Giovedì , 19 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Antonia Pozzi. "Sventatezza", "Periferia in aprile"
Antonia Pozzi (1912-1938)
Antonia Pozzi (1912-1938) 
11 Marzo 2010
 

 

Nata in una famiglia dell'alta borghesia milanese nel 1912 e morta suicida a ventisei anni, Antonia Pozzi è la poetessa di cui proponiamo oggi due componimenti.

Appartenente alla prima generazione di donne frequentanti l'Università in Italia, Antonia era forte di un'ottima educazione: pianoforte, pittura, scultura, tre lingue parlate correntemente, amore per la fotografia, frequentazioni con il gruppo di filosofi allievi dell'insegnamento di Estetica di Banfi, alla Statale. Un clima culturale interessante e propositivo, anche se molto maschile e forte, quasi crudele di cui lei stessa disse: «Mi hanno fatto molto bene perché non hanno avuto pietà».

Le sue poesie, uscite postume nella raccolta Parole, ebbero un immediato consenso, anche se - come spesso accade - parte della critica ne fece una lettura riduttiva di poesia al femminile e di identificazione vita-arte. Montale, a partire da uno scritto del 1945 sul Mondo, rivendicherà per questa poetessa la definizione di «una voce leggera, pochissimo bisognosa di appoggi. Veramente significativa nel nostro tempo». (adp)

 

 

 

SVENTATEZZA

 

Ricordo un pomeriggio di settembre,

sul Montello. Io, ancora una bambina,

col trecciolino smilzo ed un prurito

di pazze corse su per le ginocchia.

Mio padre, rannicchiato dentro un andito

scavato in un rialzo del terreno,

mi additava attraverso una fessura

il Piave e le colline; mi parlava

della guerra, di sé, dei suoi soldati.

Nell'ombra, l'erba gelida e affilata

mi sfiorava i polpacci: sotto terra,

le radici succhiavan forse ancora

qualche goccia di sangue. Ma io ardevo

dal desiderio di scattare fuori,

nell'invadente sole, per raccogliere

un pugnetto di more da una siepe.

 

(22 maggio 1929)

 

 

 

PERIFERIA IN APRILE

 

Intorno aiole

dove ragazzo t'affannavi al calcio:

ed or fra cocci

s'apron fiori terrosi al secco fiato

dei muri a primavera.

Ma nella voce e nello sguardo

hai acqua,

tu profonda frescura, radicata

oltre le zolle e le stagioni, in quella

che ancor resta alle cime

umida neve:

così correndo in ogni vena

e dici

ancora quella strada remotissima

ed il vento

leggero sopra enormi

baratri azzurri.

 

(24 aprile 1937)


Articoli correlati

  Marco Dalla Torre. La filatrice dell’inesprimibile
  ANTONIA POZZI FOTOGRAFA
  Antonia Pozzi. Salii al cimitero di guerra in un pomeriggio nebbioso…
  Spot/ Antonia Pozzi raccontata da Federica Volpe e Adriana Libretti
  L’amore di Antonia Pozzi per gli altri e per il mondo
  Antonia Pozzi. Ti scrivo dal mio vecchio tavolo. Lettere 1919-1938/ 0.
  Spot/ L’opera poetica di Tullio Gadenz
  La regista Marina Spada parla del suo film su Antonia Pozzi: Poesia che mi guardi
  Patrizia Garofalo. Antonia Pozzi e la Poesia della Montagna
  Spot/ AperiPoesia Pavia: sabato 23, con Montagna e Guglielmana
  Poesia al femminile a Morbegno. Antonia Pozzi con Gabriella Rovagnati e Marina Spada
  Antonia Pozzi, Ti scrivo dal mio vecchio tavolo. Lettere 1919-1938
  Antonia Pozzi: il prezzo delle parole
  PoesiaPresente. Per Antonia Pozzi
  Ferrara. A casa Ariosto le Lettere di Antonia Pozzi
  Antonia Pozzi. Parole / Worte & Musica / Musik
  Piero Stefani. Il disagio dell'appartenenza
  Antonia Pozzi. Un Convegno dell'Università degli Studi di Milano e un libro di Gabriella Rovagnati
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy