Mercoledì , 20 Giugno 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lidia Menapace. Sull'ignoranza religiosa
30 Dicembre 2014
 

Se voleste o aveste voluto fare una tesi sull'induismo, avreste studiato l'induismo stesso, oppure no? immagino che lo avreste studiato col massimo impegno.

Se si tratta di cattolicesimo, l'ignoranza invece è raccomandata: non scherzo, fino al Concilio Vaticano secondo, cioè fino a ieri sera, la lettura diretta e conoscenza personale e interpretazione parimenti personale della Scrittura era vietata ai cattolici, come “libero esame”, una delle caratteristiche delle chiese evangeliche, dunque esecrabile.

Fino a farci le tremende guerre di religione, che in Europa ebbero fine solo col Trattato di Vesfalia del 1648, quando si decise che ciascun suddito (le donne non erano contate, né citate) seguisse la religione del suo capo di stato, cujus regio, eius religio. Sicché Ratzinger non avrebbe avuto possibilità di diventare papa, se invece che in Baviera fosse nato in Prussia, bel criterio!

Quando poi si confrontano fra loro, mettono fuori della porta chi non condivide i loro criteri, ad esempio si sottraggono al ridicolo di domande, come la seguente: ma che cosa si diranno i tre dei unici delle tre religioni più diffuse sulla terra, tutte e tre religioni del Libro, che cioè hanno un testo canonico, sulla base del quale giudicano gli eventi? e quando un testo è comune e due delle tre grandi religioni come ad esempio l'Antico testamento, chi giudica? e se si debbono attribuire torti e ragioni, si può dire che la guerra santa fu inventata da un frate cattolico via di testa, che al grido “Dio lo vuole” capeggiò la rovinosa avventura finita male della prima crociata?

Sulla base della quale poi si fecero sanguinose spedizioni militari: la motivazione ufficiale fu sempre la Liberazione del Santo sepolcro, che gli islamici, ricordando la visita di san Francesco, non negarono ai credenti cattolici di custodire e visitare, spesso dovendo frenare con la forza i litigi tra ordini religiosi che se ne contendevano il possesso.

Ma il massimo fu tollerare che i soldati di Hitler portassero sulla pancia un cinturone sul quale era scritta una delle più atroci bestemmie: Gott mit uns!, “Dio è con noi”.

L'ignoranza arriva al punto di ostinarsi a chiamareOlocausto" invece che Shoah o Endsolution la Shoah: orbene olocausto è una pia parola pagana, che indica i sacrifici dei quali le vittime animali erano interamente bruciate, e non mangiate come si faceva nei sacrifici più modesti. È vero che il popolo ebreo è famoso per il suo umorismo nero, ma chiamareinteramente bruciati per sacrificio religioso”, milioni di ebrei passati per il camino, è davvero intollerabile.

E non parliamo della tortura, usata dalla Santa Inquisizione come mezzo per strappare la “verità” agli eretici e alle streghe (finalmente anche delle donne!): c'è voluto un illuminista per dimostrare che la tortura serve solo per far dire menzogne.

Insomma la conclusione troppo rapida e troppo poco ragionata è che l'ignoranza è sempre ignoranza.

 

Lidia Menapace


Articoli correlati

  Swati Safena. Caccia alle streghe
  Il potere di cacciare le streghe
  Miriam Della Croce. Lacune bibliografiche
  “Cantiere Teatrale Permanente”. Sabato sera al Museo di Bormio
  Giorgetta e Scaramellini. E le ceneri gettate nell'acqua
  Stregoneria e paesaggio. Convegno a Triora
  Piero Tognoli. Tra passato e futuro contro l’ignoranza che genera intolleranza
  Cristian Copes. Convegno ai Bagni di Màsino sulla stregoneria
  Maria G. Di Rienzo. La strega
  Annagloria Del Piano. Il ricordo di Maria Salvadora de’ Mossini
  Maria G. Di Rienzo. Streghe
  Laura Sicignano. La Strega. Al Litta di Milano fino al 19 ottobre
  Debutto del romanzo di Massimo Prevideprato, “La donna senza volto”. Sabato conferenza a Ponte; Venerdì anteprima a "Radioattività"
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 4
  Valtellina, terra di streghe
  Eugenio de' Giorgi. “Affittasi monolocale zona Ghetto” con il Teatro Olmetto
  Milano. Il radicale Lucio Bertè rende omaggio alle vittime della Shoah nel cimitero “ad Martyres”
  Erveda Sansi. Ricordare per conoscere
  Ionne Biffi. Gusen: infanzia negata
  Una poesia di Roberto Malini dedicata ad Anne Frank
  Ricordando con Primo Levi l'orrore dell'Olocausto nazifascista degli ebrei
  Gli ebrei sotto il regno sabaudo - incontro a Santhià (Vercelli)
  Roberto Malini. Il 20 settembre 1992 è morto Kadish, artista e testimone della tragedia umana
  Roberto Malini. Il 18 settembre 1926 è nato Joe Kubert, genio del fumetto
  Il 19 aprile è "Yom HaShoah", il Giorno della Shoah
  Giornata della Memoria a Vercelli: le donne della Shoah
  Benedetto Della Vedova. Fame... iraniana
  L’artista santhiatese Ennio Cobelli dona al poeta Roberto Malini la sua opera “Holocaust”
  EveryOne Group. Donazione di Roberto Malini a favore del Museo della Shoah di Roma
  I giovani ricordano la Shoah
  Giornata della Memoria: Le vostre orme leggere
  TEREZIN: frammenti di vite in attesa dello sterminio
  In libreria/ Susanne Raweh. La storia della nonna bambina
  Anne in the Sky: un grande messaggio di pace
  Giorno dell’Indipendenza di Israele a Vercelli
  Vetrina/ Patrick Sammut. Giorno della memoria
  Pietre in cui inciampa la coscienza: i “Stolpersteine”
  Donazione di una foto firmata da Gino Bartali dall'Italia al Museo Yad Vashem
  Vetrina/ Paola Mara De Maestri. Poesie per non dimenticare
  L’ultima stazione. Per non dimenticare al Teatro Laboratorio
  Arvangia. Dare voce alla memoria che tace…
  Roberto Malini. È morto Wiesel
  Matteo Moca. “Shoah”, Lanzmann e la memoria
  Biblioteca della Valchiavenna. La Shoah in casa
  SHOAH RIFLESSIONI & OMAGGI
  Milano, binario 21
  Yom HaShoah. Dall'Italia in regalo la App che ricorda Helga Deen e l'Olocausto
  Gigi Fioravanti. Giorno della memoria. Domande
  Vincenzo Donvito. Reato di negazionismo? Reato di opinione!
  L’8 giugno alla Rocca di Sassocorvaro inaugurazione della mostra “Artisti dell’Olocausto"
  Festival Fare Memoria 2016
  Enrico Peyretti. Memoria della com-passione
  Doriana Goracci: Giornata della Memoria con Gaza e Lucca nel tempo storico presente
  Federica Bonzi, Enrico Marco Cipollini. Memoria, memorie...
  La ragazza con la fisarmonica
  Vetrina/ Roberto Malini. In morte di Shlomo Venezia, testimone della Shoah
  “L’oro di Milcik”. Un concerto per la Giornata della Memoria 2009
  Esther Ettinger. Una scala di filo spinato, deserta di ali
  Guido Bedarida. Per il Giorno della Memoria
  “Gli scomparsi” di Daniel Mendelsohn
  Arcigay Arezzo per la Giornata della Memoria ricorda l'Omocausto
  Ricordando con Joyce Lussu la Shoah
  Liceo Ceccano. Giornata della Memoria 2009
  Shoah: tavole rotonde, commemorazioni, concerti per ricordare
  Giorno della Memoria 2016: poeti e musicisti a tavola con Anne Frank
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy