Mercoledì , 20 Gennaio 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Francesca Capelli. Il grande cane nella città fantasma
03 Febbraio 2011
 

Scrive rigorosamente con la mano sinistra. È una delle cose che Francesca Capelli, sorridendo, ama dire di sé. Giornalista e autrice... «un giorno ha scoperto che scrivere per bambini e ragazzi le interessava ancora di più». Inoltre... «pensa che i libri per ragazzi possano essere la cosa più sovversiva del mondo». Ciò non le vieta quindi di trattare temi delicati e importanti come ha saputo fare nel suo romanzo l'estate che uno diventa grande (Sinnos Editrice), nella cui ambientazione argentina compaiono le Abuelas de Plaza de Mayo e si parla del dramma dei desaparecidos.

In queste righe tuttavia vogliamo parlare di un altro suo libro: Il grande cane nella città fantasma (casa editrice Prìncipi & Princìpi). Nella sua veste di giornalista Francesca Capelli è stata nella città (martire per il trattamento ricevuto e infertole) de L'Aquila e, mentre si aggirava fra il disastro di strade e piazze, si è imbattuta in un cane. A quel punto il flash: come un cane, animale così legato all'uomo, può vedere e vivere la città, che aveva conosciuto florida e allegra, in rovina?

Tale ribaltamento della visione le ha consentito di sviluppare una storia assolutamente originale. La Città Fantasma, la Casa Crollata, la Notte Che La Terra Ha Tremato. Le urla nel buio, la polvere che si mescolava all'odore acre della paura. Gli Uomini Con La Tuta. La normalità sconvolta. Ma la fedeltà di un cane può giungere all'inverosimile. Gli uomini e la società ti possono abbandonare ed emarginare, un cane non tradisce mai. Perciò il cane resta a fare la guardia alla casa crollata, alla porta che non c'è più, ai bambini scomparsi.

Una famiglia di nomadi appare nel panorama sconvolto ed è un simbolo, felice ossimoro, di stabilità e amore. Ma anche la Casa Con Le Ruote deve andarsene (pensiamo all'indegno trattamento nel nostro Paese riservato sovente ai Rom). Perché? Il cane è indeciso. La seguirà?

C'è una storia nella storia. Un lieto fine che non camuffa il dramma. A tutti è data una seconda opportunità, ma non vi è assoluzione per il guasto e lo storto che dimorano nelle cose quando mal gestite dall'homo sapiens sapiens aut homo affaristicus.

Francesca Capelli ci insegna che si può raccontare un terremoto e le sue terribili implicazioni, il dolore che ne deriva, la perdita di averi e affetti, lo spaesamento, la distruzione della comunità, le scelte sbagliate della politica, attraverso una fiaba. E che raccontare il male non pregiudica la voglia di rinascere e il risorgere della speranza.

Il testo, succinto ed essenziale ma lirico ed evocativo, si avvale delle bellissime illustrazioni di Brunella Baldi che bene ha saputo interpretare il dipanarsi delle situazioni emotive. Ovviamente dal punto di vista di un cane. Un cane fra le pietre precipitate. Un povero umile modesto cane, con più sensibilità di tanti altri esseri umani.

Il libro è dedicato da Francesca anche... «alle stelle che hanno rischiarato la notte buia dell'Aquila».

 

Alberto Figliolia


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy