Lunedì , 12 Novembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
“Gli scomparsi” di Daniel Mendelsohn 
Ricordando la Shoah in occasione del giorno della memoria
26 Gennaio 2008
 

Daniel Mendelsohn

Gli scomparsi

Neri Pozza, Milano 2007, pagg. 722, € 20,00

 

Immaginate d’avere un nonno anziano, dall’aspetto distinto, splendido narratore di storie, di aneddoti familiari impastati con una buona dose di fantasia accattivante. Per di più un nonno che ha molto da dire, essendo vissuto in una cittadina, uno shetl per l’esattezza, fra Polonia e Ungheria negli anni ’20 ed emigrato poi, con quasi tutta la famiglia, ma rimasto orfano di padre, negli U.S.A.

Quasi… e proprio in quel quasi sta il nucleo dell’intreccio di questo romanzo appassionante come sa esserlo la letteratura, a volte, ma con in più la caratteristica di essere storico, biografico, reale.

Con nonno Abraham, infatti, non partì Shmiel, l’unico della famiglia Jaeger a decidere di restare nella propria patria, a portare avanti l’azienda di famiglia, l’unico a rimanere coinvolto nei tremendi e successivi anni del nazismo, nella Shoah e a perdere la vita, insieme alla moglie e alle quattro splendide figlie. Uccisi dai nazisti, questo solo il nonno riusciva a dire, senza aggiungere altro, proprio lui, negli altri casi così prodigo di storie. Troppo forte il dolore, troppo acuto il probabile disagio, forse il senso di colpa, di un sopravvissuto ad un destino…

È Daniel Mendelsohn, classe 1960, a raccontare in questo libro di più di settecento pagine la storia di una ricerca. La ricerca degli scomparsi dalle proprie vite, da quelle di chi rimane, dalla Storia. Iniziato per un forte desiderio di riappropriarsi di una parte delle proprie radici, con la curiosità del ragazzino confidente del nonno, da sempre appassionato di scrittura e perciò deputato a mettere su carta le memorie familiari, il viaggio sulle tracce di zio Shmiel diventerà per Daniel quasi un’ossessione. Famelica l’urgenza di ricostruire gli ultimi attimi di vita dei propri cari, la necessità di sapere come esattamente siano morti.

Saranno molti i personaggi incontrati dallo scrittore, con tanto o poco da dire sulla famiglia di Shmiel, ma sempre con una storia degna di essere raccontata – quando il peso dei ricordi non si riveli insopportabile e imponga silenzi che non si valicano – degna di essere ascoltata, o intuita semplicemente grazie alla delicatezza e disponibilità di Daniel e di quanti lo affiancheranno nel suo viaggio. Saranno molti anche i casi fortuiti che inaspettatamente lo porteranno sulla giusta pista, e tante le partenze da capo, dovute a imprecisioni dei resoconti o alle molte e diverse interpretazioni di quanti, sopravvissuti alla Shoah nella cittadina di Bolechow, verranno a contatto con Daniel e lo aiuteranno nella sua ricerca, scavando nella memoria.

Ma, come sempre avviene, anche in questa storia il viaggio ha senso di per sé, e porterà all’autore la conoscenza di qualcosa che non aveva messo in conto: di piccole tracce di vita, anziché e non solo di morte. Piccoli accenni al carattere dell’uno e dell’altra di quei suoi zii e di quelle care cugine per sempre perse. Un libro epico, commovente, una storia che piano piano appassionerà i lettori, quasi con la suspense di un giallo; sia quelli strettamente attenti all’argomento delle persecuzioni naziste, sia coloro i quali amino conoscere il passato, non dimenticare chi li ha preceduti, celebrare il ricordo della vita.

Così anche a questi lettori diverranno familiari i nomi di Shmiel, Ester, Lorka, Frydka, Ruchele e Bronia, di quei sei su seimilioni di ebrei che perirono durante il nazismo.

Al di là dell’ovvia considerazione che il loro destino sia rappresentazione simbolica di tutti gli altri, pur dipanandosi la storia da una drammatica vicenda famigliare, il libro di Mandelsohn ha un altro pregio: quello di diventare testo erudito, ricco di argomentazioni sull’interpretazione delle parashot (le letture settimanali della Thora) al fine di spiegarsi per quanto possibile l’esistenza nel mondo del bene e del male e di indagare il mistero dell’intervento di Dio nella storia; la Genesi, il peccato tra fratelli ossia la storia di Caino e Abele, il diluvio voluto da Dio, la distruzione di Sodoma e Gomorra… sono solo alcuni dei racconti sacri su cui l’autore si sofferma, suggerendo e comparando testi e interpretazioni e facendo interessanti parallelismi col tema della vicenda narrata.

 

Annagloria Del Piano

(per 'l Gazetin, febbraio 2008)


Foto allegate

Articoli correlati

  “L’oro di Milcik”. Un concerto per la Giornata della Memoria 2009
  Giornata della Memoria: Le vostre orme leggere
  Vetrina/ Roberto Malini. In morte di Shlomo Venezia, testimone della Shoah
  I giovani ricordano la Shoah
  Donazione di una foto firmata da Gino Bartali dall'Italia al Museo Yad Vashem
  L’8 giugno alla Rocca di Sassocorvaro inaugurazione della mostra “Artisti dell’Olocausto"
  Festival Fare Memoria 2016
  L’artista santhiatese Ennio Cobelli dona al poeta Roberto Malini la sua opera “Holocaust”
  Giorno della Memoria 2016: poeti e musicisti a tavola con Anne Frank
  Ricordando con Primo Levi l'orrore dell'Olocausto nazifascista degli ebrei
  Giorno dell’Indipendenza di Israele a Vercelli
  Eugenio de' Giorgi. “Affittasi monolocale zona Ghetto” con il Teatro Olmetto
  Roberto Malini. Il 18 settembre 1926 è nato Joe Kubert, genio del fumetto
  Biblioteca della Valchiavenna. La Shoah in casa
  Ionne Biffi. Gusen: infanzia negata
  Una poesia di Roberto Malini dedicata ad Anne Frank
  Vincenzo Donvito. Reato di negazionismo? Reato di opinione!
  Shoah: tavole rotonde, commemorazioni, concerti per ricordare
  In libreria/ Susanne Raweh. La storia della nonna bambina
  Milano. Il radicale Lucio Bertè rende omaggio alle vittime della Shoah nel cimitero “ad Martyres”
  Pietre in cui inciampa la coscienza: i “Stolpersteine”
  Vetrina/ Paola Mara De Maestri. Poesie per non dimenticare
  EveryOne Group. Donazione di Roberto Malini a favore del Museo della Shoah di Roma
  Lidia Menapace. Sull'ignoranza religiosa
  L’ultima stazione. Per non dimenticare al Teatro Laboratorio
  Vetrina/ Patrick Sammut. Giorno della memoria
  Federica Bonzi, Enrico Marco Cipollini. Memoria, memorie...
  Doriana Goracci: Giornata della Memoria con Gaza e Lucca nel tempo storico presente
  Matteo Moca. “Shoah”, Lanzmann e la memoria
  Arvangia. Dare voce alla memoria che tace…
  Erveda Sansi. Ricordare per conoscere
  SHOAH RIFLESSIONI & OMAGGI
  Roberto Malini. Il 20 settembre 1992 è morto Kadish, artista e testimone della tragedia umana
  Yom HaShoah. Dall'Italia in regalo la App che ricorda Helga Deen e l'Olocausto
  Giornata della Memoria a Vercelli: le donne della Shoah
  Il 19 aprile è "Yom HaShoah", il Giorno della Shoah
  Ricordando con Joyce Lussu la Shoah
  Gli ebrei sotto il regno sabaudo - incontro a Santhià (Vercelli)
  TEREZIN: frammenti di vite in attesa dello sterminio
  Esther Ettinger. Una scala di filo spinato, deserta di ali
  Guido Bedarida. Per il Giorno della Memoria
  Gigi Fioravanti. Giorno della memoria. Domande
  La ragazza con la fisarmonica
  Milano, binario 21
  Arcigay Arezzo per la Giornata della Memoria ricorda l'Omocausto
  Liceo Ceccano. Giornata della Memoria 2009
  Enrico Peyretti. Memoria della com-passione
  Benedetto Della Vedova. Fame... iraniana
  Roberto Malini. È morto Wiesel
  Anne in the Sky: un grande messaggio di pace
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.3%
NO
 26.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy