Lunedì , 16 Luglio 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
L’eterno giovedì di Pierfrancesco Majorino 
Presentazione a Sondrio Sabato 7 luglio. Luciano Canova con la “Libreria di Alice”
28 Giugno 2007
 

Pierfrancesco Majorino

L’eterno giovedì

Baldini Castoldi Dalai, 2007, € 16,00


Siamo negli anni Sessanta del secondo millennio. Dopo una lunga separazione, Riccardo rintraccia suo padre Vincenzo allo scopo di ricostruire la storia della sua famiglia. Gregorio, Alvarez, Vincenzo, Riccardo, il ricordo come lungo flusso di memoria che si risveglia e affronta, nel racconto di cui l'ultimo destinatario è Mattia, i passi dolorosi di una vita straordinaria in tempi straordinari. Tempi confusi e oscuri in cui ciascun figlio si trova a ripetere l'esperienza del padre in un sistema che si evolve senza cambiare e concepisce il mondo sempre allo stesso modo: diviso tra gli uomini che fanno la storia e quelli che la scrivono. Sullo sfondo, il resoconto "giorno-per-giorno" di uno sciopero condotto da inaspettate manifestanti che lottano per conquistare un ruolo da protagoniste di vite che sono le loro e di cui non intendono affidare la stesura a nessuno.

Questa, in sintesi, la vicenda del romanzo.

L'eterno giovedì è il secondo libro di Pierfrancesco Majorino, dopo l'esordio con Dopo i lampi vengono gli abeti (Pequod Edizioni). Questo libro e il ruolo che i meccanismi e i gorghi della memoria vi giocano lo rendono un testo estremamente originale all'interno del panorama letterario attuale. È davvero un romanzo maturo, con una voce narrativa nitida che, di pagina in pagina, guida sicura il lettore e districa l'intreccio. È un gomitolo che una mano sapiente scioglie, mantenendo con delicatezza il filo ad accompagnare ogni pensiero.

Pierfrancesco è scrittore coraggioso e consapevole, come ha avuto anche modo di sottolineare Giuseppe Genna tessendone più che meritate lodi durante la prima presentazione alla FNAC di Milano.

La storia o, meglio, le storie che riempiono il libro, sono così liriche, così intense: L'eterno giovedì è uno di quei libri da rileggere per sottolinearsi le frasi che emozionano di più, che veicolano un messaggio e, in qualche modo misterioso, aggiungono un pezzo al cosiddetto miglioramento del mondo.

E il “miglioratore del mondo” con cui mi piace appellare Pierfrancesco si riferisce al concetto hessiano di chi, silenziosamente, aggiunge un pezzo di cielo a un po' di buio. Tante sono le suggestioni che comunica L'eterno giovedì: da Quarto potere con la costruzione a incastro a I sentieri dei nidi di ragno per la passione civile con cui viene raccontata la lotta partigiana. Il fruscio dell'inquietudine della società contemporanea, inquieta per l’ombra di un Grande Fratello, fa pensare più a Fahreneit 451 che a 1984. Non so, sarà quell'atmosfera di tensione malinconica che permea le pagine riferite ai tempi più vicini a noi.

Il racconto della fuga di Gregorio durante la seconda guerra mondiale è davvero molto ispirato: leggendolo e rileggendolo, c'è da meravigliarsi per tanta semplicità nel produrre poesia.

Anche Moni Ovadia ha avuto modo di sottolineare la rilevanza di questo romanzo, giustamente dicendo che la prima sensazione è quella di una sana agguerritissima invidia per chi, essendo avvezzo alla buona scrittura, intuisce di avere tra le mani un testo poderoso. La lingua di Piefrancesco è infatti nitida e poietica, uno di quei linguaggi ancora in grado di creare un mondo dentro il quale, accettatene le regole, il lettore ama perdersi.

In conclusione, L'eterno giovedì ha proprio «gli occhi che tagliano il vento» e l'intensità di tante storie fatte di Storia e che la fanno. Si vede che per Pierfrancesco la scrittura è piacere.

Così come sarà un piacere, per chi ne ha la possibilità, leggerlo.

 

Luciano Canova
(per 'l Gazetin, estate 2007)
 
  

Sabato 7 luglio 2007, a Sondrio

Presentazione del romanzo di Pierfrancesco Majorino

L'eterno giovedì

 

Alle ore 17:30 ci sarà un incontro con l'autore presso la “Libreria di Alice”.

Seguirà, alle 18:30, presso la sala “Botterini” (Banca Intesa, via Piazzi)

la presentazione a cura di Luciano Canova

Ingresso libero

 

L'eterno giovedì è il secondo romanzo di Majorino: è la saga di una famiglia che attraversa il '900, dalla guerra civile spagnola ad oggi, con un intreccio narrativo abilmente gestito su più piani.

È un romanzo bello e coraggioso, che merita la massima diffusione.


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.9%
NO
 23.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy