Domenica , 22 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ Patrizia Garofalo. Serena felicità nell'istante di Nicola Vacca
04 Gennaio 2011
 

«…/ nessuna donna più bella/ vide il giorno dal mare/ levarsi chiaro». Catullo

 

«per fortuna che ci sei/ se penso a tutti coloro/ che non possono più salvarsi».

 

Con questi versi il poeta Nicola Vacca esemplifica la valenza dell’amore, sostanzialità della vita stessa, luogo, spazio, contenitore, scrigno e stanza dell’essere.

Dolore e gioia bevuti a sorsi d’istanti, profumati da un caffè caldo, offerto con amore e rinnovato ri-conoscimento del trovarsi insieme, svelano nel consueto il sentimento rinnovato. «…/ gli si deve voler bene all’amore» scrive il poeta e religiosamente respira nell’istante-vita di una retta nella quale intesse giornalmente la topografia dell’anima. E quanto più ciò avviene con consapevolezza, più diventa sublimazione della unicità del suo amare –riamato in una ritualità spesso silenziosa di gesti che si succedono nel divenire sempre cosciente della complessa ed insieme semplice combinazione di essi.

In questo canzoniere di Nicola Vacca, la parola affaticata dall’esperienza, di cui parlava nel precedente libro, appare catartizzata e quindi gnosi dell’anima, ricca di movenze, semplicemente nuda e senza orpelli intellettuali inappropriati.

Terra di coltura e antica cultura è il sentimento nel suo vivere.

Si decifrano un codice archetipo dell’amore e un impianto lirico che sgretolano il confluire della vita ad una deriva senza delta. «quell’amore grande/ che ci ha svelato le sorti dell’assedio». e ancora «la parola dopo l’amore/ impedisce il baratro».

Archetipo è sentimento di epifanie rinnovate, partorienza, simbiosi e resurrezione anche nel dolore e, dei classici latini e greci riecheggiano le liriche che esternano gli effetti che l’amore produce «ti amo e non smetterò d’amarti/ perché senza la tua bocca/ mi mancherebbe per sempre il respiro». E quando annotta, si vivranno altri istanti che congiungeranno i corpi e all’alba vedranno nuova luce anche nella sofferenza «perché il ventre colmo di disgrazia/ ha in sé la luce…/ se sapremo resistere ad un amore nuovo».

L’amore non necessita di sceneggiatura e anche le parole musicano gesti sostanziali all’agito e alla sua persistenza.

«…/se la carne sazia di desiderio/ cerca la poesia/ è perché abbiamo capito/ che dopo l’amore/ c’è il buio che inghiotte/ ...»

 

Patrizia Garofalo

 

Nicola Vacca

Serena felicità nell’istante

EIF Edizioni Il Foglio, pagg. 100, € 6


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy