or touch the child,

For they have “warm” feet and hands

Of impurity from visiting

Numerous other compounds

Away from the immediate Kgotla.

 

The old matriarch looks

At the baby knowingly

And addresses her:

Your name is the sucking sound

Of a succulent fruit

As I roll it round my mouth

Until only the pips of its pronunciation remain.

I utter it and the seeds grow

Into a tall, brown family tree, sturdy of stem

With branches that will bear budding fruit.

I, the root, am steadfast

Feeding on the eternal strength

Of our ancestral soil.

 

I name you Moruleng,

Child of my child,

Child of the month

That ripens with the maturity of the year,

Daughter of the month

That yellows and swells

With the fruition of the Morula.2

 

May the pip of its fruit

Not choke us in the swallowing

May the fibres of the flesh

Not stick in our teeth in the eating.”

 

The baby smiles

As she slumbers into the world

Of her ancestors with whom she talks

In the innocence of her sleep.

 

 

 

Cerimonia del nome

 

Nella capanna centrale del recinto

Il pianto della bambina annuncia

La sua nascita a tutto il Kgotla1

Proclamando un nuovo aggiunto

Al clan di Morara.

 

Dopo un periodo di quieta attesa

La vecchia matriarca entra nella capanna.

Agli uomini è proibito entrare

O toccare la bambina,

Perché hanno piedi e mani “caldi”

Impuri di visite

Di numerosi altri recinti

Fuori dall’immediato Kgotla.

 

La vecchia matriarca guarda

La bambina consapevolmente

E le si rivolge:

“Il tuo nome è il suono succhiante

Di un frutto succulento

Quando lo rotolo dentro la bocca

Finché restano solo i semi della sua pronuncia.

Lo pronuncio e i semi crescono

In un alto, scuro albero di famiglia, saldo sul tronco

Con rami che daranno un frutto che germoglia.

Io, la radice, continuo

A nutrirmi della forza eterna

Della nostra terra ancestrale.

 

Io ti chiamo Moruleng

Figlia di mia figlia,

Figlia del mese

Che matura con la maturità dell’anno,

figlia del mese

che imbiondisce e cresce

con il frutto del Morula.2

 

Che il seme del suo frutto

Non ci soffochi nell’inghiottirlo

Che le fibre della polpa

Non ci si attacchino ai denti nel mangiarlo:”

 

La bambina sorride

Mentre entra dormendo nel mondo

Dei suoi avi con cui parla

Nell’innocenza del sonno.

 

 

1 Kgotla: luogo tradizionale di incontro, corte o rione.

2 Morula: un succulento frutto selvatico.

 

 

(Da Nell’aria inquieta del Kalahari, LietoColle, 2010)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy