Martedì , 14 Agosto 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Dialogo Tf
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Federica Bonzi, Enrico Marco Cipollini. Memoria, memorie...
Antonello Silverini,
Antonello Silverini, 'Gli storici del negazionismo', 2012 (Ill. La Lettura 'Corriere della Sera') 
02 Febbraio 2014
 

27 gennaio, la “giornata della memoria”: citazioni e fotografie a commemorare l'orrore consumato negli anni della seconda guerra mondiale. Ricordi certamente sentiti e partecipati, seppure rituali, ripetitivi e a mio avviso un po' retorici. La memoria, se si vuole, è quotidiana e non mi piacciono le celebrazioni. So come tutti delle sofferenze patite dagli ebrei che non si racchiudono semplicemente in questa parola. Sono state privazioni, umiliazioni, cancellazione sistematica della persona, sperimentazioni orribili. Tutto questo diviso con rom, omosessuali, disabili secondo una visione che prevedeva gli ultimi. L'imperfetto è voluto perché vorrei dire di nuovi ebrei secondo il termine “ultimi”. Sono esistiti altri olocausti, e vado a memoria riferendomi agli armeni, uccisi a milioni, ai curdi, all'apartheid, ai dissidenti nei gulag, ai desaparecidos in Argentina e in Cile, prima ancora nella Grecia dei colonnelli. Più recentemente abbiamo visto la strage nel mercato di Sarajevo e i campi di concentramento in Bosnia-Erzegovina, senza dimenticare Guantanamo, le extraordinary renditions e chissà quanto altro sto tralasciando. Ci sono molti modi di essere ebrei, intendendo con questo “ingiustamente discriminati”. Non voglio certo circoscrivere la religione ebraica, una delle tre religioni monoteiste che trova la sua ragione lontano nei millenni, alla sola per quanto durissima, disgraziata sorte subìta nel secolo scorso. Esistono oggi nuovi ebrei e sono i migranti che intraprendono viaggi che sanno pericolosi eppure si consegnano alla sorte che coraggiosamente sfidano, sono i migranti che trovano un nuovo battesimo nell'acqua che li risucchia, sono i migranti trattenuti come carcerati nei centri di accoglienza dove la parola “vivere” suona come ossimoro tra acqua e piscio, sono i migranti che si cuciono la bocca, sono i migranti che arrivano da noi spinti da noi, da politiche e guerre di cui ci sfugge senso e a volte conoscenza, noi terra d'obbligo per confini ma terra da cui vorrebbero partire e non li lasciamo andare. Sono buoni, cattivi, intelligenti o no, onesti, furbi. Nient'altro che lo specchio di ogni società, ma noi che viviamo tanta disonestà, ci arroghiamo il diritto di accoglienza e che accoglienza! Non voglio dimenticare i nuovi poveri, persone che senza più lavoro o possibilità di trovarne altro, sono spinti alla carità se sono fortunati o a infoltire demograficamente la schiera dei senza tetto con cartoni di contorno ad abbellire la nuova casa. L'ultimo pensiero, ma non nei miei pensieri, ai palestinesi. Israele è nato su un tavolo di trattative nel 1948, in una posizione geografica avversa per tenere politicamente conto delle origini. Ma la memoria vale per tutti. So che essendo una famiglia ebrea è consigliabile salire su autobus diversi, so che la vita è difficile, impensabile per noi, ma non è facile nemmeno per una generazione o forse due che dall'altra parte non sa che significhi la parola “pace”. Gesù era palestinese. Shalom

 

Federica Bonzi

 

 

 

Le commemorazioni, le riabilitazioni.... bel tema da sviluppate già tale. Non si potevano evitare? Caso ebrei? Sapevan tutti ciò che succedeva nell'impero nazista e non fu gettata neppure una bomba su uno snodo ferroviario sui treni che portavano ai lager... si preferì scaricare tonnellate di bombe sulla città di Dresda ma non una, dico una, bomba su un tratto di ferrovia che avrebbe messo in seria difficoltà le autorità preposte allo smistamento dei deportati. Perché? Inoltre non solo zingari (rom e sinti sono zingari, siamo noi a vederli con negatività sempre) ma anche i nostri prigionieri non firmatari della RSI finirono in campi di concentramento, come i prigionieri politici, gli ostili al regime come il grande teologo D. Bonhoeffer (la sua assenza di Dio)... Si sono consumati genocidi con benedizione ecclesiastica (nulla salus extra ecclesiam), vedi maya ma non mi dilungherò in un elenco...

Chi sono i nuovi perseguitati, i nuovi ebrei? Chi si trova in situazioni disperate, palestinesi, siriani, migrantes (qui c'è il pericolo che cadano ad alimentare la mafia – vedi il programma EUROSUR – e chi cade nei ghetti della povertà assoluta... alla sera è ricchissimo eppoi si trova clochard.... tra acqua e piscio... connotazione fortissima e crudele ma vera. Non amo le commemorazioni quando certi reati contro l'umanità si potevano e si possono evitare... Ricordare è un dovere ma per prevenire gli errori e non per retoriche celebrazioni: le lascio ad altri, è il loro mestiere.

 

Enrico Marco Cipollini


Articoli correlati

  Gino Songini. NO e ancora NO ai reati di opinione
  Vincenzo Donvito. Reato di negazionismo: Si sa da dove si parte ma non dove si arriva
  Anne in the Sky: un grande messaggio di pace
  L’artista santhiatese Ennio Cobelli dona al poeta Roberto Malini la sua opera “Holocaust”
  Eugenio de' Giorgi. “Affittasi monolocale zona Ghetto” con il Teatro Olmetto
  Festival Fare Memoria 2016
  Ricordando con Primo Levi l'orrore dell'Olocausto nazifascista degli ebrei
  Una poesia di Roberto Malini dedicata ad Anne Frank
  Gli ebrei sotto il regno sabaudo - incontro a Santhià (Vercelli)
  Giornata della Memoria a Vercelli: le donne della Shoah
  Donazione di una foto firmata da Gino Bartali dall'Italia al Museo Yad Vashem
  L’ultima stazione. Per non dimenticare al Teatro Laboratorio
  EveryOne Group. Donazione di Roberto Malini a favore del Museo della Shoah di Roma
  Ionne Biffi. Gusen: infanzia negata
  Shoah: tavole rotonde, commemorazioni, concerti per ricordare
  In libreria/ Susanne Raweh. La storia della nonna bambina
  Milano. Il radicale Lucio Bertè rende omaggio alle vittime della Shoah nel cimitero “ad Martyres”
  Pietre in cui inciampa la coscienza: i “Stolpersteine”
  Vetrina/ Paola Mara De Maestri. Poesie per non dimenticare
  Lidia Menapace. Sull'ignoranza religiosa
  Arvangia. Dare voce alla memoria che tace…
  Matteo Moca. “Shoah”, Lanzmann e la memoria
  Roberto Malini. È morto Wiesel
  Roberto Malini. Il 18 settembre 1926 è nato Joe Kubert, genio del fumetto
  SHOAH RIFLESSIONI & OMAGGI
  Il 19 aprile è "Yom HaShoah", il Giorno della Shoah
  Giorno dell’Indipendenza di Israele a Vercelli
  Yom HaShoah. Dall'Italia in regalo la App che ricorda Helga Deen e l'Olocausto
  Gigi Fioravanti. Giorno della memoria. Domande
  L’8 giugno alla Rocca di Sassocorvaro inaugurazione della mostra “Artisti dell’Olocausto"
  Erveda Sansi. Ricordare per conoscere
  TEREZIN: frammenti di vite in attesa dello sterminio
  Benedetto Della Vedova. Fame... iraniana
  Milano, binario 21
  Vetrina/ Roberto Malini. In morte di Shlomo Venezia, testimone della Shoah
  “L’oro di Milcik”. Un concerto per la Giornata della Memoria 2009
  Giornata della Memoria: Le vostre orme leggere
  Biblioteca della Valchiavenna. La Shoah in casa
  Vincenzo Donvito. Reato di negazionismo? Reato di opinione!
  Guido Bedarida. Per il Giorno della Memoria
  “Gli scomparsi” di Daniel Mendelsohn
  La ragazza con la fisarmonica
  Arcigay Arezzo per la Giornata della Memoria ricorda l'Omocausto
  Roberto Malini. Il 20 settembre 1992 è morto Kadish, artista e testimone della tragedia umana
  Ricordando con Joyce Lussu la Shoah
  Esther Ettinger. Una scala di filo spinato, deserta di ali
  Liceo Ceccano. Giornata della Memoria 2009
  Doriana Goracci: Giornata della Memoria con Gaza e Lucca nel tempo storico presente
  Enrico Peyretti. Memoria della com-passione
  I giovani ricordano la Shoah
  Giorno della Memoria 2016: poeti e musicisti a tavola con Anne Frank
  Vetrina/ Patrick Sammut. Giorno della memoria
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 3 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.3%
NO
 23.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy